Apri il menu principale
P. Oxy. I 21
P. Oxy. I 29.jpg
P. Oxy. I 29.
Altre denominazioniE 2748
OperaElementi
AutoreEuclide
EpocaII secolo
Supportopapiro
Linguagreco
Scritturaonciale
Dimensioni8,5 × 15,2 cm
Pagine1
Ubicazione attualeUniversity of Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology[1]
Primo curatoreGrenfell e Hunt[2]

Il papiro di Ossirinco 29 (P. Oxy. I 29) è un frammento di un rotulus[3][4] di papiro contenente il secondo libro degli Elementi di Euclide in greco.

È stato originariamente datato alla fine del terzo secolo o all'inizio del quarto secolo[2] mentre studi più recenti lo collocano tra il 75 e il 125.[3][5]

Fu rinvenuto nel 1897 a Ossirinco da Grenfell e Hunt che pubblicarono il testo nel 1898.[2]

È custodito presso la University of Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology[1] a Filadelfia.[4]

DescrizioneModifica

Il manoscritto è stato scritto in lettere onciali inclinate e irregolari, senza iota ascritto e con lievi errori di ortografia.

Il frammento misura 85 per 152 mm.[2] e riporta l'enunciato della quinta proposizione del secondo libro degli Elementi illustrata da un diagramma privo di didascalia e una piccola parte della proposizione precedente;[3] la dimostrazione non è presente.

La traduzione dell'enunciato è:

“Se una linea retta è divisa in parti uguali e disuguali, il rettangolo compreso dai segmenti disuguali della linea, insieme col quadrato della parte tra i punti di divisione, è uguale al quadrato della metà.”[3]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) P. Oxy. I 29, su Oxyrhynchus Online. URL consultato il 19 aprile 2015.
  • (EN) Manuscript, su University of Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology. URL consultato il 19 aprile 2015.