Apri il menu principale

Per i morti di Reggio Emilia

brano musicale di Fausto Amodei

«Compagno Ovidio Franchi, compagno Afro Tondelli, / e voi Marino Serri, Reverberi e Farioli / dovremo tutti quanti aver d'ora in avanti / voialtri al nostro fianco per non sentirci soli»

(Per i morti di Reggio Emilia)
Per i morti di Reggio Emilia
ArtistaFausto Amodei
Autore/iFausto Amodei
GenereMusica d'autore
Data1960

Per i morti di Reggio Emilia è una canzone scritta nel 1960 dal cantautore torinese Fausto Amodei[1].

La canzoneModifica

Amodei è tra i fondatori nel 1957 del gruppo torinese dei Cantacronache[2] che, per primi in Italia, cercano di creare un nuovo tipo di canzone che si allontani dalla canzone di consumo, sul modello degli chansonniers francesi e dell'opera di Bertolt Brecht e Kurt Weill, e che recuperi la tradizione del canto popolare e dei cantastorie italiani.

Nel 1960, in occasione dei moti popolari contro il governo di Fernando Tambroni che coinvolsero molte città italiane con scontri sanguinosi, morti e feriti, e che portarono alla Strage di Reggio Emilia scrive la sua canzone più famosa, Per i morti di Reggio Emilia, ancora conosciutissima ed eseguita in occasione di manifestazioni operaia e studentesca. [3]

In seguito la canzone viene reinterpretata da molti artisti, inoltre l'aria verrà utilizzata per diversi cori calcistici, tra cui compare l'inno del gruppo ultrà milanista Brigate Rossonere.

Alcune incisioniModifica

CitazioniModifica

L'EP inciso nel 1985 dai CCCP Fedeli alla linea Compagni, cittadini, fratelli, partigiani prende il titolo dal primo verso della canzone.

NoteModifica

  1. ^ I morti di Reggio Emilia – i morti del luglio 1960 Archiviato il 29 dicembre 2013 in Internet Archive.
  2. ^ Alberto Papuzzi, Cantacronache non solo canzonette, in La Stampa (Torino, Italiana Editrice), 23 gennaio 2012. URL consultato il 28 giugno 2015 (archiviato il 16 dicembre 2013).
  3. ^ Fausto Amodei: Così nacque la mia canzone il manifesto 7 luglio 2010

BibliografiaModifica

  • Giulio Bigi, I fatti del 7 luglio (Reggio Emilia 1960), Edizioni Libreria Rinascita, Reggio EMilia, 1960
  • Marco Peroni, Il nostro concerto. La storia contemporanea tra musica leggera e canzone popolare, Bruno Mondadori Editore, 2005.
  • Chiara Ferrari, "Cantacronache 1958-1962:politica e protesta in musica, Storicamente, rivista del Dipartimento di Storia, Culture, Civiltà, Università di Bologna, 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica