Apri il menu principale

Montebello (Poggio Torriana)

frazione del comune italiano di Poggio Torriana
Montebello
frazione
Montebello – Veduta
Mura e mastio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Rimini-Stemma.png Rimini
ComunePoggio Torriana-Stemma.png Poggio Torriana
Territorio
Coordinate43°58′18″N 12°22′06″E / 43.971667°N 12.368333°E43.971667; 12.368333 (Montebello)Coordinate: 43°58′18″N 12°22′06″E / 43.971667°N 12.368333°E43.971667; 12.368333 (Montebello)
Altitudine436 m s.l.m.
Abitanti28
Altre informazioni
Cod. postale47030
Prefisso0541
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montebello
Montebello

Montebello di Torriana è una frazione del comune di Poggio Torriana, in provincia di Rimini, famosa per un castello che, secondo una leggenda, sarebbe abitato da un fantasma di nome Azzurrina.

Montebello è molto interessante anche da un punto di vista storico, le sue origini risalirebbero all'epoca preromana, sembra che i primi abitatori di questo sito fossero popolazioni celtiche e ai piedi della rupe, sembra esistesse un loro luogo di culto.

Indice

StoriaModifica

La prima costruzione in muratura è di epoca romana (III secolo), una torre a pianta quadrata (ora inserita nella struttura del castello). L'insediamento altomedievale successivo portò in eredità il nome latino Mons belli (Monte della guerra).

Le prime notizie del castello si hanno grazie ad un documento notarile datato 24 settembre 1186, allorché il castello venne venduto da Ugolinuccio di Maltalone a Giovanni Malatesta.

I Malatesta dotarono il castello di fortificazioni, trovandosi al confine con il territorio dei Montefeltro, nemici storici della famiglia riminese. Nel 1393 i Montefeltro, con un audace colpo di mano, riuscirono ad espugnare la fortezza. Nel 1438 Sigismondo Pandolfo Malatesta riuscì a riconquistarla. Ma la fortuna militare del Malatesta declinò fino a quando, nel 1462, venne sconfitto a Pian della Marotta, presso Senigallia, per mano dell'esercito pontificio inviato da Papa Pio II (Piccolomini) e guidato da Federico da Montefeltro. In seguito alla sconfitta, Montebello fu infeudata nel 1464, dai conti Guidi di Bagno.

Da allora la famiglia dei conti Guidi è tuttora proprietaria della Rocca. Dopo il Cinquecento la fortezza subì degli interventi per adattarla a dimora nobiliare. Rispetto alla struttura del 1464, i Guidi hanno ristrutturato un'intera ala del castello ad ala nobile.

Tra il 1968 e il 1973, il castello ha subito un grande intervento di restauro per ripristinare la rocca dagli ingenti danni dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale ed è poi diventato un museo a partire dal 1989. Dallo stesso 1989 è aperto ai visitatori ed è inserito tra i monumenti di patrimonio nazionale italiano per il suo alto valore storico.

Nel castello si tramanda tutt'oggi la storia di Guendalina Malatesta, meglio conosciuta come Azzurrina.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  • Chiesa di San Pietro Apostolo (in fondo all'abitato), rimaneggiata nel XVIII secolo, con varie tele del XVIII secolo.
  • Pieve millenaria, ex armeria del castello (oggi punto ristoro).

BibliografiaModifica

  • Francesca Guidoni, «Il nostro castello dei fantasmi», La Voce di Romagna, 25 maggio 2009.
  • Welleda, Villa Tiboni, «Piccolo zibaldone sul castello di Montebello», "La Pieve Villa Verucchio", 1983

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Provincia di Rimini: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Rimini