Apri il menu principale

Museo paleocristiano di Monastero

museo italiano
Museo nazionale paleocristiano di Aquileia
Museo palecristiano di Monastero (Aquileia).jpg
L'ex monastero delle benedettine, sede del museo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàAquileia
IndirizzoPiazza Pirano, 1 Loc. Monastero
Caratteristiche
TipoArcheologia
Apertura1961
DirettoreMarta Novello
Visitatori4 153[1] (2015)
Sito web e Sito web

Coordinate: 45°46′39.87″N 13°22′16.26″E / 45.777742°N 13.371183°E45.777742; 13.371183

Il Museo paleocristiano di Monastero è un museo archeologico di Aquileia, in provincia di Udine, che custodisce reperti e testimonianze cristiane risalenti al periodo tra il IV secolo e il periodo patriarcale[2]. L'ingresso è gratuito.

Indice

StoriaModifica

Sede del museo è, dal 1961, l'ex-monastero delle benedettine sito dal IX secolo in località Monastero, ad Aquileia.

Il decreto aulico del 30 ottobre 1782 sancì, all'interno delle riforme promosse dall'imperatore Giuseppe II d'Austria, l'abolizione del monastero ed il trasferimento delle religiose a Cividale. Il patrimonio, incamerato dal Fondo di Religione, venne venduto nel 1784 al conte Raimondo della Torre-Hofer e Valvassina. A partire dal 1787, e tanto più dal 1852, l'anno in cui il complesso venne comprato da Eugenio de Ritter Záhony, cominciò una serie di lavori di trasformazione delle strutture monastiche, secondo le esigenze del momento, che condussero alla cancellazione o ad una profonda modifica degli ambienti: in particolare, l'edificio usato come chiesa venne adibito a folador, ossia ad ambiente per la vinificazione. Proprio qui avvennero nel 1895 le prime scoperte, che portarono nel 1961 all'ultima modifica, quella a contenitore museale.[3]

Il sito ha in realtà una storia molto antica: gli scavi archeologici condotti dopo il 1961 hanno infatti permesso di scoprire che il monastero sorgeva sui resti di una grande basilica, coperta di pavimenti musivi, la cui prima edificazione risale al 345 circa [4] e che è ora possibile visitare.

EsposizioneModifica

Il museo è articolato su tre livelli: piano terra, primo piano e secondo piano.

Piano terraModifica

L'atrio conserva una mensa copta del IV secolo[4] e numerosi lacerti musivi provenienti da diversi scavi di Aquileia[2]. Gran parte dello spazio è occupato dai resti dell'antica basilica di Monastero, visitabili anche grazie a un percorso rialzato. Sono presenti inoltre statue e ed epigrafi sepolcrali.

Primo pianoModifica

Il primo piano conserva la ricostruzione del grande mosaico absidale dell'antica basilica di Beligna, a sud di Aquileia, che può ragionevolmente essere identificata con quella detta "degli Apostoli", realizzata attorno al 390[4]. Il mosaico rappresenta uccelli ed agnelli: di particolare interesse la rappresentazione del pavone, simbolo di risurrezione e di immortalità[4].

Nel piano sono conservati inoltre un rilievo incompiuto con i volti di San Pietro e San Paolo (IV secolo) e una lapide, dello stesso periodo, con la rappresentazione del battesimo di una bambina.

Secondo pianoModifica

Questa sezione conserva principalmente iscrizioni sepolcrali del IV e del V secolo. Tra queste, spicca la lapide di Restutus, un africano giunto ad Aquileia e qui ammalatosi e morto, ricevendo però "molto affetto, più di quanto avrebbe ricevuto dai suoi stessi genitori"[4]. Di particolare rilievo anche la lapide con la rappresentazione della rottura dell'anfora, che simboleggia la liberazione dell'anima dal corpo[2].

NoteModifica

  1. ^ Dati visitatori 2015 (PDF), su beniculturali.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  2. ^ a b c Ezio Marocco, Aquileia romana e cristiana, Bruno Facchin Editore, Trieste, 2000.
  3. ^ La Storia su museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it
  4. ^ a b c d e AA.VV. Aquileia. Città di frontiera, inserto di Archeologia Viva, n. 141-142, Giunti, 2010.

BibliografiaModifica

  • AA.VV. Aquileia. Città di frontiera, inserto di Archeologia Viva”, n. 141-142, Giunti, 2010.
  • Ezio Marocco, Aquileia romana e cristiana, Bruno Facchin Editore, Trieste, 2000.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno2009166656 · WorldCat Identities (ENno2009-166656