Apri il menu principale

Mike Rosati

hockeista su ghiaccio canadese naturalizzato italiano
Mike Rosati
Mike Rosati.jpg
Nazionalità Canada Canada
Italia Italia (dal 1993)
Altezza 175 cm
Peso 78 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Portiere
Presa Sinistra
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1984-1985 St. Michael's Buzzers 73 0 0 0
1985-1988 Hamilton Steelhawks 111 0 5 5
1988-1989 Niagara Falls Thunder 68 0 5 5
Squadre di club0
1989-1990 Erie Panthers 52 0 2 2
1990-1996 Bolzano 209 0 3 3
1996-1998 Adler Mannheim 105 0 2 2
1998-1999 Washington Capitals 1 0 0 0
1998-1999 Manitoba Moose 13 0 1 1
1998-1999 Portland Pirates 32 0 0 0
1999-2003 Adler Mannheim 224 0 6 6
2003-2004 Heilbronner Falken 51 0 1 1
Nazionale
1993-2003 Italia Italia 73 0 0 0
NHL Draft
1988 N.Y. Rangers 131a scelta ass.
Allenatore
2004-2005 Adler Mannheim Asst. Coach
2010- Barrie Colts All. Portieri
2013- Barrie Colts Asst. Coach
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2012

Michael Anthony Rosati (Toronto, 7 gennaio 1968) è un allenatore di hockey su ghiaccio ed ex hockeista su ghiaccio canadese naturalizzato italiano che giocava nel ruolo di portiere. Viene considerato il più forte italiano nel suo ruolo, tanto da essere in assoluto il primo giocatore azzurro a giocare in National Hockey League.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Dopo aver iniziato nelle leghe minori canadesi, venne scelto al settimo giro (131° assoluto) nel draft del 1988 della NHL dai New York Rangers. Fu girato ad alcune squadre satellite, finché, nel 1990, non approdò in Italia, all'Hockey Club Bolzano. In sei stagioni contribuisce alla conquista di due scudetti e conquistò la nazionale, il "Blue Team", che guidò ai mondiali dal '94 al 2003 ed ai Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994 e Nagano 1998.[1]

Quando il movimento hockeistico italiano entrò in crisi, nella seconda metà degli anni '90, Rosati si trasferì in Germania, a Mannheim. Dopo due stagioni, nel 1998 venne notato e acquistato dai Washington Capitals come terzo portiere. Girato al farm team dei Portland Pirates, sembrava destinato a guardare da lontano il mondo dell'NHL. Invece l'infortunio del secondo portiere dei Capitals lo portò in panchina, e il successivo infortunio durante una partita del titolare, Olaf Kölzig, lo portò all'esordio contro gli Ottawa Senators, incontro vinto da Washington per 8 a 5.[2] Era il 7 novembre 1998: per la prima volta un giocatore italiano calcava il ghiaccio del professionismo nordamericano. E Rosati si distinse: nei 28 minuti giocati non subì alcun gol.

Fu però un episodio isolato: terminò la stagione in un altro farm team. L'anno successivo fece ritorno in Germania, sempre a Mannheim, per altre quattro stagioni. Concluse la sua carriera di giocatore nel 2004 in una squadra di seconda divisione tedesca.[3]

Non senza sorpresa, nel novembre 2005 il c.t. della Nazionale italiana Michel Goulet ha inserito Rosati tra i pre-convocati in vista dei XX Giochi olimpici invernali di Torino. Tuttavia alla fine non se n'è fatto più nulla e Rosati non compare neppure nell'elenco delle 10 riserve a casa.

AllenatoreModifica

Nella stagione 2004/05 è tornato a Mannheim, dove ha intrapreso la carriera di allenatore, come assistente di Stéphane Richer (che a sua volta era subentrato a stagione iniziata ad un altro ex portiere degli Adlers, Helmut de Raaf, per alcune stagioni compagno di squadra di Rosati).

Nel 2011 è divenuto allenatore dei portieri dei Barrie Colts, nella Ontario Hockey League, e dal 2013 è anche assistant coach della squadra.[4] Ha una scuola di hockey a Barrie, specializzata nell'allenamento dei portieri, aperta con Ray Dyke.[5]

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mike Rosati Bio, Stats, and Results, sports-reference.com. URL consultato il 21 maggio 2013.
  2. ^ (EN) Legends of Hockey - Player - Mike Rosati, legendsofhockey.net. URL consultato il 21 maggio 2013.
  3. ^ (EN) Mike Rosati, internationalhockeylegends, dicembre 2007. URL consultato il 21 maggio 2013.
  4. ^ (EN) Barrie Colts goaltending coach given additional duties with OHL team, su thebarrieexaminer.com, 25 luglio 2013. URL consultato l'8 agosto 2016.
  5. ^ (EN) Canadian Goaltending Academy, su torontohockey.net. URL consultato l'8 agosto 2016.

Collegamenti esterniModifica