Apri il menu principale

Pablo Casado

politico spagnolo
Pablo Casado Blanco
Pablo Casado 2019.jpg

Presidente del Partito Popolare
In carica
Inizio mandato 21 luglio 2018
Predecessore Mariano Rajoy

Deputato del Regno di Spagna
In carica
Inizio mandato 13 dicembre 2011
Gruppo
parlamentare
Popolare
Circoscrizione Castiglia e León
Collegio Ávila

Dati generali
Partito politico Partito Popolare
Università Università Complutense di Madrid
Universidad Rey Juan Carlos

Pablo Casado Blanco (Palencia, 1º febbraio 1981) è un politico spagnolo, presidente del Partito Popolare spagnolo dal 21 luglio 2018.

BiografiaModifica

 
Casado con Silvio Berlusconi nel 2019

Nato a Palencia, il padre, Miguel Casado González, era un medico e la madre, Esther Blanco Ruiz, professoressa universitaria nel settore infermieristico. La famiglia possiede una clinica oculistica nella sua città natale. Ha cinque fratelli, ha studiato al Colegio Castilla, gestito dai fratelli Marist, e si è laureato in Giurisprudenza nel 2007 all'Università Complutense di Madrid specializzandosi dal 2007 al 2014 in Amministrazione e direzione d'impresa all'Universidad Rey Juan Carlos.

Attività politicaModifica

Casado aderì al Partido Popular nel 2003, di cui dal 2005 al 2013, nella comunità di Madrid, è stato dirigente regionale di Nuevas Generaciones, l'organizzazione giovanile del partito. Nel 2007 fu eletto consigliere regionale all'Assemblea della Comunità autonoma di Madrid nelle liste del PP, carica che mantenne fino al 2009. Tra il 2009 e il 2012 è stato capo di gabinetto dell'ex presidente del governo José María Aznar, nel think tank dell'ala più conservatrice del partito.[1]

Nel 2011 è stato eletto deputato alle Cortes Generales, per il collegio di Ávila. Nel giugno 2015 viene nominato Vicesegretario generale della Comunicazione del Partido Popular.

Dopo le dimissioni di Mariano Rajoy da presidente del partito nel giugno 2018, dopo essere stato sfiduciato dal Congresso, permettendo l'arrivo alla guida del governo del leader socialista Pedro Sánchez, Casado ha annunciato la sua candidatura alla presidenza del Partito Popolare. Si piazza secondo tra i sei candidati alle primarie con il 34,27%.

Presidente del PPModifica

Al XIX congresso del Partito Popolare, il 21 luglio 2018, è eletto presidente con il 57.21% dei voti, superando l'altra candidata, l'ex vicepremier Soraya Sáenz de Santamaría, che ha ottenuto il 42.05% dei voti.[2] Casado Blanco diviene così il leader dell'opposizione al governo Sánchez.

Il suo partito alle elezioni generali dell'aprile 2019 ottiene il 16,70%, una pesante riduzione di voti rispetto al 33,01% del 2016, raccogliendo il peggior risultato elettorale della storia del partito.[3]

Vita privataModifica

Pablo Casado ha sposato Isabel Torres Orts il 20 giugno 2009, nella Basilica minore di Santa Maria di Elche. La coppia ha 2 figli.

Posizioni politicheModifica

Casado è apertamente contrario ai matrimoni gay, alle adozione di bambini da parte di coppie omosessuali e alla liberalizzazione delle droghe, siano esse pesanti o leggere. Pone vita e famiglia al centro della sua ispirazione politica[4][5].

NoteModifica

  1. ^ Il Giornale
  2. ^ www.tvsvizzera.it
  3. ^ Guida alle ennesime elezioni in Spagna, su Il Post, 9 novembre 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  4. ^ Casado, un 37enne per il dopo Rajoy Svolta a (ultra)destra, in ilGiornale.it. URL consultato il 22 settembre 2018.
  5. ^ www.cope.es

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica