Apri il menu principale

DescrizioneModifica

I tre membri della famiglia sono piuttosto differenti fra loro, e mostrano pochi punti in comune riguardo l'aspetto: si tratta di uccelli di dimensioni medio-piccole (dai 16 cm dello zufolatore nucarossiccia ai 26 cm del pitoui crestato), dall'aspetto massicico, muniti di grosse teste squadrate e becchi forti e dalla punta adunca simili a quelli delle averle, nonché di penne della fronte e del vertice erettili e in alcuni casi di forma allungata, zampe forti, ali appuntite e coda dall'estremità squadrata.

Il piumaggio è anche molto differente nelle varie specie, mostrando tuttavia la tendenza a mantenersi più scuro e sobrio dorsalmente e più chiaro ventralmente: il dimorfismo sessuale è ben evidente in una sola specie, il campanaro crestato.

Distribuzione e habitatModifica

La famiglia è diffusa in Oceania, con due specie che abitano le foreste pluviali della Nuova Guinea (quelle di pianura il pitoui crestato e quelle montane lo zufolatore nucarossiccia) ed una (il campanaro crestato) diffusa nelle aree secche e semidesertiche australiane.

BiologiaModifica

Si tratta di uccelli diurni, insettivori, che vivono da soli o in piccoli gruppi familiari e prediligono cercare il cibo fra i cespugli o al suolo.

TassonomiaModifica

La famiglia comprende tre generi monotipici, per un totale di tre specie[1]:

Famiglia Oreoicidae

La sistematica della famiglia inizia a partire dal 1985, quando nella tassonomia degli uccelli di Sibley-Ahlquist vengono portate in evidenza le affinità genetiche fra le tre specie, fino ad allora mai ritenute imparentate fra loro in maniera stretta ed ascritte alla famiglia Pachycephalidae: gli studi molecolari successivi hanno confermato la monofilia del taxon (i cui componenti hanno cominciato a divergere non prima di 10 milioni di anni fa[2], portando all'istituzione della famiglia Oreoicidae[1][3], occupante un clade basale della radiazione evolutiva australo-papuana dei Corvida e vicino a Psophodidae[2].

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Oreoicidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 6 novembre 2014.
  2. ^ a b (EN) Boyd J.H., Oreoicidae: Australo-Papuan Bellbirds, in Taxonomy in Flux Version 2.55. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  3. ^ Schodde, R. & Christidis, L., Relicts from Tertiary Australasia: undescribed families and subfamilies of songbirds (Passeriformes) and their zoogeographic signal, in Zootaxa, vol. 3786, nº 5, 2014, p. 501–522.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica