Apri il menu principale

Palazzo Leone

edificio dell'Aquila
Palazzo Leone
Palazzo Leone.JPG
La fontana luminosa con, alle spalle, Palazzo Leone.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
LocalitàL'Aquila
Indirizzocorso Vittorio Emanuele II 159
Coordinate42°21′12.38″N 13°24′04.69″E / 42.35344°N 13.401302°E42.35344; 13.401302Coordinate: 42°21′12.38″N 13°24′04.69″E / 42.35344°N 13.401302°E42.35344; 13.401302
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXX secolo
Stilerazionalista
Realizzazione
ArchitettoMario Gioia
IngegnereVincenzo Di Nanna
Committentefamiglia Di Sabbato

Palazzo Leone è un palazzo storico dell'Aquila.

Indice

StoriaModifica

La costruzione del palazzo risale agli anni Trenta del XX secolo ed è dovuta ad un ampio progetto di rinnovamento urbanistico della propaggine settentrionale al centro storico della città, comprendente l'allargamento di corso Vittorio Emanuele II, la realizzazione della fontana luminosa e del complesso sportivo.[1] In precedenza, l'area — che fronteggiava il Forte spagnolo, importante avamposto militare — non era edificata.

L'edificazione di Palazzo Leone è leggermente successiva a quella della Casa del Combattente di Achille Pintonello, che era stato il primo palazzo cittadino ad utilizzare un'ossatura in calcestruzzo armato, con cui tuttavia condivide stile architettonico, periodo storico e funzione urbanistica.[2] La famiglia Di Sabbato incaricò del progetto l'ingegnere Vincenzo Di Nanna e l'architetto Mario Gioia, futuri podestà e vice-podestà dell'Aquila.[3]

Nel dopoguerra, l'edificio venne sopraelevato di un livello, distinguendolo così dall'edificio prospiciente. Fino al terremoto dell'Aquila del 2009 ha ospitato la sede cittadina del Messaggero;[4] danneggiato dal sisma, Palazzo Leone è stato poi sottoposto a lavori di restauro che hanno riportato in auge la colorazione storica caratterizzata dal rosso pompeiano.[2]

DescrizioneModifica

Il palazzo è uno dei cosiddetti «edifici gemelli» che costituiscono i propilei al corso Vittorio Emanuele II e, quindi, al centro storico della città. È situato nell'isolato tra il corso, piazza Battaglione degli Alpini, via del Crocifisso e via del Gatto.

L'edificio si presenta come l'unione di due corpi di fabbrica a base rettangolare con la facciata principale, costituita da un fronte semicilindrico, volto verso la fontana luminosa; la stessa facciata tondeggiante è ripresa poi nella prospiciente Casa del Combattente.[4] La linea del prospetto sul corso è proseguita da Palazzo Lucentini Bonanni che — per l'occasione — venne "tagliato" di un'intera ala.

È costituito da tre livelli originali cui è stato aggiunto — negli anni Cinquanta del XX secolo — un ulteriore livello con terrazzino.[4] Lo stile ripropone quanto già visto nel pressoché coevo albergo di Campo Imperatore di Vittorio Bonadè Bottino, rispetto al quale tuttavia risulta più gradevole la proporzione tra vuoti e pieni. Elemento caratterizzante del palazzo sono le vistose cornici marcapiano già presenti nella Casa del Combattente e che, nella facciata principale, si aggettano per realizzare le balconate.[1]

La colorazione storica — un rosso pompeiano d'impatto — è stata riproposta in seguito ai lavori di ristrutturazione successivi al terremoto del 2009 ed è la stessa utilizzata per gli apparati esterni del vicino complesso sportivo.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b Simonetta Ciranna, p. 66
  2. ^ a b Romana Scopano, Si “veste” di rosso Palazzo Leone, in Il Centro, 18 luglio 2015.
  3. ^ Stefano Brusaporci, p. 93
  4. ^ a b c d Alberto Orsini, L'AQUILA: RISCOPERTO UN PO' DI PALAZZO LEONE, LA PORTA DEL CENTRO, in abruzzoweb.it, 20 giugno 2015.

BibliografiaModifica

  • Stefano Brusaporci, Architetture per il sociale negli anni Trenta e Quaranta del Novecento. Esperienze in Abruzzo, Roma, Gangemi Editore, 2012;
  • Simonetta Ciranna, Architetture a confronto: XIX e XX secolo, Roma, Gangemi Editore, 2005;
  • Alessandro Clementi, Elio Piroddi, L'Aquila, Bari, Laterza, 1986;
  • Raffaele Colapietra (con Mario Centofanti, Carla Bartolomucci e Tiziana Amedoro), L'Aquila: i palazzi, L'Aquila, Ediarte, 1997;
  • Mario Moretti, Marilena Dander, Architettura civile aquilana dal XIV al XIX secolo, L'Aquila, Japadre Editore, 1974;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005.

Altri progettiModifica