Apri il menu principale

Nick Tosches

scrittore e giornalista statunitense

Nick Tosches (Newark, 23 ottobre 1949Manhattan, 20 ottobre 2019[1]) è stato uno scrittore, giornalista e biografo statunitense.

BiografiaModifica

Di famiglia pugliese di ascendenza albanese (il nonno emigrò a fine 1800 a New York da Casalvecchio di Puglia, dopo aver sbarcato il lunario con differenti tipologie di lavoro, Tosches cominciò a scrivere su riviste di poesia e musica, fra cui Creem e Fusion. Dopo Country: The Biggest Music in America (1977), diventò famoso con il suo secondo libro: Hellfire, una biografia su Jerry Lee Lewis pubblicata nel 1982.

Successivamente pubblicò altre biografie su personaggi famosi quali Dean Martin, Michele Sindona, Sonny Liston, Emmett Miller, e Arnold Rothstein. Tosches scrisse inoltre una raccolta di poesie, Chaldea, e i romanzi Cut Numbers, Trinities e In the Hand of Dante. È stato citato su alcune tra le più popolari riviste Vanity Fair, Esquire e Open City.

The Nick Tosches Reader è una raccolta con molti dei suoi lavori pubblicati dall'inizio della sua carriera di scrittore. Tosches fece una apparizione su Travel Channel nello show Anthony Bourdain: No Reservations nell'episodio Disappearing Manhattan. Nick Tosches rilasciò questo commento sulla raccolta di cd People Take Warning! - Murder Ballads & Disaster Songs, 1913-1938:

«Sono stato seduto qui a guardare i resti di questo paese andare giù per la fognatura, e non c'è miglior colonna sonora di People Take Warning!, un grande e bella raccolta in ogni senso, dalle rimasterizzazioni alle note e lo straordinario design della confezione, che da una prospettiva del presente e del passato. È un lavoro fantastico, una danza macabra, e, soprattutto, una grandiosa raccolta di musica senza tempo.[2]»

OpereModifica

DiscografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Nick Tosches Died at age 69. What was his earlier life?, su HollywoodsMagazine.com, 20 ottobre 2019.
  2. ^ Copia archiviata, su tompkinssq.com. URL consultato l'8 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009). - raccolta di CD

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54273011 · ISNI (EN0000 0001 1645 219X · SBN IT\ICCU\CFIV\032666 · LCCN (ENn83155705 · BNF (FRcb12739241k (data) · WorldCat Identities (ENn83-155705