Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il campione olimpico di lancio del giavellotto, vedi Miklós Németh (atleta).
Miklós Nemeth
Miklós Németh.jpg

Primo ministro provvisorio dell'Ungheria
Durata mandato 23 ottobre 1989 –
23 maggio 1990
Predecessore carica istituita
Successore József Antall

Presidente del consiglio dei Ministri della Repubblica Popolare d'Ungheria
Durata mandato 24 novembre 1988 –
23 ottobre 1989
Predecessore Károly Grósz
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Operaio Ungherese

Miklós Németh (Monok, 14 gennaio 1948) è un politico ungherese, Primo ministro dell'Ungheria dal 23 novembre 1988 al 23 maggio 1990.

Era uno dei capi del Partito Socialista Operaio Ungherese, l'ex-partito comunista dell'Ungheria in carica negli anni tumultuosi che portarono alla caduta del comunismo negli stati dell'Europa orientale e centrale.

Come Primo Ministro, Németh prese la controversa decisione di permettere ai cittadini della Germania Est di scappare dal Paese attraverso il confine con l'Ungheria verso la Germania Ovest. Questa decisione aiutò fortemente la caduta del Muro di Berlino il 9 novembre 1989.

Dopo aver abbandonato l'incarico nel 1990, Németh divenne vicepresidente della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, con sede a Londra, l'istituzione finanziaria stabilita dalla comunità internazionale per aiutare i paesi dell'ex-blocco sovietico e l'Unione Sovietica stessa nella loro transizione verso economie di mercato democratiche. Lasciò la Banca nel 2000 per tornare in Ungheria, dove tentò di diventare lo sfidante alla carica di Primo Ministro per il Partito Socialista Ungherese, ma senza successo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN121438650 · ISNI (EN0000 0000 7920 0160 · LCCN (ENno2015114044 · GND (DE170653269 · WorldCat Identities (ENno2015-114044