Millemilioni

Millemilioni
PaeseItalia
Anno1981
Generemusicale
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreRaffaella Carrà
RegiaGino Landi
Casa di produzioneRai, ATC, Canal 13, ITC, TSS
Rete televisivaRete 2

Millemilioni è stata una trasmissione televisiva della Rete 2 condotta da Raffaella Carrà, andata in onda per una sola stagione alle 20.40, dall'8 marzo 1981 al 12 aprile 1981 in 5 puntate.

Il programmaModifica

Nel periodo che va dal 1978 al 1980 la Carrà cura maggiormente la sua carriera di cantante riuscendo a conquistare il mercato europeo, giapponese e soprattutto quello sudamericano dove diventa un vero fenomeno popolare[1]. Di conseguenza arrivano delle proposte per realizzare alcuni special da parte di diverse televisioni, tra cui quella inglese e quella russa[1]. L'Unione Sovietica, alla fine del 1979, aveva richiesto alla Rai di realizzare un programma musicale con Raffaella che in quel periodo era in Argentina impegnata in tour e per le riprese del film "Barbara"[1]. Si pensò quindi di coinvolgere anche altri paesi in cui la soubrette godeva di grande popolarità. Nasce quindi l'idea di realizzare cinque speciali, ognuno dei quali girato in una diversa capitale: Buenos Aires, Città del Messico, Londra, Roma e Mosca. Si può quindi considerare il programma come uno dei primi esperimenti di coproduzione televisiva internazionale. Le televisioni coinvolte oltre alla Rai furono la ATC (Argentina), Canal 13 (Messico), ITC (Inghilterra), e TSS (Russia). Il programma fu realizzato tra il marzo e il novembre del 1980 per essere poi trasmesso dopo vari rinvii nel marzo dell'anno successivo.

Il programma ebbe una media di circa 10 milioni di telespettatori, che per l’epoca non fu un grande risultato.

Struttura delle puntateModifica

Millemilioni verteva principalmente sulle esibizioni musicali della cantante. La maggior parte dei brani presentati era tratta dall'album "Mi spendo tutto". Le sigle, iniziale e finale, erano "Mi spendo tutto" ed "Io non vivo senza te". Si parte dalla presentazione del Paese visitato con Raffaella insieme al pupazzetto animato disegnato da Sandro Lodolo vestito secondo il costume locale e identificato con un nome altrettanto tipico; quindi si prosegue con un panoramica della città di carattere generale, fino ad arrivare agli angoli meno conosciuti e più caratteristici. Ogni puntata è dedicata ad una nazione e Raffaella, oltre che a dare un quadro generale degli usi e dei costumi del posto, canta e balla soprattutto per le strade, tra i monumenti della capitale e nei luoghi più impensati coinvolgendo spesso la gente comune del posto. Numerosi sono i video proposti, tra in tanti spiccano: "Rumore" in una discoteca londinese e dentro una grotta messicana, "Amicoamante" su di un ring, "Pedro" in un luna park e tra i vicoli Buenos Aires, "In the city" su un ponte, "Yo no se vivir sin ti" in un teatro, "Roma non far la stupida stasera" ai bordi di una fontana, "Ratataplan" su di una barca, "Latino" su di un elicottero, "Buen Amor" in un bazar, "0303456" in un circo, "Volare" sulla pista di un aeroporto e perfino sopra le ali di un aereo. L'idea è quella di eseguire i balletti e cantare le canzoni nei luoghi caratteristici di queste capitali facendole conoscere al pubblico televisivo, non ancora globalizzato, attraverso la sua musica e lo spettacolo, posti e luoghi mai visti. Nelle successive repliche di "Millemilioni" verranno tagliati i video di "Volare" e "Ciak" per il contenuto di loghi pubblicitari[1].

LUOGO SIGLA INIZIALE ESIBIZIONI SIGLA FINALE
BUENOS AIRES MI SPENDO TUTTO IN THE CITY

MANANA

CIACK

YO NO SE VIVIR SIN TI

BALLETTO MODERNO

A MEDIA LUZ

PEDRO

FIESTA

BUEN AMOR

Balletto GERSKIWIN

VUELVE

IO NON VIVO SENZA TE
MOSCA MI SPNDO TUTTO FIESTA

A FAR L'AMORE ...

E SALUTALA PER ME

ANTOSHKA

PEDRO

BALLETTO LUCI DELLA RIBALTA

MARIA MARI'

0303456

TORNA DA ME

BALLETTO STAR WARS

IO NON VIVO SENZA TE
CIUDAD MEXICO MI SPENDO TUTTO LATINO

HAY QUE VENIR AL SUR

BUEN AMOR

CAN CAN

MEDLEY MEXICO

RUMORE

MARIA MARI'

BAMBA

NO LE HAGAS LO QUE A MI

IO NON VIVO SENZA TE

Cast tecnicoModifica

Regia: Gino Landi Autori: Gino Landi Scenografia: Cesarini da Senigallia Costumi: Luca Sabatelli Coreografie: Gino Landi Orchestra: Paolo Ormi Primo ballerino: Sergio Japino

NoteModifica

  1. ^ a b c d [1].
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione