Apri il menu principale
Orazio Tedone

Orazio Tedone (Ruvo di Puglia, 10 marzo 1870Pisa, 18 aprile 1922[1]) è stato un fisico e matematico italiano. Si interessò di Teoria dell'elasticità, elettromagnetismo e fu membro dell'Accademia dei Lincei.

Indice

BiografiaModifica

Nato e cresciuto a Ruvo di Puglia, completò gli studi universitari a Napoli e si laureò in matematica alla Normale di Pisa nel 1892[2]. Inizialmente svolse il ruolo di assistente poi divenne insegnante di meccanica razionale nello stesso ateneo[2]. Diventato docente all'Istituto Tecnico di Milano, ottenne la cattedra di meccanica all'Università di Pavia[2].

Tra il 1893 e il 1896, Tedone si dedicò alla ricerca scientifica con lavori sull'idrodinamica e l'elasticità[2]. Nel 1899 l'Università di Genova gli affidò prima la cattedra di analisi superiore e statica grafica, poi nel 1902 fu assegnato alla cattedra di fisica matematica[2]. In questo periodo sposò Amalia Lojodice, dalla quale ebbe un figlio, Giuseppe, divenuto poi anch'egli docente universitario di matematica[2]. Nel 1911 divenne membro dell'Accademia Reale dei Lincei e nel 1921 ricevette una benemerenza[2]. Nel 1922 ottenne il trasferimento all'Università di Napoli e l'assegnazione alla cattedra di fisica matematica[2]. Tuttavia la sera del 17 aprile dello stesso anno fu trovato in pessime condizioni sui binari della stazione di Pisa, ferito gravemente[2]. Morì durante la corsa in ospedale e le sue ultime parole furono "quando uno nasce sfortunato..."[2].

Attività scientificaModifica

Le opere più significative di Orazio Tedone riguardano la teoria matematica dell'elasticità e l'integrazione dell'equazione dell'elettromagnetismo di Maxwell-Hertz[2]. Nella dimostrazione di una formula sulla propagazione delle onde, fu il primo a servirsi di uno spazio a quattro dimensioni[3]. Inoltre, estese la formula di Kirchhoff alle vibrazioni più comuni che possono avvenire in un mezzo elastico, omogeneo e isotopo[3]. Si dedicò anche a problemi di statistica dei suddetti corpi e le sue formule erano famose per la semplicità[3]. Tedone cercò di risolvere i problemi relativi all'integrazione delle equazioni di Maxwell e ne ricavò l'applicazione nel campo dell'ottica elettromagnetica, riuscendo a esprimere in maniera semplice e suggestiva il valore elettrico e il vettore magnetico[3].

OpereModifica

  • Sul moto di un fluido contenuto in un involucro ellissoidico (1893).
  • Sulla linea elastica (1894).
  • Sulla integrazione dell'equazione (1898).
  • Sul sistema generale delle equazioni (1898).
  • Sulla teoria degli spazi a curvatura costante (1899).
  • Sull'equazione dell'elasticità in coordinate curvilinee (1899).
  • Sulle equazioni delle vibrazioni dei corpi elastici (1900).
  • Saggio di una teoria generale delle equazioni (1904).
  • Sull'equilibrio di una piastra elastica, isotopa, indefinita (1904).
  • Sui problemi di equilibrio elastico a due dimensioni (1905).
  • Un teorema dell'equazione dell'elasticità (1907).
  • Sui metodi della fisica matematica (1908).
  • Sul pendolo a sospensione elastica (1913).
  • Campi elettromagnetici (1915).
  • Sull'integrazione di Maxwell (1916).

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32070410 · ISNI (EN0000 0000 8369 3164 · SBN IT\ICCU\PUVV\171174 · LCCN (ENn84801167 · GND (DE134034457 · BNF (FRcb123401331 (data) · WorldCat Identities (ENn84-801167