Novgrad

villaggio bulgaro della regione di Ruse
Novgrad
villaggio
Новград
Novgrad – Veduta
Localizzazione
StatoBulgaria Bulgaria
DistrettoRuse
ComuneCenovo
Amministrazione
Amministratore localeDiana Kopčeva
Territorio
Coordinate43°36′18.35″N 25°35′13.02″E / 43.605098°N 25.586951°E43.605098; 25.586951 (Novgrad)Coordinate: 43°36′18.35″N 25°35′13.02″E / 43.605098°N 25.586951°E43.605098; 25.586951 (Novgrad)
Altitudine41 m s.l.m.
Abitanti957 (2009)
Altre informazioni
Cod. postale7133
Prefisso08124
Fuso orarioUTC+2
Codice NSI51977
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bulgaria
Novgrad
Novgrad

Novgrad (in bulgaro Новград) è un villaggio bulgaro situato nella Regione di Ruse di 957 abitanti (dati 2011). Fa parte del comune di Cenovo. dista a 210 km a nord est della capitale Sofia.

L'area intorno a Novgrad è costituita principalmente da terreni agricoli. Intorno a Novgrad è abbastanza scarsamente popolato, con 24 abitanti per chilometro quadrato. Nella zona prevale il clima continentale . Temperatura media annua nel quartiere è 13 °C . Il mese più caldo è agosto, quando la temperatura media è di 26 °C, e il più freddo è gennaio, con -3 °C. La piovosità media annua è di 992 millimetri. Il mese più piovoso è maggio, con una media di 132 mm di precipitazioni, e il più secco è agosto, con 50 mm di pioggia.

StoriaModifica

L'area del villaggio di Novgrad con il suo clima favorevole, il terreno fertile e la vicinanza dei fiumi Jantra e Danubio ha attratto coloni sin dai tempi antichi. I materiali più antichi conosciuti risalgono all'età della pietra-rame (5 - 4.000 anni aC). Durante l'età del bronzo (2750-1200 a.C.) e l'età del ferro (12-1 secolo a.C.) l'area fu abitata dai Traci. La loro presenza è attestata da numerose tombe traci, ceramiche, utensili e strumenti in ferro. Nel 1937, durante la costruzione della diga sul fiume Studena, al mulino furono rinvenute 10 asce in bronzo, che si trovano nel Museo Archeologico Nazionale.

Il villaggio di Novgrad fu fondato dopo il 1388 dai bulgari locali sopravvissuti dopo la distruzione da parte degli ottomani della vicina fortezza di Neokastro (Novakesri). La fortezza fu costruita dai bizantini durante la dominazione bizantina, e successivamente con la restaurazione dello stato bulgaro fu ribattezzata Novgrad. La fortezza si trovava a 4 km a nord-est dell'attuale villaggio di Mount Calebair, sulla riva sinistra del fiume Yantra. Fu costruito su un punto alto e inaccessibile sopra il fiume e il suo unico lato accessibile era quello ad est, dove c'erano un muro di fortezza e un fossato. La fortezza di Novgrad fu conquistata dai turchi nel 1388 durante la campagna dell'esercito di 30.000 uomini di Çandarlı Ali Pascià a nord dei Monti Balcani. Infuriati dalla resistenza dei difensori della fortezza, gli Ottomani uccisero la maggior parte della popolazione e praticamente demolirono la fortezza fino alle fondamenta. I pochi bulgari sopravvissuti costruirono un nuovo insediamento vicino alle sue rovine, dal nome della fortezza distrutta: Novgrad.

La liberazione della regione di Novgrad nel 1877Modifica

I bulgari dei villaggi a valle del fiume Yantra hanno avuto la fortuna di incontrare la libertà proprio all'inizio della guerra. Il 15 giugno (27 giugno nel calendario gregoriano) 1877, nell'area della città di Svishtov, l'esercito russo eseguì con successo la principale forzatura del Danubio. Furono organizzati tre distaccamenti, il più grande dei quali (il Ruschushki) avanzò verso est e le sue parti anteriori occuparono posizioni vicino al villaggio di Novgrad il 24 giugno (6 luglio, nel calendario gregoriano).

Nei giorni successivi i villaggi circostanti furono liberati, fu costruito un ponte di barche sul fiume Yantra, lungo il quale i russi continuarono la loro avanzata verso il quadrilatero fortificato dai turchi Ruse - Silistra - Varna - Shumen.

Gran parte della popolazione locale è al servizio dell'esercito russo. Con i loro carri, gli abitanti del villaggio trasportano soldati feriti e ammalati agli ospedali militari nei villaggi di Tsenovo e Dzhulyunitsa e trasportano cibo e munizioni.

Luoghi di interesseModifica

Monumento al distaccamento di Hadji Dimitar e Stefan KaradjaModifica

Nell'estate del 1868, i Voivodi Hadji Dimitar e Stefan Karadja erano a capo di un distaccamento di quasi 130 persone. Il piano preliminare prevede, dopo il trasferimento delle terre bulgare, una rivolta da dichiarare e il distacco che serva da catalizzatore per un movimento di liberazione generale.

Terminati i preparativi preliminari, i guerriglieri si sono radunati nel villaggio rumeno di Petrushan, trasferiti su una piccola isola sul Danubio, e da lì il 18 luglio hanno raggiunto la costa bulgara con una nave chiusa. Il punto di attraversamento è a ovest della foce del fiume Yantra presso il Bostan Coria, vicino alla zona di Yankovo Garlo. A quel tempo il terreno circostante era una pianura paludosa ricoperta di canneti, che a sud si confonde con la valle del fiume Studena. Come furono notati dai turchi durante lo sbarco, i voivodi tenevano un consiglio militare, in cui si decise di non dichiarare una rivolta, ma di interrompere il telegrafo tra Ruse e Svishtov e di raggiungere i Balcani il prima possibile. Da qui inizia la loro battaglia di sacrificio, che è passata attraverso battaglie a Karaisen, Karapanova koria, Vishovgrad, Kanladere, Buzludzha.

In occasione del centenario di questi grandi eventi, nel 1968 fu svelato un grande obelisco nel luogo in cui il distaccamento mise piede sulla costa bulgara.

Monasteri rupestriModifica

I monasteri rupestri entro i confini dell'odierna Bulgaria apparvero anche prima dell'istituzione del Primo Regno bulgaro, rinnovarono la loro esistenza dopo l'adozione del cristianesimo come religione ufficiale della Bulgaria nell'864 e raggiunsero la massima diffusione durante il Secondo Stato bulgaro (XII-XIV secolo)

I monasteri rupestri lungo il corso inferiore del fiume Yantra possono essere visti qui, vicino all'ingresso della grotta "Peninata Dupka" e alla periferia settentrionale del villaggio di Belyanovo. Sono state utilizzate le nicchie naturali nella corona di roccia, che sono state ulteriormente perfezionate per creare un tempio di preghiera o una cella monastica. Nella chiesa rupestre di Belyanovo sono presenti depressioni a cui era attaccata l'iconostasi, lungo le pareti della navata sono presenti panchine scolpite, e fino a pochi decenni fa erano parzialmente conservate sezioni degli affreschi del soffitto.

È difficile individuare il momento in cui si sono verificati. Può essere ricercato nelle necessità dei cristiani appena convertiti dalla propria chiesa (IX-X secolo), ma può anche essere del tempo del Secondo Regno. È possibile che il loro aspetto sia correlato alla diffusione dell'esicasmo nel XIV secolo - poi è stato ammesso come dottrina religiosa dalla Chiesa ortodossa bulgara. I monaci esicasta, come seguaci delle idee del tempo della prima cristianità, cercavano l'unità tra l'uomo e Dio attraverso il silenzio, l'umiltà, il digiuno e la preghiera. Le grotte rocciose e le nicchie lungo il fiume Yantra offrono solitudine agli asceti in cerca di crescita spirituale.

Monumento a LeninModifica

Al centro del villaggio c'è l'unico conservato monumento a Lenin a figura intera in Bulgaria. È stato costruito con i soldi dei contadini, molti dei quali onoravano il leader comunista sovietico.

Croce di San MarcoModifica

La Croce di Marco si trova sulla riva sinistra del fiume Jantra, vicino al villaggio di Dzhulyunitsa. Si trova in alto nella roccia ed è una croce scolpita in una base pre-livellata. Alcuni associano il suo aspetto alle attività di Deli Marco e ai veri eventi storici che hanno sollevato gli animi degli schiavi bulgari. Alla fine del XVI secolo iniziò la guerra austro-turca, in cui Valacchia, Moldavia e Transilvania si unirono agli austriaci. A sud del Danubio, un grande distaccamento di cavalleria guidato da Deli Marko e Baba Novak agì all'unisono con il sovrano valacco Michele il Coraggioso. Altri associano la Croce di Marco alle gesta di Re Marco. Nel tempo, ci fu una continuità tra i personaggi con lo stesso nome e iniziò a dominare l'eroe epico più popolare: il re Marco.

La gente del posto racconta leggende, compresa questa: “I turchi hanno rapito giovani ragazze bulgare. Re Marco li ha liberati, ma mentre lottava per la loro libertà, ha tagliato la roccia e si è formata la Croce di Marco ".

Istituzioni pubblicheModifica

La scuola è stata fondata nel 1872. Nel 1972 è stato celebrato il 100 ° anniversario e gli è stato conferito l'Ordine di Cirillo e Metodio, secondo grado. Ora i bambini dei villaggi di Novgrad, Krivina, Dzhulyunitsa e Belyanovo studiano nella scuola. C'è anche un centro comunitario nel villaggio.

  Portale Bulgaria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bulgaria