Apri il menu principale
Mirari Vos
Lettera enciclica
Stemma di Papa Gregorio XVI
Pontefice Papa Gregorio XVI
Data 15 agosto 1832
Anno di pontificato II
Argomenti trattati Condanna del liberalismo
Enciclica papale nº IV di IX
Enciclica precedente Cum Primum
Enciclica successiva Singulari Nos

L'enciclica Mirari Vos è stata pubblicata da papa Gregorio XVI il 15 agosto 1832. Con tale enciclica venivano condannati tutti i principi del liberalismo religioso e politico. Anche se non era mai nominato espressamente veniva soprattutto respinto il tentativo di Lamennais e del suo giornale l'Avenir di introdurre nell'alveo della Chiesa le tesi liberali. Lamennais poteva far valere il suo passato ultramontano e la strenua difesa della libertà della Chiesa, ma trovò avversi sia il Nunzio, sia la Compagnia di Gesù.

Indice

Punti principali dell'enciclicaModifica

  • condanna delle tesi della necessità di un rinnovamento della Chiesa:

«appare chiaramente assurdo ed oltremodo ingiurioso per la Chiesa proporsi una certa "restaurazione e rigenerazione", come necessaria per provvedere alla sua salvezza ed al suo incremento, quasi che la si potesse ritenere soggetta a difetto, o ad oscuramento o ad altri inconvenienti di simil genere»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)
  • riaffermazione dell'indissolubilità del matrimonio...

«l’onorando matrimonio dei Cristiani esige le Nostre comuni premure affinché in esso nulla s'introduca o si tenti introdurre di meno onesto che sia contrario alla sua santità o leda l'indissolubilità del suo vincolo»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)

«vogliamo eccitare sempre più la vostra costanza a favore della Religione, affinché vi opponiate all’immonda congiura contro il celibato clericale»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)

«Veniamo ora ad un'altra sorgente trabocchevole dei mali, da cui piangiamo afflitta presentemente la Chiesa: vogliamo dire l’indifferentismo, ossia quella perversa opinione che per fraudolenta opera degl'increduli si dilatò in ogni parte, e secondo la quale si possa in qualunque professione di Fede conseguire l'eterna salvezza dell'anima se i costumi si conformano alla norma del retto e dell'onesto»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)
  • condanna della libertà di coscienza intesa come corollario dell'indifferentismo:

«Da questa corrottissima sorgente dell'indifferentismo scaturisce quell'assurda ed erronea sentenza, o piuttosto delirio, che si debba ammettere e garantire a ciascuno la libertà di coscienza: errore velenosissimo, a cui apre il sentiero quella piena e smodata libertà di opinione che va sempre aumentando a danno della Chiesa e dello Stato»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)
  • condanna della libertà di pensiero e di stampa:

«...pessima, né mai abbastanza esecrata ed aborrita "libertà della stampa" nel divulgare scritti di qualunque genere; libertà che taluni osano invocare e promuovere con tanto clamore. Inorridiamo, Venerabili Fratelli, nell'osservare quale stravaganza di dottrine ci opprime o, piuttosto, quale portentosa mostruosità di errori si spargono e disseminano per ogni dove con quella sterminata moltitudine di libri, di opuscoli e di scritti»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)
  • riaffermazione del dovere di sottomissione ai sovrani legittimi:

«Avendo poi rilevato da parecchi scritti che circolano fra le mani di tutti propagarsi certe dottrine tendenti a far crollare la fedeltà e la sommissione dovuta ai Principi, e ad accendere ovunque le torce della guerra, vi esortiamo ad essere sommamente guardinghi»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)

«Né più lieti successi potremmo presagire per la Religione ed il Principato dai voti di coloro che vorrebbero vedere separata la Chiesa dal Regno, e troncata la mutua concordia dell'Impero col Sacerdozio. È troppo chiaro che dagli amatori d'una impudentissima libertà si teme quella concordia che fu sempre fausta e salutare al governo sacro e civile»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)
  • appello all'aiuto statale (concezione strumentale dello Stato):

«Per il resto, i Nostri carissimi figli in Cristo, i Principi, assecondino questi comuni voti – per il bene della Chiesa e dello Stato – con il loro aiuto e con quell’autorità che devono considerare conferita loro non solo per il governo delle cose terrene, ma in modo speciale per sostenere la Chiesa. Riflettano diligentemente su quanto deve essere fatto per la tranquillità dei loro Imperi e per la salvezza della Chiesa; si persuadano anzi che devono avere più a cuore la causa della Fede che quella del Regno»

(Gregorio XVI, Mirari Vos)

L'enciclica riaffermava, sul piano politico l'appoggio della Santa Sede alle posizioni favorevoli all'assolutismo (distacco delle posizioni della borghesia intellettuale) e, sul piano ecclesiastico, il rigetto della linea dei cattolici liberali.

Il cardinal Pacca inviò a Lamennais, Lacordaire e Charles de Montalembert una lettera in cui si diceva chiaramente che il papa intendeva colpire con l'enciclica la linea di pensiero dell'Avenir.[1]

NoteModifica

  1. ^ Lacordaire entrò tra i domenicani e contribuì a restaurare tale ordine ordine in Francia. Lamennais nel 1834 con il libro Paroles d'un croyant si poneva in una posizione chiaramente eterodossa, condannata espressamente nello stesso anno da una nuova enciclica: la enciclica Singulari Nos

FontiModifica

  • Tutte le encicliche e i principali documenti pontifici emanati dal 1740. 250 anni di storia visti dalla Santa Sede, a cura di Ugo Bellocchi. Vol. III: Leone XII (1823-1829), Pio VIII (1829-1830), Gregorio XVI (1831-1846), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1994

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo