Milutin Milanković

ingegnere e climatologo serbo

Milutin Milanković (in serbo: Милутин Миланковић?; Dalj, 28 maggio 1879[1]Belgrado, 12 dicembre 1958[2]) è stato un ingegnere, matematico e climatologo serbo. Nel periodo tra le due guerre mondiali divenne professore universitario e insegnò matematica applicata all'Università di Belgrado.

Il giovane Milutin Milanković all'epoca in cui era studente.

StudiModifica

Milanković diede due fondamentali contributi alle Scienze e in particolare al nascente studio della climatologia. Il suo primo contributo è il "Canone dell'insolazione terrestre", di cui fa parte lo studio sulla "Distribuzione della radiazione solare sulla superficie terrestre",[3], pubblicato il 5 giugno 1913, nel quale descrisse e calcolò il clima dei vari pianeti del sistema solare sulla base dell'insolazione che ricevono dal Sole. Sviluppò una teoria matematica che descriveva il clima delle varie zone della terra in funzione dell'intensità dell'insolazione ricevuta.[4]

Il secondo contributo è un'interpretazione dei cambiamenti climatici periodici a lungo termine che avvengono sul nostro pianeta mettendoli in correlazione con le variazioni dell'eccentricità orbitale, dell'inclinazione dell'asse terrestre e della precessione degli equinozi. Queste oscillazioni periodiche del clima sono oggi note come cicli di Milanković. Con questi cicli contribuiva a spiegare il ripetersi delle glaciazioni avvenute nella storia della Terra e a prevedere i futuri cambiamenti climatici. Fu uno dei pionieri della climatologia planetaria, calcolando per via teorica le temperature degli strati superiori dell'atmosfera terrestre come pure le condizioni di temperatura della Luna e dei pianeti interni del sistema solare (Mercurio, Venere, Marte); calcolò inoltre lo spessore dell'atmosfera dei pianeti esterni. Con l'insieme dei suoi lavori contribuì a trasformare le scienze della terra da indagini descrittive a scienze esatte.

Gli è stato dedicato un asteroide, 1605 Milankovitch, un cratere sulla Luna di 101 km di diametro[5] e un cratere su Marte di 118,4 km di diametro[6]. Dal 23 dicembre 2011 la sua immagine compare anche sulla nuova banconota da 2.000 Dinari serbi. Gli è stato intitolato anche il telescopio Milanković[7] installato nel 2011 presso l'osservatorio Astronomico di Belgrado, del quale Milanković è stato direttore[8] dal 1948 al 1951.

NoteModifica

  1. ^ Dalj era allora parte dell'Impero austro-ungarico (oggi Croazia)
  2. ^ Belgrado era allora in Jugoslavia, oggi in Serbia
  3. ^ О распореду сунчеве радијације на површини земље - II-058359 - Дигитална Народна библиотека Србије, Scc.digital.nb.rs. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2011).
  4. ^ Walther Schwarzacher, Cyclostratigraphy and the Solar Radiation, p. 43
  5. ^ (EN) Moon: Milankovič
  6. ^ (EN) Mars: Milankovič
  7. ^ (EN) FIRST LIGHT OF THE MILANKOVIĆ TELESCOPE, su firstlight.aob.rs. URL consultato il 23 agosto 2020.
  8. ^ (SR) ASTRONOMSKA OPSERVATORIJA U BEOGRADU, su astronomija.co.rs. URL consultato il 23 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2013).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66618750 · ISNI (EN0000 0001 0911 0108 · LCCN (ENn80113337 · GND (DE118888005 · BNF (FRcb13486605r (data) · BAV (EN495/231838 · WorldCat Identities (ENlccn-n80113337