Apri il menu principale

Paul von Ragué Schleyer

Chimico statunitense

Paul von Ragué Schleyer (Cleveland, 27 febbraio 1930Ila (Georgia), 21 novembre 2014) è stato un chimico statunitense. Studioso di chimica organica fisica, chimica metallorganica e chimica computazionale, è famoso principalmente per aver scoperto un metodo semplice per la sintesi dell'adamantano.

VitaModifica

Schleyer si laureò in chimica all'Università di Princeton nel 1951 e ottenne il titolo di dottore di ricerca con Paul Doughty Bartlett all'Università di Harvard nel 1957. Tornato a Princeton come docente, ottenne la cattedra di chimica nel 1969. Nel 1976 lasciò Princeton per trasferirsi come co-direttore dell'Istituto di Chimica Organica all'Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Norimberga, dove nel 1993 fondò il centro di chimica computazionale. Nel 1990 prese un incarico part-time all'Università della Georgia ad Athens dove poi si trasferì stabilmente nel 1998, continuando a interessarsi di chimica teorica.[1][2]

Contributi scientificiModifica

All'inizio della sua carriera si occupò di sintesi organica, riarrangiamenti strutturali e ruolo dei carbocationi come intermedi di reazione. Uno dei risultati più significativi fu la nuova via di sintesi dell'adamantano;[3] la possibilità di ottenerne quantità dell'ordine dei chili rese possibile la successiva sintesi di farmaci come memantina e saxagliptina. Dal 1969 pur continuando i suoi lavori sperimentali iniziò a interessarsi di chimica computazionale. Nel 1983 previde l'esistenza della specie CLi6, che fu osservata solo nove anni più tardi.[4] I risultati delle sue ricerche sono documentati in più di 1200 articoli su riviste scientifiche e in un dozzina di monografie, alcune scritte in collaborazione con i premi Nobel John Pople, Herbert Brown e George Andrew Olah.[1][2]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN111491172 · ISNI (EN0000 0001 0935 7370 · LCCN (ENn88246557 · GND (DE120938022 · BNF (FRcb12410915v (data) · WorldCat Identities (ENn88-246557