Città del 6 ottobre

Città in Egitto
(Reindirizzamento da October City)
Città del 6 ottobre
città
السادس من أكتوبر
Città del 6 ottobre – Veduta
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
GovernatoratoGiza
Amministrazione
Data di istituzione1979
Territorio
Coordinate29°56′19.21″N 30°54′52.74″E / 29.93867°N 30.91465°E29.93867; 30.91465 (Città del 6 ottobre)Coordinate: 29°56′19.21″N 30°54′52.74″E / 29.93867°N 30.91465°E29.93867; 30.91465 (Città del 6 ottobre)
Altitudine170 m s.l.m.
Superficie400 km²
Abitanti184 000
Densità460 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Egitto
Città del 6 ottobre
Città del 6 ottobre

Città del 6 ottobre[1] è il nome della municipalità egiziana di al-Sādis min Uktūbir (in arabo: السادس من أكتوبر‎)[2] nel governatorato di Giza, situata a circa 20 km a sud-ovest del Cairo, che conta circa 184.000 abitanti.

La città è stata il capoluogo del governatorato del 6 ottobre dalla sua istituzione (2008) alla soppressione (2011).

La città è dotata di un aeroporto, di un'università privata, la "Jāmiʿa Sādis min Uktūbir" (in inglese "6th October University"), e di un'ampia zona industriale che costituisce il polo automobilistico del paese, infatti molte aziende straniere hanno impiantato qui i propri stabilimenti.

La giapponese Suzuki ha iniziato a produrre qui dal 1989 le vetture Swift e Vitara. Altro gruppo giapponese presente è la Nissan che nel 1997 ha aperto un impianto destinato a produrre veicoli commerciali leggeri come i pick-up e più di recente la berlina Sunny.

Il costruttore di veicoli Mercedes-Benz è presente in Egitto sin dagli anni cinquanta ma solo dal 1997 quando è stata costituita la EGA (Egyptian German Automotive) che ha iniziato a produrre le vetture Classe C e Classe E sul suolo egiziano. Nel 2003 un altro gruppo automobilistico tedesco, la BMW ha iniziato a produrre automobili qui, attraverso la Bavarian Auto il cui stabilimento assembla svariati modelli di vetture BMW e della cinese Brilliance.

NoteModifica

  1. ^ Cfr. in Naṣr Ḥāmid Abū Zayd, Una vita con l'Islam, Bologna, Il Mulino, 2004.
  2. ^ La data si riferisce alla guerra arabo-israeliana del 1973, avvertita come vittoriosa dagli egiziani. A prescindere da altre considerazioni, infatti, le forze armate egiziane riuscirono a superare la munitissima Linea Bar-Lev israeliana, ponendo le basi per il ritorno sotto la propria sovranità della Penisola del Sinai, occupata da Israele fin dalla guerra dei sei giorni del 1967.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305194720 · LCCN (ENn2013051720 · WorldCat Identities (ENn2013-051720