Papaver nudicaule

specie di pianta della famiglia Papaveraceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Papavero d'Islanda
Iceland Poppy Papaver nudicaule 'Champagne Bubbles' Orange Center.jpg
Papaver nudicaule cv. Champagne Bubbles, parte centrale del fiore
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni basali
Ordine Ranunculales
Famiglia Papaveraceae
Sottofamiglia Papaveroideae
Tribù Papavereae
Genere Papaver
Specie P. nudicaule
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Magnoliidae
Ordine Papaverales
Famiglia Papaveraceae
Sottofamiglia Papaveroideae
Tribù Papavereae
Genere Papaver
Specie P. nudicaule
Nomenclatura binomiale
Papaver nudicaule
L., 1753
Nomi comuni

Papavero d'Islanda

Papaver nudicaule (L., 1753), comunemente noto come papavero d'Islanda, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, originaria delle regioni subpolari del nord Europa e del nord America[1].

Papaver nudicaule. Gli esemplari di colore giallo e bianco sono quelli selvatici

DescrizioneModifica

 
Papaver nudicaule

La specie selvatica presenta petali di colore chiaro, bianco o giallo, sebbene ne siano state ottenute numerose varietà con petali di svariati colori.

Tutte le parti della pianta sono potenzialmente velenose, perché contengono alcaloidi tossici.

TassonomiaModifica

Al momento, oltre alla pianta in sé, è accettata una sola sottospecie:

  • Papaver nudicaule subsp. americanum (Rändel ex D.F.Murray, 1995)[2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Papaver nudicaule L., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Papaver nudicaule subsp. americanum Rändel ex D.F.Murray, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 4 febbraio 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica