Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nicolò Dorigati è nato a Trento nel 1662. Dopo un periodo di apprendistato presso Carlo Cignani, forse nel periodo forlivese, è stato attivo come pittore tra il 1689 e il 1736.

Tra le sue prime opere si ricordano il Ritratto del principe vescovo di Trento Giuseppe Vittorio Alberti d'Enno e la pala dell'Addolorata per il Duomo di Trento, oggi perduta, ma incisa nel 1756 da Cristoforo Dall'Acqua, oltre alla tela Miracolo di San Nicola da Tolentino, dipinta per la chiesa di San Marco di Trento e oggi collocata nella chiesa parrocchiale di Terres in val di Non.

Ricevette numerose commissioni dal canonico e mecenate ecclesiastico Carlo Ferdinando Lodron, grazie al quale ebbe un considerevole successo. Per lui ha realizzato opere destinate, oltre al già citato Duomo, alla chiesa dell'Annunziata a Lodrone e a quella di Santa Croce a Ponte Caffaro, entrambe nella bassa Valle del Chiese (allora feudo dei Lodron).

La sua creatività raggiunge l'apice "nella complessa struttura compositiva e in tutte le particolarità del [...] devoto simbolismo religioso"[1] della pala dell'Assunta nella chiesa pievana di Santa Maria Assunta di Villa Lagarina, sul modello dei Carracci e di Pietro Ricchi.

Il suo stile risente dell'influenza, oltre che del Cignani, anche di Giuseppe Alberti.

OpereModifica

DatateModifica

  • Madonna con il Bambino che incorona Santa Brigida, e un'altra santa, San Floriano, San Rocco e San Nicola di Mira (pala maggiore della chiesa di Romagnano, circa 1690)
  • Ritratto del principe vescovo di Trento Giuseppe Vittorio Alberti d'Enno (1692)
  • Addolorata (1693, perduta)
  • Addolorata con lo stemma Lodron (chiesa di Sardagna, 1695)
  • Ultima cena (1696)
  • Assunta (pala maggiore della chiesa di Santa Maria Assunta di Villa Lagarina, databile tra 1696 e 1700)
  • pala di San Valentino (chiesa di Dasindo, 1695-1708)
  • pala Madonna, il Bambino e i Santi Vigilio, Massenza, Adalpreto e Simonino (Museo Diocesano di Trento, 1718)
  • ritratti degli ecclesiastici Francesco, Giovanni Battista e Carlo Ferdinando Lodron (sacrestia della chiesa di Santa Maria Assunta di Villa Lagarina, 1722)
  • ritratto di Sebastiano Lodron (sacrestia della chiesa di Santa Maria Assunta di Villa Lagarina, 1748)

Non datateModifica

  • Miracolo di San Nicola da Tolentino (chiesa di Terres)
  • pala per l'altare della famiglia Lodron (Duomo di Trento)

NoteModifica

  1. ^ Chini, p. 801.

BibliografiaModifica

  • Ezio Chini, «La pittura dal Rinascimento al Settecento», in Marco Bellabarba, Giuseppe Olmi (a cura di), Storia del Trentino, volume IV, Bologna, Il Mulino, 2000
  • «Dorigati, Nicolò», in La pittura in Italia. Il Settecento, tomo secondo, Milano, Electa, 1990.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica