Apri il menu principale

Museo dei mobili e delle sculture lignee

museo italiano

1leftarrow blue.svgVoce principale: Musei del Castello Sforzesco.

Museo dei mobili e delle sculture lignee
Museo dei mobili del Castello Sforzesco 13.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano-Stemma.png Milano
IndirizzoPiazza Castello 3
Caratteristiche
Sito web

Coordinate: 45°28′14.88″N 9°10′45.01″E / 45.4708°N 9.17917°E45.4708; 9.17917

Il Museo dei mobili e delle sculture lignee del Castello Sforzesco espone una nutrita collezione di mobili con una particolare attenzione per la storia del mobile lombardo. Gli ambienti espositivi del museo, ordinati cronologicamente a partire dal XIV secolo fino ai giorni nostri, sono situati in contiguità con le sale della pinacoteca situate anch'esse al primo piano della corte ducale del castello.

Indice

Storia e descrizioneModifica

Il Museo è parte del Museo delle Arti Decorative che espone le Civiche raccolte d'arte applicata appartenenti al Comune di Milano. Fu inaugurato quale Museo Artistico Municipale il 10 maggio 1900 al termine dei restauri del castello. La collezione si è formata attraverso donazioni, lasciti testamentari e acquisti, fra cuiː

  • la collezione dei Mora (1908), famiglia di ebanisti di origine bergamasca
  • l’eredità della famiglia Durini,
  • l'acquisto del Palazzo Sormani Andreani (1930), con tutta la sua dotazione di arredi,
  • il lascito degli arredi di casa Boschi Di Stefano
  • il deposito di arredi delle residenze dei Savoia, Palazzo Reale e le Ville reali di Milano e Monza[1]

Collezioni di epoca rinascimentaleModifica

Fra le rarissime testimonianze di arredi originali di epoca sforzesca, sono espostiː

  • Il cosiddetto Calice di Ludovico il Moro, calice in vetro cristallino di Murano, recante le insegne araldiche sforzesche sormontate dalla corona ducale
  • la Cassettina damaschinata in ferro e oro, dove il Duca Ludovico conservava il suo testamento[2]
  • il Cassone dei tre duchi, cassone quattrocentesco di Bottega lombarda dipinto con i tre duchi Sforza a cavallo, Galeazzo Maria, Gian Galeazzo e Ludovico il Moro accompagnati da scudieri, probabilmente realizzato per il matrimonio tra Chiara Sforza, figlia di Galeazzo Maria, e Fregosino, figlio del doge di Genova Paolo Fregoso.

Fra le altre opere di epoca rinascimentale spiccanoː

  • il Coretto di Torchiara, struttura che si trovava in un angolo della cappella di San Nicomede nel Castello di Torrechiara (Parma) e permetteva ai signori del castello di assistere alle funzioni sacre separati dal resto dei fedeli. È decorata con formelle intagliate a motivi tardogotici, alternate con lo stemmi ed emblemi del condottiero Pier Maria Rossi[3].
  • la Camera di Griselda caratterizzata da decorazioni tardo medievali sull'ultima novella del Decamerone e illustranti la storia del marchese di Saluzzo e del suo matrimonio con Griselda. La stanza è stata ricostruita con affreschi quattrocenteschi staccati dal castello di Roccabianca (nel parmense) e riproposta all'interno di una sala del museo mantenendo comunque fede alle proporzioni originali.
  • Sculture appartenenti ad un Compiano su Cristo morto, del celebre intagliatore rinascimentale Giovanni Angelo del Maino

Collezioni di epoca manierista e baroccaModifica

  • Arazzi delle Arti Liberali, serie di arazzi prodotti dalla manifattura di Bruges, su cartoni di Cornelius Schut, allievo di Rubens, rappresentanti le raffigurazioni allegoriche. Dell'originaria serie di nove arazzi, provenienti da Palazzo Sormani, se ne conservano sei.
  • Automa diabolico, proveniente dalla Wunderkammer del Museo Settala, collezione di oltre tremila oggetti a carattere artistico, naturalistico e scientifico raccolti dell'erudito milanese Manfredo Settala, progettista dell'automa. L'automa, azionato da una manovella, era in grado di muovere la testa, gli occhi e le orecchie.
  • Stipo Genovese, appartenuto al vescovo Ulpiano Volpi, che riproduce un modellino in scala di Palazzo Tursi a Genova.
  • Stipo Passalacqua, (bottega milanese, 1613) "artificiosissimo scrittorio" posseduto dal canonico comasco Quintilio Passalacqua[4], dall'elaborata decorazione architettonica a sfondo moralistico, con dipinti su rame del celebre pittore milanese Morazzone di soggetto biblico, e statuine in avorio di Guillaume Berthelot con le allegorie dei cinque sensi.
  • Statua di Bacco con funzione di reggicandelabro, attribuita allo scultore genovese Filippo Parodi

Oltre a mobili del ventesimo secolo, firmati tra gli altri da Alberto Issel, Carlo Bugatti e Ettore Sottsass, sono esposte anche opere artigianali di importanti ebanisti sia italiani (sempre con un occhio di riguardo per la corrente lombarda) che europei come Giuseppe Maggiolini, nonché arredi sia ad uso domestico che religioso risalenti a diverse epoche.

Sono inoltre esposte anche una serie di sculture lignee e vari oggetti d'arte decorativa come ceramiche o servizi da tavola tra i quali, per esempio, un servizio da tè disegnato da Giò Ponti.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Museo dei Mobili, su museodeimobili.milanocastello.it.
  2. ^ Il mobile italiano nelle collezioni del Castello Sforzesco a Milano, a cura di Claudio Salsi, testi di Giacinta Cavagna di Gualdana, Francesca Tasso, Milano, Skira, 2006, p. 30
  3. ^ Coretto di Torchiara, su lombardiabeniculturali.it.
  4. ^ Quarta lettera istorica. Un mobile barocco e altre curiosità di un erudito comasco del Seicento, di Quintilio Lucini Passalacqua, Editore: Nodolibri, Edizione: 1989

BibliografiaModifica

  • Dagli Sforza al design. Sei secoli di storia del mobile, Claudio Salsi, Editore: Silvana, Anno edizione:2004
  • Il mobile italiano nelle collezioni del Castello Sforzesco a Milano, a cura di Claudio Salsi, testi di Giacinta Cavagna di Gualdana, Francesca Tasso, Milano : Skira, 2006

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica