Neogale africana

specie di animale della famiglia Mustelidae

La donnola dal ventre rigato (Neogale africana (Desmarest, 1818)) è una specie della famiglia dei Mustelidi originaria del Sudamerica. La prima descrizione della specie venne fatta a partire da un esemplare museale erroneamente considerato proveniente dall'Africa, da cui il nome scientifico. Precedentemente classificata nel genere Mustela, è stata inserita nel 2021, assieme ad altre quattro specie, nel genere Neogale.[2]

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Donnola dal ventre rigato
Immagine di Neogale africana mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Mustelinae
Genere Neogale
Specie N. africana
Nomenclatura binomiale
Neogale africana
Desmarest, 1818
Sinonimi

Mustela africana

Areale

Amazon Weasel area.png

DescrizioneModifica

La donnola dal ventre rigato, la più grande delle tre specie sudamericane del genere Neogale, misura 43-52 cm di lunghezza, compresa la coda, lunga 16-21 cm. Presenta la tipica struttura fisica delle donnole, con torso lungo e sottile e zampe e orecchie brevi. È ricoperta da una corta pelliccia di colore variabile dal rossastro al marrone scuro sulle regioni superiori, e marroncino-arancio chiaro su quelle inferiori. Una striscia di peli dello stesso colore di quelli che ricoprono la parte superiore del corpo corre lungo il centro del petto e della gola. Le vibrisse sono brevi e le piante dei piedi quasi prive di peli. Le femmine hanno tre paia di mammelle[3].

Distribuzione e habitatModifica

La donnola dal ventre rigato vive nel bacino del Rio delle Amazzoni, nel Brasile settentrionale e nelle regioni orientali di Perù ed Ecuador. Tuttavia l'esatta estensione del suo areale non è nota, e con molta probabilità la specie è presente anche nella Colombia meridionale, in Venezuela e nelle Guyane, nonché nella Bolivia settentrionale. Questa regione è ricoperta dalla foresta pluviale tropicale e, nonostante non si conoscano quali tipi di habitat siano prediletti dalla specie, questa è stata perlopiù rinvenuta in prossimità dei fiumi[1][3].

BiologiaModifica

La donnola dal ventre rigato è stata vista raramente e conosciamo ben poco delle sue abitudini. Si nutre di roditori e altri piccoli mammiferi[4], ed è stato segnalato che costruisca tane nei monconi degli alberi cavi[4]. La sua presenza è stata registrata dal livello del mare fino a 1.250 m di altitudine[3], ed è stata vista nuotare in fiumi o estuari, spesso anche a grande distanza dalla costa[5].

TassonomiaModifica

Gli studiosi riconoscono due sottospecie[6]:

  • N. a. africana Desmarest, 1818 (Brasile nord-orientale);
  • N. a. stolzmanni Taczanowski, 1881 (Brasile nord-occidentale, Perù ed Ecuador).

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Emmons, L. & Helgen, K. 2016, Neogale africana, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ Bruce D. Patterson, Héctor E. Ramírez-Chaves, Júlio F. Vilela, André E. R. Soares e Felix Grewe, On the nomenclature of the American clade of weasels (Carnivora: Mustelidae), in Journal of Animal Diversity, vol. 3, n. 2, 2021, DOI:10.29252/JAD.2021.3.2.1, ISSN 2676-685X (WC · ACNP).
  3. ^ a b c H. E. Ramírez-Chaves, H. L. Arango-Guerra e B. D. Patterson, Mustela africana (Carnivora: Mustelidae), in Mammalian Species, vol. 46, n. 916-7, 2014, pp. 110-115, DOI:10.1644/917.1.
  4. ^ a b L. H. Emmons (1997). Neotropical Rainforest Mammals, 2nd ed. University of Chicago Press ISBN 0-226-20721-8
  5. ^ G. H. H. Tate, Random observations on habits of South American mammals, in Journal of Mammalogy, vol. 12, n. 3, Agosto 1931, pp. 248-256, DOI:10.2307/1373874.
  6. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Neogale africana, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi