Moggio (Etiopia)

città etiope

Moggio[2][3] (in amarico: in amarico ሞጆ, Moǧo, a volte traslitterato come Modjo, o Mojo) è un centro abitato dell'Etiopia, situato nell'Oromia, nelle vicinanze del fiume Moggio, affluente dell'Auasc.

Moggio
città
ሞጆ
Moggio – Veduta
Moggio – Veduta
La campagna di Moggio
Localizzazione
StatoBandiera dell'Etiopia Etiopia
RegioneOromia
ZonaScioa orientale
Territorio
Coordinate8°39′00″N 39°05′00″E
Altitudine1 788 m s.l.m.
Abitanti28 547[1] (cens. 2007)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Etiopia
Moggio
Moggio

Situato a 60 km a sud est della capitale Addis Abeba, Moggio si trova ad un'altitudine di 1788 m sul livello del mare.

La prima menzione di Moggio è contenuta nell'opera Futuh al-Habasha (Conquista dell'Abissinia, scritta da Šihab ad-Din Ahmad bin Abd al-Qader bin Salem bin Utman nel XVI secolo), dove si registra che l'imam Aḥmad Grāñ b. Ibrāhīm bruciò un villaggio chiamato "Masin" e una chiesa appartenente all'Imperatore prima della battaglia di Shembra Couré; all'epoca, Moggio faceva parte dell'ex provincia di Fatagar[4].

In epoca fascista venne realizzato un campo di concentramento per l'internamento di alti funzionari statali etiopi, preti e monaci[5].

Nel giugno del 1965 iniziò la costruzione del distretto tessile sintetico etiope-cinese, con un investimento di 15 milioni di Birr, con la commercializzazione dei primi prodotti nell'agosto 1966.

Il 30 ottobre 1996, un aereo dell'aeronautica militare etiope si è schiantato sul mercato, causando 8 morti, 94 feriti e circa 50 edifici distrutti da un incendio.

Infrastrutture e trasporti

modifica

Moggio è collegata tramite la strada, costruita prima della conquista italiana, che collega con la città di Adama. Nella città era presente anche la stazione ferroviaria della ex linea Addis Abeba - Gibuti (che nel 1915 venne estesa da Dire Daua ad Akaki); con l'arrivo della ferrovia, nella città di Moggio arrivò anche il telegrafo (e in seguito il servizio telefonico), e venne realizzato un ristorante per servire i viaggiatori.

Nel 2016 è stata realizzata la nuova stazione ferroviaria sulla nuova linea Addis Abeba-Gibuti a scartamento normale.

Società

modifica

Evoluzione demografica

modifica

Il censimento 1994 ha registrato una popolazione totale di 21.997 abitanti (10.455 maschi e 11.542 femmine), mentre quello del 2007 ha registrato 28547 persone (4.355 maschi e 15192 femmine).

  1. ^ Census-2007 Report - Statistical_Oromiya
  2. ^ Cfr. il toponimo Moggio sulla cartina dell'Etiopia a p. 621 in Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli-Larousse, vol. VII, Milano, RCS, 1994.
  3. ^ Carlo Giacomelli, Con la Monterosa sulla gotica: Una vita come tante altre, Soldiershop Publishing, 2016.
  4. ^ Sihab ad-Din Ahmad bin 'Abd al-Qader, Futuh al-Habasa: The conquest of Ethiopia, tradotto da Paul Lester Stenhouse con annotazioni di Richard Pankhurst, Hollywood, Tsehai, 2003, p. 60.
  5. ^ Campo di concentramento di Mojo/Moggio, su campifascisti.it. URL consultato il 13 gennaio 2017.

Collegamenti esterni

modifica
  • (AM) Sito web correlato, su ethiopia.gov.et. URL consultato il 20 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2017).
  Portale Africa Orientale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Africa Orientale