Nikolaj Jakovlevič Marr

linguista ed etnologo georgiano

Nikolaj Jakovlevič Marr (in russo: Никола́й Я́ковлевич Марр?; in georgiano: ნიკოლოზ იაკობის ძე მარი?, trasl. Nikoloz Iak'obis dze Mari; indicato anche come Nicholas Marr; Kutaisi, 6 gennaio 1865Leningrado, 20 dicembre 1934) è stato un linguista ed etnologo sovietico di etnia georgiana. Raggiunse la fama come studioso di cultura caucasica durante gli anni Dieci, prima di intraprendere, a partire dal 1924, l'elaborazione della controversa teoria iafetica sull'origine delle lingue e le relative ipotesi speculative.

Nikolaj Marr

Le sue idee divennero basilari durante la campagna sovietica degli anni Venti e Trenta per l'introduzione dell'alfabeto latino per le minoranze etniche stanziate nel territorio sovietico. Nel 1950 la teoria iafetica perse credibilità a causa dell'accusa di anti-marxismo sollevata da Iosif Stalin.

BiografiaModifica

Marr nacque a Kutaisi, in Georgia (a quel tempo parte dell'Impero russo), dallo scozzese James Marr (settantunenne all'epoca [1]), fondatore del giardino botanico della città, e da una giovane donna georgiana, Agafija Magularija. I suoi genitori parlavano lingue diverse e nessuno dei due comprendeva il russo. Marr imparò molte lingue, tra cui l'esperanto. Essendosi laureato all'università statale di San Pietroburgo, insegnò lì a partire dal 1891, divenendo poi preside della facoltà orientalista nel 1911 e membro dell'accademia russa delle scienze nel 1912. Tra il 1904 e il 1917 intraprese scavi annuali nella vecchia capitale armena di Ani[2].

Teoria iafeticaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Teoria iafetica.

Marr guadagnò la sua reputazione di genio anticonformista grazie alla teoria iafetica, con la quale postulava un'origine comune per le lingue caucasiche, camito-semitiche e basca. Nel 1924 arrivò ad affermare che tutte le lingue del mondo abbiano avuto origine da una singola protolingua composta di quattro "esclamazioni diffuse": sal, ber, yon, rosh. Nonostante le lingue abbiano subito step evolutivi, secondo i suoi studi di paleontologia linguistica è ancora possibile discernere elementi di esclamazioni primordiali in ogni lingua ad oggi esaminabile. Uno dei suoi sostenitori era Valerian Borisovič Aptekar' mentre ad opporsi fu soprattutto Arnol'd Stepanovič Čikobava.

Pubblicazioni principaliModifica

  • Rith chowrobs iapheturi enathmecniereba? Petrogradskij Institut živych vostočnych jazykov, Petrograd, 1923
  • Basksko-kavkazskie leksičeskie paralleli. Mecniereba, Tbilisi 1987
  • O jazyke i istorii abchazov. Izdat. Akad. Nauk SSSR, Moskva [u. a.] 1938

BibliografiaModifica

  • Lawrence L. Thomas, The linguistic theories of N. Ja. Marr. University of California Press, Berkeley, California [u. a.] 1957;
  • Tasso Borbé, Kritik der marxistischen Sprachtheorie N. Ja. Marr's. Scriptor Verl., Kronberg/Ts. 1974, ISBN 3-589-20021-9
  • René L'Hermitte, Marr, marrisme, marristes: Science et perversion idéologique; une page de l'histoire de la linguistique soviétique. Institut d'Etudes Slaves, Paris 1987, ISBN 2-7204-0227-3
  • Ferenc Havas, A marrizmus-szindróma: Sztálinizmus és nyelvtudomány. Tinta Könyvkiadó, Budapest 2002, ISBN 963-9372-53-6
  • Olga D. Golubeva, N. Ja. Marr. Rossijskaja Nacional'naja Biblioteka, Sankt Petersburg 2002, ISBN 5-8192-0134-5
  • Vladimir M. Alpatov, Istorija odnogo mifa: Marr i marrizm. Editorial URSS, Moskva 2004, ISBN 5-354-00405-5
  • Ekaterina Pravilova, Contested Ruins: Nationalism, Emotions, and Archaeology at Armenian Ani, 1892–1918. In: Ab Imperio: Studies of New Imperial History and Nationalism in the Post-Soviet Space 1 (2016) 69-101.

NoteModifica

  1. ^ Nikolai Marr - a talk by Donald Rayfield 17 February, British Georgian Society. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  2. ^ Nicolas Marr, Ani - Rêve d'Arménie, Anagramme Editions, 2001, ISBN 978-2-914571-00-5.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN23163683 · ISNI (EN0000 0001 1607 4459 · LCCN (ENn80159251 · GND (DE118731165 · BNF (FRcb130915529 (data) · BNE (ESXX1103587 (data) · NLA (EN35329184 · BAV (EN495/45115 · WorldCat Identities (ENlccn-n80159251