Nastro adesivo telato

tipo di nastro adesivo rinforzato da uno strato di tela
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Duck tape" rimanda qui. Se stai cercando il gruppo musicale, vedi blink-182.

Il nastro adesivo telato (noto anche come nastro adesivo americano o con i nomi inglesi duct tape o duck tape) è un tipo di nastro adesivo applicato a pressione, particolarmente resistente in quanto munito di un rinforzo di tessuto e tipicamente reso impermeabile da un rivestimento di polietilene. Esistono diverse tipologie di nastro telato, anche a seconda del diverso tipo di tela impiegata, spesso progettate per differenti applicazioni, tra le quali il gaffer tape, facilmente rimovibile, o il nastro resistente alle alte temperature, adatto per l'applicazione in impianti di ventilazione e riscaldamento. Il nastro è tipicamente di colore grigio alluminio, anche se viene prodotto in una varietà di colori.

Nastro telato, il cui colore argentato è dovuto alla pigmentazione con polvere di alluminio.

Il nastro telato venne sviluppato durante la seconda guerra mondiale dalla Revolite (all'epoca una divisione di Johnson & Johnson), impiegando un adesivo a base di gomma su una base di tela duck, in modo che fosse durevole e resistente all'acqua, e venne impiegato per sigillare i contenitori delle munizioni durante il conflitto.[1]

StoriaModifica

Il nastro adesivo telato deriva dal duck tape, termine che in inglese indicava in passato un materiale composto da strisce di tela di cotone a trama fitta (chiamata duck, che deriva dall'olandese doek) che a differenza del moderno nastro telato non erano munite di un proprio adesivo, e venivano usate in vari contesti, per rinforzare o decorare abiti e scarpe, o per avvolgere i cavi d'acciaio o le condotture elettriche, proteggendole dalla corrosione o dall'usura.[2] Ad esempio, i cavi d'acciaio che sostengono il Ponte di Brooklyn erano stati originariamente coperti di olio di lino e poi avvolti in strisce di cotone prima di essere collocati in posa nel 1902.[3] Negli anni 1910, alcuni tipi di stivali e scarpe usavano tela di cotone duck per la tomaia o la soletta, e spesso il duck tape veniva usato come rinforzo.[4] Nel 1936 la statunitense Insulated Power Cables Engineers Association specificò che un avvolgimento di duck tape era uno dei vari metodi usati per la protezione di cavi elettrici con isolamento in gomma.[5] Nel 1942 i grandi magazzini Gimbel's vendevano veneziane le cui lamelle orizzontali erano tenute insieme da strisce verticali di duck tape.[6]

Il nastro adesivo venne introdotto intorno agli anni 1910, e tra le varie tipologie era in uso della tela adesiva. Negli ospedali si usava, per fasciare le ferite, del nastro telato bianco realizzato con della tela intrisa di gomma e ossido di zinco, e in caso di emergenza poteva essere sostituito con nastro da elettricista.[7] Nel 1930 la rivista Popular Mechanics spiegò in un articolo come preparare in casa il nastro telato, usando panni di cotone imbevuti in una miscela di resina e gomma di camera d'aria, liquefatta col calore.[8]

Nel 1923 Richard Gurley Drew, che lavorava alla 3M, inventò la carta gommata, che nel 1925 è divenuta parte del brand Scotch. Nel 1930 Drew ideò un nastro trasparente realizzato in cellophane, chiamato Scotch Tape, che con l'inizio della grande depressione conobbe una grande diffusione, impiegato per la riparazione di oggetti domestici.[9] Secondo Scott Berkun il nastro adesivo telato deriva probabilmente da tali prodotti di successo della 3M,[10] anche se nessuna delle invenzioni di Drew era basata sulla tela di cotone.[9]

L'idea alla base di quello che sarebbe diventato il nastro telato è dovuta a Vesta Stoudt, operaia di fabbrica e madre di due marinai della U.S. Navy, che nel 1943 scrisse al presidente Franklin Delano Roosevelt per proporre un nastro telato da lei testato in fabbrica con il quale le casse di munizioni potevano essere sigillate facilmente, facendo risparmiare tempo prezioso in battaglia.[11] La lettera venne inoltrata al War Production Board, che mise all'opera la Johnson & Johnson per la produzione.[12] La divisione Revolite si occupava già dal 1927 della produzione di strisce adesive di tela duck per uso medico, e il nuovo nastro tagliabile con le mani senza l'uso di forbici venne progettato da un team guidato da Johnny Denoye (della Revolite) e Bill Gross (della Johnson & Johnson).[13]

Il loro prodotto, ancora senza un nome specifico, era realizzato con un sottile strato di tela di cotone duck, impermeabilizzata da un rivestimento di polietilene e con uno strato di adesivo a base di gomma.[6][14][15][16][17][18] Era facile da applicare e rimuovere e, grazie alla sua resistenza, venne subito impiegato per effettuare riparazioni di fortuna di equipaggiamenti militari, veicoli e armi.[14] Tale nastro era prodotto nel tradizionale colore militare oliva, e venne soprannominato dai soldati "duck tape".[19] Dietro l'origine del soprannome vi sono diverse ipotesi, tra le quali il nome della tela duck dalla quale deriva, l'impermeabilità analoga a quella del manto di un'anatra (duck in inglese), o il veicolo anfibio DUKW (pronunciato come duck).[20]

Dopo la guerra il nastro adesivo telato si è diffuso nei negozi di ferramenta, commercializzato per le riparazioni domestiche. I diritti sulla produzione del nastro vennero acquisiti nel 1950 dalla Melvin A. Anderson Company, con sede a Cleveland.[15] Divenne quindi di uso comune in edilizia, per avvolgere i condotti di aerazione,[19] e da questa applicazione deriva negli anni 1950 il nome con cui il nastro è principalmente noto nei paesi anglofoni, ovvero "duct tape" (nastro da condotto), e da cui deriva anche il colore argentato impiegato dai produttori, analogo al colore dei condotti d'aerazione metallici. Vennero quindi introdotte varianti del nastro resistenti alle alte o basse temperature, per l'applicazione su condotti di riscaldamento oppure di raffreddamento. Nel 1960 la Albert Arno, Inc., ditta produttrice di impianti d'aerazione con sede a St. Louis, ha registrato il marchio "Ductape" per il suo nastro telato resistente a temperature di 180-200 °C.[21]

Nel 1971 Jack Kahl acquistò la Anderson, ridenominata Manco.[15] Nel 1975 Kahl ha riutilizzato il marchio per il nastro telato prodotto dalla sua società, e poiché il termine generico duck tape era caduto in disuso, riuscì a registrare il marchio "Duck Tape", commercializzando il prodotto con un logo ritraente una papera. Nel 1979 il marketing del prodotto previde l'invio di volantini quattro volte l'anno, a 32 000 produttori di ferramenta, e l'intensa campagna commerciale portò la Manco a controllare il 40% del mercato del nastro telato negli Stati Uniti, partendo da una quota di mercato prossima allo zero.[16][22]

La 3M, già produttrice del nastro adesivo Scotch negli anni 1930, produsse articoli per uso militare per il secondo conflitto mondiale e nel 1946 sviluppò il primo nastro isolante elettrico in vinile.[23] Nel 1977 la società mise in commercio un nastro telato resistente al calore, per l'uso nei condotti degli impianti di riscaldamento,[24] e verso la fine degli anni 1990 la divisione della 3M che produceva nastro telato aveva un volume di vendite di 300 milioni di USD, leader negli Stati Uniti.[25] Nel 2004 la 3M mise in commercio un nastro telato trasparente.[26]

ProduzioneModifica

Il nastro adesivo telato moderno è realizzato con una qualsiasi varietà di tessuto dall'armatura non fitta, che fornisce la resistenza. Si impiegano fibre di cotone, poliestere, nylon, rayon o fibra di vetro. Il tessuto è laminato sul lato esterno con un rivestimento di polietilene a bassa densità (LDPE), che lo rende impermeabile, e il cui colore dipende dalla pigmentazione impiegata: tipicamente si produce di colore grigio, ottenuto usando polvere d'alluminio. Le due misure più comuni per la larghezza sono 1,9 in (48 mm) e 2 in (51 mm), ma anche altre misure vengono commercializzate.[27] Il più grande rotolo di nastro telato è stato prodotto nel 2005 per la Henkel, con una larghezza di 3,78 pollici (9,6 cm), un diametro del rotolo di 64 pollici (160 cm) e un peso di 650 libbre (290 kg).[28]

ImpiegoModifica

 
Nastro adesivo telato trasparente.

Il nastro adesivo telato viene comunemente usato in situazioni che richiedono un adesivo forte e flessibile. Una variante è il gaffer tape, che non lascia residui di colla ed è comunemente impiegato dai tecnici delle luci nell'industria cinematografica e televisiva. Viene impiegato anche nel motociclismo per riparazioni varie, tra cui quelle alla carena delle moto (per le quali viene prodotto in diversi colori, che si adattino alla vernice del veicolo).

Condotti d'aerazioneModifica

Per sigillare i condotti d'aerazione e di riscaldamento tipicamente non viene impiegato del comune nastro telato, ma si impiegano nastri telati progettati e testati allo scopo. Una ricerca sulla tenuta dei vari ripi di nastro adesivo condotta dal Lawrence Berkeley National Laboratory Environmental Energy Technologies Division mostra che il comune nastro telato, in condizioni ambientali critiche ma realistiche, diventa friabile e tende a cedere.[29][30]

I tipi di nastro telato che non riportano certificazioni specifiche (come UL o Proposition 65) potrebbero bruciare violentemente e produrre fumi tossici, essere tossici per ingestione o contatto, possono avere resistenza meccanica irregolare e un tempo di vita variabile.[29][30] L'uso di simili prodotti nel settore degli impianti d'aerazione è proibito per legge in alcuni stati, ad esempio in California.

AstronauticaModifica

 
Estensione del parafango improvvisata con del nastro adesivo telato sull'Apollo 17.

Secondo quanto affermato da Jerry Woodfill, ingegnere della NASA, tutte le missioni a partire dal programma Gemini portavano a bordo del nastro telato.[31] Il nastro è stato impiegato da ingegneri e astronauti in varie situazioni, anche di emergenza, come nel 1970, quando i filtri per l'anidride carbonica a bordo del modulo di comando dell'Apollo 13 sono stati riadattati per essere usati sul modulo lunare, usato dagli astronauti come veicolo di emergenza dopo l'incidente avvenuto durante la missione. Gli astronauti hanno seguito le indicazioni del personale a terra per la riparazione, che ha salvato le loro vite. Ed Smylie, che ha preparato la modifica in soli due giorni, affermò di aver ritenuto che il problema fosse risolvibile quando gli era stato confermato che gli astronauti avevano del nastro adesivo telato a disposizione.[32]

Il nastro telato è stato usato anche nella missione Apollo 17 per riparare il parafango del rover lunare, evitando pericolosi schizzi di polvere durante la guida.[33][34]

MilitareModifica

Nei sottomarini statunitensi si usa un tipo di nastro telato chiamato EB Green, in quanto usato dalla General Dynamics Electric Boat e di colore verde.[35] È anche soprannominato riggers' tape, hurricane tape o 100-mph tape,[36][37] in quanto una varietà del nastro era pensata per resistere a venti fino a 100 miglia all'ora (160 km/h), ed era usato nella guerra del Vietnam per bilanciare le pale degli elicotteri.[38][39]

Usi alternativiModifica

 
Un portafoglio realizzato con del nastro adesivo telato.

Il nastro adesivo telato ha guadagnato grande notorietà nella cultura popolare, per via della sua grande resistenza e facilità di impiego in innumerevoli applicazioni, spesso non convenzionali.

La duct tape occlusion therapy (DTOT, terapia con occlusione di nastro telato) è un metodo popolare che dovrebbe curare le verruche coprendole con nastro telato per un lungo periodo. Nonostante alcuni possibili risultati positivi[40] non vi sono riscontri concreti sull'efficacia del metodo,[41][42] che non è raccomandato come trattamento terapeutico.[43]

Un altro impiego particolare è stato per risolvere il noto problema dell'antenna dell'iPhone 4, come soluzione alternativa all'uso di una custodia.[44]

Nella cultura di massaModifica

 
Statua di Tommy Trojan presso la University of Southern California, avvolta nel nastro telato prima di una partita di football.

Jim Berg e Tim Nyberg, noti come The Duct Tape Guys, hanno scritto diversi libri divenuti celebri che propongono usi creativi del nastro adesivo telato. I loro testi più venduti hanno superato il milione e mezzo di copie. Una loro massima, coniata nel 1994, afferma "it ain't broke, it just lacks duct tape" (non è rotto, solo gli manca del nastro adesivo telato"), successivamente integrata in un libro dell'anno successivo che trattava le applicazioni del lubrificante WD-40: "Two rules get you through life: If it's stuck and it's not supposed to be, WD-40 it. If it's not stuck and it's supposed to be, duct tape it" (Due regole ti faranno andare avanti nella vita: se è bloccato e non dovrebbe esserlo, usa il WD-40, se non è bloccato e dovrebbe esserlo, usa il nastro adesivo telato).

Il protagonista della sitcom canadese The Red Green Show usa spesso il nastro adesivo telato (che soprannomina "l'arma segreta del tuttofare") per impieghi più o meno convenzionali. La serie ha mostrato anche creazioni di nastro telato prodotte dai fan, e ha prodotto un film intitolato Duct Tape Forever e diverse VHS/DVD che mostravano l'uso del nastro. Dal 2000 l'interprete del personaggio protagonista della serie, l'attore Steve Smith, è diventato "Ambasciatore del nastro telato Scotch" per la 3M.[45]

La serie televisiva MythBusters, prodotta da Discovery Communications, ha dedicato diversi episodi per mettere alla prova alcuni miti legati agli impieghi non convenzionali del nastro adesivo telato. Hanno confermato i miti secondo cui si può sospendere una macchina con il nastro telato, legare una macchina a un palo e impedirle di muoversi, e hanno costruito interamente con nastro telato un cannone funzionante, una barca a vela, una canoa a due posti con pagaia, delle scarpe indossabili, un contenitore ermetico, delle funi, un'amaca in grado di sostenere il peso di un adulto, un ponte sospeso lungo trenta metri. Nell'episodio Duct Tape Hour 2 i MythBusters hanno riparato una macchina estremamente danneggiata usando solo il nastro adesivo telato, mostrando che la riparazione resisteva anche a una guida ruvida su un terreno accidentato, mentre in Duct Tape Plane hanno riparato (e alla fine sostituito completamente) il rivestimento di un aereo leggero con del nastro telato, facendolo poi volare a un'altezza di alcuni metri.

NoteModifica

  1. ^ Margaret Gurowitz, Duct Tape: Invented Here!, su http://www.kilmerhouse.com/, Johnson & Johnson, 11 agosto 2009. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  2. ^ Jan Freeman, Tale of the tape, in Boston Globe, 14 marzo 2012. URL consultato il 27 settembre 2012.
  3. ^ Wrapping on Cables of New East River Bridge, in The Brooklyn Daily Eagle, 21 novembre 1902, p. 15 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).
    (EN)

    «Considering... that 100,000 yards of cotton duck tape must be wrapped around the cable with neatness and exactitude, it may be imagined that this method of cable preservation is quite expensive.»

    (IT)

    «Considerando... che 100 000 yarde di cotton duck tape devono essere avvolte attorno al cavo con precisione ed esattezza, si può immaginare che questo modo di preservare i cavi è piuttosto costoso.»

  4. ^ Increased Use of Fabrics by Shoe Trade, in Textile World Journal, LVII, n. 13, New York, 27 marzo 1920.
  5. ^ United States National Bureau of Standards, Paul A. Cooley e Ann Elizabeth Rapuzzi, National Directory of Commodity Specifications, NBS special publication, vol. 178, U.S. Government Printing Office, 1945, p. 716.
  6. ^ a b William Safire, The Way We Live Now: On Language; Why A Duck, in The New York Times Magazine, 2 marzo 2003.
  7. ^ Otto Sommer, Friction Tape Used for Plaster Strips, in Popular Science, December 1916, p. 925.
  8. ^ Rubber and Rosin Make Compound for Many Uses, in Popular Mechanics, May 1930, p. 856.
  9. ^ a b Charles W. Carey, American Inventors, Entrepreneurs, and Business Visionaries, Infobase Publishing, 2009, pp. 98–99, ISBN 0-8160-6883-6.
  10. ^ Scott Berkun, The Myths of Innovation, O'Reilly Media, 2010, p. 77, ISBN 1-4493-8962-7.
  11. ^ "Couldn't Keep Her Idea Down", 24 October 1943, Chicago Tribune
  12. ^ Margaret Gurowitz, The Woman Who Invented Duct Tape, su http://www.kilmerhouse.com/, Johnson & Johnson, 21 giugno 2012. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  13. ^ Henry Petroski, Small Things Considered: Why There Is No Perfect Design, Random House Digital, 2004, pp. 131–132, ISBN 1-4000-3293-8.
  14. ^ a b Jim Berg e Tim Nyberg, The Jumbo Duct Tape Book, Workman Publishing, 2000, p. 10, ISBN 0-7611-2110-2.
  15. ^ a b c David John Cole, Eve Browning e Fred E. H. Schroeder, Encyclopedia of Modern Everyday Inventions, Greenwood Publishing, 2003, pp. 22–23, ISBN 0-313-31345-8.
  16. ^ a b History of Duck Tape, Duck Brand. URL consultato il 27 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2012).
  17. ^ Genericide: When a Brand Name Becomes Generic, su Age of Persuasion, CBC. URL consultato il 14 maggio 2011.
  18. ^ Randy Steele, Tale of the Tape, in Boating, July 2003, p. 18.
    (EN)

    «In 1942 research scientists at Johnson & Johnson sandwiched a layer of mesh fabric—cotton duck—between a top layer of green polyethylene plastic and a bottom layer of rubber glue, and pressed them together.»

    (IT)

    «Nel 1942 i ricercatori della Johnson & Johnson rivestirono uno strato di tessuto — cotton duck — con uno strato superiore di polietilene verde e uno inferiore di adesivo a base di gomma, compressi insieme.»

  19. ^ a b David M. Ewalt, The Other Greatest Tool Ever, in Forbes, 15 marzo 2006. URL consultato il 27 agosto 2012.
  20. ^ Karl Kruszelnicki, It Ain't Necessarily So... Bro, New Moments in Science, vol. 8, HarperCollins Australia, 2010, p. 31, ISBN 0-7304-4526-7.
  21. ^ Heating & Air Conditioning Contractor, vol. 52, Edwin A. Scott Publishing, 1960, pp. 88, 97.
  22. ^ Jay Conrad Levinson e Seth Godin, The Guerrilla Marketing Handbook, Houghton Mifflin Harcourt, 1994, p. 249, ISBN 0-395-70013-2.
  23. ^ A century of innovation: the 3M story, 3M Company, 2002, p. 129, ISBN 0-9722302-0-3.
  24. ^ Home Energy Guide: Insulation, in Popular Mechanics, September 1977, p. 77.
  25. ^ The Journal of employee ownership law and finance, vol. 9, National Center for Employee Ownership, 1997, p. 14.
  26. ^ History, su Company Information, 3M. URL consultato il 27 agosto 2012.
  27. ^ Jenny M. Smith, Forensic Examination of Pressure Sensitive Tape, in Robert D. Blackledge (a cura di), Forensic Analysis on the Cutting Edge: New Methods for Trace Evidence Analysis, John Wiley & Sons, 2007, pp. 291–331, ISBN 0-471-71644-8.
  28. ^ The Editors of Discover Magazine, Discover's 20 Things You Didn't Know About Everything, HarperCollins, 8 luglio 2008, pp. 134–, ISBN 978-0-06-173433-5. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  29. ^ a b Sealing HVAC Ducts: Use Anything But Duct Tape, su Lawrence Berkeley National Lab Energy Performance of Buildings Group, 17 agosto 1998.
  30. ^ a b Max Sherman, Lain Walker, Can Duct Tape Take the Heat?, Home Energe Magazine. URL consultato il 27 settembre 2012.
  31. ^ Atkinson, Nancy, 13 Things That Saved Apollo 13, Part 10: Duct Tape, 2010. URL consultato il 30 maggio 2013.
  32. ^ Associated Press article, referring to the use of duct tape on Apollo 13.
    (EN)

    «I felt like we were home free - he said in 2005 - One thing a Southern boy will never say is, 'I don't think duct tape will fix it.'»

    (IT)

    «Sentii che eravamo fuori pericolo - disse nel 2005 - Una cosa che un ragazzo del Sud non dirà mai è 'Non penso che si possa riparare col nastro telato.'»

  33. ^ "Moondust and Duct Tape", April 21, 2008, science.nasa.gov
  34. ^ Lunar Dust and Duct Tape, Apod.nasa.gov. URL consultato il 21 luglio 2009.
  35. ^ The EB-Green myth - Topic, su community.discovery.com, 2011. URL consultato il 30 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  36. ^ Airlift Technologies supplier of tape under this name
  37. ^ The Medical NBC Battlebook USACHPPM Tech Guide 244 (May 2000) p 1.13
  38. ^ Vietnam Stories, Army Times (September 1993)
  39. ^ Richard T. Edwards, Vietnam -- Balancing Rotorblades With Duct Tape, su 4th Battalion, 77th Field Artillery AFA [blog], 5 giugno 2011.
  40. ^ The Efficacy of Duct Tape vs Cryotherapy in the Treatment of Verruca Vulgaris, su archpedi.jamanetwork.com.
  41. ^ R Wenner, Askari, SK, Cham, PM, Kedrowski, DA, Liu, A e Warshaw, EM, Duct tape for the treatment of common warts in adults: a double-blind randomized controlled trial., in Archives of dermatology, vol. 143, n. 3, March 2007, pp. 309–13, DOI:10.1001/archderm.143.3.309, PMID 17372095.
  42. ^ S Ringold, Mendoza, JA, Tarini, BA e Sox, C, Is duct tape occlusion therapy as effective as cryotherapy for the treatment of the common wart?, in Archives of pediatrics & adolescent medicine, vol. 156, n. 10, October 2002, pp. 975–7, DOI:10.1001/archpedi.156.10.975, PMID 12361441.
  43. ^ A Stubbings e Wacogne, I, Question 3. What is the efficacy of duct tape as a treatment for verruca vulgaris?, in Archives of Disease in Childhood, vol. 96, n. 9, September 2011, pp. 897–9, DOI:10.1136/archdischild-2011-300533, PMID 21836182.
  44. ^ iPhone duct tape fix, CNN, 13 luglio 2010. URL consultato il 13 luglio 2010.
  45. ^ 3M Canada Press Box, su 3m.com. URL consultato il 22 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2008).

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Duct Sealant Longevity, su ducts.lbl.gov. URL consultato il 22 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2007).