Apri il menu principale

Percote era un'antica località dell'Asia Minore, posta sul lato asiatico dell'Ellesponto, a nord-est di Troia.
I suoi abitanti erano detti Percosi.

Indice

StoriaModifica

MitologiaModifica

Percote è menzionata diverse volte nella mitologia greca ed il più famoso dei suoi abitanti fu il nobile Merope, un grande veggente che ebbe quattro figli: Arisbe (destinata a diventare la prima moglie del re troiano Priamo, che poi la ripudiò dandola in matrimonio all'amico Irtaco), Clite (maritata giovanissima al coetaneo Cizico re dei Dolioni) e due maschi di nome Adrasto e Anfio, fondatori e sovrani delle città di Adrastea e Pitiea.

Allo scoppio della guerra di Troia molti familiari di Merope presero parte al conflitto come alleati di Priamo: Adrasto, Anfio e i tre figli di Irtaco e Arisbe (Asio, Niso, Ippocoonte).
Asio era nel frattempo divenuto re di Arisbe, città da lui fondata e chiamata col nome della madre e molti uomini del contingente militare da lui guidato venivano da Percote, che era stata incorporata con altre città nel suo regno.

DecadenzaModifica

In epoca postmitica Percote decadde notevolmente, per rimanere infine abbandonata. Già ai tempi di Strabone la cittadina non esisteva più, come si legge nella sua Geografia.

BibliografiaModifica

FontiModifica

  • Omero, Iliade
  • Apollonio Rodio, Argonautiche
  • Strabone, Geografia