Papà prende moglie

serie televisiva italiano
Papà prende moglie
Papà prende moglie.jpeg
immagine tratta dalla sigla
PaeseItalia
Anno1993
Formatominiserie TV
Generecommedia
Puntate8
Durata50 min (episodio)
Lingua originaleItaliano
Rapporto4:3
Crediti
RegiaNini Salerno
SoggettoSimona Izzo
SceneggiaturaSimona Izzo e Francesco Bonelli
Interpreti e personaggi
MontaggioBruno Sarandrea
MusicheClaudio Mattone
ScenografiaMaurizia Narducci
CostumiNicoletta Ercole
ProduttoreAntonino Antonucci Ferrara
Produttore esecutivoRoberta Sassa
Casa di produzioneRTI
Prima visione
Dal31 ottobre 1993
Al21 novembre 1993
Rete televisivaCanale 5

Papà prende moglie è una miniserie TV prodotta da RTI, trasmessa dal 31 ottobre al 21 novembre 1993 su Canale 5, replicata nell'estate del 1995 e interpretata da Marco Columbro e Nancy Brilli, con la partecipazione di Franca Valeri nel ruolo della madre di Andrea ed Erika Blanc nel ruolo della madre di Francesca.

TramaModifica

Andrea Marchi (Marco Columbro) è un avvocato vedovo con un figlio maschio e una figlia femmina; Francesca Banfi (Nancy Brilli) è una nutrizionista divorziata, anch'essa con un figlio maschio e una figlia femmina. I due si innamorano e decidono di andare a vivere insieme: dovranno fare i conti con i problemi di adolescenza dei figli, soprattutto sentimentali. Della famiglia fa parte anche il cane Vasco.

Interpreti e personaggiModifica

EpisodiModifica

Titolo Prima TV
1 Due in ascensore 31 ottobre 1993
2 Una famiglia e una culla 31 ottobre 1993
3 Indovina chi viene a cena? 7 novembre 1993
4 Tradimenti 7 novembre 1993
5 In viaggio da sola 14 novembre 1993
6 Il tempo delle fragole 14 novembre 1993
7 I mariti della sposa 21 novembre 1993
8 Luna di miele 21 novembre 1993

CuriositàModifica

  • Il Labrador Sherlock delle Acque Lucenti (Vasco) di proprietà di Emanuela Ruggero è stato ammestrato da Massimo Perla.
  • La sigla della miniserie TV intitolata "Coccole" è interpretata da Kokko di Mamma e Paola Cortellesi.
  • Il 1º novembre 1993 è uscito il libro "Papà prende moglie" edito da Mondadori.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione