Peter Philipp von Dernbach

vescovo cattolico tedesco
Peter Philipp von Dernbach
vescovo della Chiesa cattolica
Dernbach 007.png
Mons. von Dernbach in un ritratto attorno 1680.
WappenPeterPhilippvDernbach.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1º luglio 1619 a Geisa
Ordinato presbitero19 maggio 1675
Nominato vescovo28 gennaio 1675 da papa Clemente X
Consacrato vescovo2 giugno 1675 dal vescovo Stephan Weinberger
Deceduto23 aprile 1683 (63 anni) a Würzburg
 

Peter Philipp von Dernbach (Geisa, 1º luglio 1619Würzburg, 23 aprile 1683) è stato un vescovo cattolico tedesco, principe-vescovo di Bamberga e Würzburg.

BiografiaModifica

 
Un Groeschen di Peter Philipp von Dernbach del 1683

Peter Philipp era membro di una famiglia nobile dell'Assia e più precisamente originaria di Marburg Biedenkopf. Due dei suoi fratelli furono importanti principi-abati in Germania.

Peter Philipp venne accettato appena dodicenne, il 7 febbraio 1631 nel capitolo della Cattedrale di Bamberga come domicellario e il 25 febbraio 1643 venne accettato anche a Würzburg con il medesimo titolo. Studiò a Bamberga dal 1642 al 1643 per poi passare al Collegium Germanicum di Roma.

Il 31 maggio 1649 venne scelto come canonico effettivo a Bamberga e il 7 agosto dello stesso anno ottenne il medesimo incarico anche a Würzburg. Il 27 giugno 1651 divenne successore di Philipp Valentin von Rienecks nel titolo di Prevosto del Duomo in Carinzia e furono questi gli anni in cui stretti rapporti con l'Imperatore che poi lo favorirà nella sua elezione episcopale. Già dal 22 marzo 1672 venne nominato vescovo di Bamberga, e il 27 maggio 1675 venne anche eletto vescovo di Würzburg. In entrambi i casi l'influenza imperiale fu decisiva alla sua elezione. Schieratosi quindi apertamente con l'Imperatore, ne supportò le guerre contro la Francia, offrendo i propri uomini al soldo del monarca.

Dopo questi atti ottenne il titolo di Barone del Sacro Romano Impero per sé e per la propria famiglia e addirittura tre suoi nipoti saranno nominato conti sul feudo di Wiesentheid che avevano contribuito a costituire.

Per le conseguenze di un colpo apoplettico morì nel 1683 nella Fortezza di Marienberg, dove aveva fatto costruire una cappella e dove le sue spoglie riposano tutt'oggi.

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69721080 · ISNI (EN0000 0000 2181 4856 · CERL cnp01039558 · LCCN (ENn80096791 · GND (DE118524801 · WorldCat Identities (ENlccn-n80096791