Omaha

città del Nebraska
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Omaha (disambigua).
Omaha
city
(EN) City of Omaha
Omaha – Bandiera
Omaha – Veduta
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Nebraska.svg Nebraska
ConteaDouglas
Amministrazione
SindacoJean Stothert (R)
Territorio
Coordinate41°16′N 96°01′W / 41.266667°N 96.016667°W41.266667; -96.016667 (Omaha)Coordinate: 41°16′N 96°01′W / 41.266667°N 96.016667°W41.266667; -96.016667 (Omaha)
Altitudine332 m s.l.m.
Superficie338,20 km²
Abitanti466 893 (2017)
Densità1 380,52 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale68022, 68101-68164
Prefisso402, 531
Fuso orario
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Omaha
Omaha
Omaha – Mappa
Sito istituzionale

Omaha è un comune (city) degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Douglas nello Stato del Nebraska. La popolazione era di 466 893 persone al censimento del 2017, il che la rende la città più popolosa dello stato e la quarantatreesima città più popolosa del paese.

Geografia fisicaModifica

Omaha è situata sulla sponda destra del fiume Missouri; il corso d'acqua segna il confine con lo stato dell'Iowa. Sulla riva opposta sorge la città di Council Bluffs.

Secondo l'Ufficio del censimento, ha un'area totale di 130,58 miglia quadrate (338,20 km²)[1].

StoriaModifica

Posta a monte della confluenza del fiume Platte nel Missouri, punto assai strategico e luogo di partenza delle piste per l'Oregon, la città di Omaha sorse col passaggio del territorio corrispondente al Nebraska centrale dal dominio dei nativi Omaha a quello dei bianchi.

Nel 1854 iniziarono a sorgere le prime abitazioni e molti coloni vi si trasferirono favoriti dagli speculatori. Presto la città crebbe e nel quartiere centrale si aprirono grandi alberghi, chiese e sinagoghe. La città venne incorporata il 2 febbraio 1857. Nel 1868 l'esercito costruì nei pressi della città il Fort Omaha. Nel 1863 cominciarono i lavori della costruzione della Union Pacific che avrebbe permesso di collegare Omaha con la California.

Nel frattempo la popolazione della città cresceva sempre più e ai margini sorgevano zone come Little Italy, Little Bohemia e Greek Town abitate da europei, afroamericani ed ebrei. Si verificarono spesso linciaggi nei confronti degli afroamericani. Erano molto diffuse bische e bordelli e spesso scoppiavano tumulti, a volte anche tra comunità di diversa nazionalità. Nel 1913 la città venne semidistrutta da un tremendo tornado che rase completamente al suolo il quartiere afroamericano.

Il 7 giugno 2011 la centrale nucleare di Fort Calhoun, a 20 km da Omaha, ha subito un'esondazione del Missouri e una perdita di raffreddamento di uno dei due reattori, che ha portato la Aviation Agency a dar vita a una no-fly zone sull'area.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Secondo il censimento[2] del 2017, la popolazione della città ammonta a 466 958 abitanti.

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 73,1% di bianchi, il 13,7% di afroamericani, lo 0,8% di nativi americani, il 2,4% di asiatici, lo 0,1% di oceaniani, il 6,9% di altre etnie, e il 3,0% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 13,1% della popolazione.

CulturaModifica

MediaModifica

StampaModifica

Il quotidiano della città è l'Omaha World-Herald, fondato nel 1885.

Infrastrutture e trasportiModifica

Omaha è un importante snodo stradale del Midwest in quanto situata all'intersezione tra la Interstate 80 e la U.S. Route 75.

AeroportiModifica

La città è servita dall'Aeroporto Eppley.

NoteModifica

  1. ^ US Gazetteer files: 2010, 2000, and 1990, su census.gov, United States Census Bureau, 12 febbraio 2011. URL consultato il 13 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2002).
  2. ^ American FactFinder, su factfinder2.census.gov, United States Census Bureau. URL consultato il 13 gennaio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN237651005 · LCCN (ENn79045127 · GND (DE4102079-0 · WorldCat Identities (ENlccn-n79045127
  Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano degli Stati Uniti d'America