Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ofride fior di bombo
Ophrys bombyliflora Zingaro 180307.jpg
Ophrys bombyliflora
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Ophrys
Specie O. bombyliflora
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Ophrys bombyliflora
Link, 1799
Sinonimi
  • Arachnites bombyliflora
    (Link) Tod., 1842
  • Ophrys tabanifera
    Willd., 1805
  • Ophrys bombylifera
    Willd., 1805
  • Ophrys distoma
    Biv., 1806
  • Ophrys pulla
    Ten., 1811
  • Ophrys hiulca
    Sebast. & Mauri, 1820
  • Ophrys canaliculata
    Biv., 1825
  • Ophrys labrofossa
    Brot., 1827

L'ofride fior di bombo (Ophrys bombyliflora Link, 1799) è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, diffusa sul versante settentrionale del bacino del Mediterraneo.

MorfologiaModifica

 
Dettaglio del fiore

È una pianta erbacea alta 5–20 cm, con foglie ovato-lanceolate disposte a rosetta, e brattee larghe e concave.

L'infiorescenza raggruppa 2-5 fiori con sepali verdi, ovati, e petali corti, triangolari, con apice ottuso, pubescenti, giallo-verdastri, brunastri alla base. Il labello è trilobato, con lobi laterali che presentano due gibbosità villose e lobo mediano emisferico, bruno e pubescente all'apice, glabro e plumbeo alla base, con appendice apicale verdastra. Il ginostemio è corto, con apice ottuso e cavità stigmatica cuoriforme, contornata da callosità prominenti.

L'apparato radicale è costituito da 3-5 rizotuberi, sferici.

Fiorisce da febbraio a maggio.

Distribuzione e habitatModifica

È diffusa in Europa meridionale (Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Grecia e Malta), nelle isole Canarie e in Asia minore.
In Italia è comune nelle regioni meridionali e nelle isole, rara al centro e in Romagna, assente nel resto dell'Italia settentrionale[1].

Cresce su praterie e garighe fino a 1000 m di altitudine. Predilige i terreni calcarei.

ImpollinazioneModifica

L'impollinazione è entomofila, ad opera di imenotteri del genere Eucera (E. grisea, E. nigrilabis, E. longicornis, E. tuberculata).

O. bombyliflora può riprodursi anche per via vegetativa, fatto non comune tra le specie del genere Ophrys, per moltiplicazione dei rizotuberi.

NoteModifica

  1. ^ GIROS 2009, p.181.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica