Apri il menu principale
Pieve di Varenna
Informazioni generali
Capoluogo Varenna
564 abitanti (1751)
Dipendente da Provincia di Milano
Suddiviso in 1 comune
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Podestà lista sconosciuta
Organi deliberativi Consiglio generale
Evoluzione storica
Inizio XIV secolo
Causa Secolarizzazione delle pievi
Fine 1797
Causa Invasione napoleonica
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Distretto di Bellano
Cartografia
Pievimil.jpg
Pieve di San Giorgio
Monastergen.png
Informazioni generali
Capoluogo Varenna
? abitanti (1333)
Dipendente da Arcidiocesi di Milano
Suddiviso in 3 parrocchie
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Prevosto vedi sotto
Evoluzione storica
Inizio XIII secolo
Causa Istituzione delle pievi
Fine 1342
Causa Separazione di Perledo
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Pieve di San Martino

La pieve di Varenna o pieve di San Giorgio di Varenna (in latino plebis varennensis o plebis sancti georgi varennensis) era il nome di un'antica pieve dell'arcidiocesi di Milano e del ducato di Milano con capopieve Varenna.

Il patrono era san Giorgio, al quale è ancora oggi dedicata la chiesa prepositurale di Varenna.

Indice

StoriaModifica

Varenna, sin dall'epoca longobarda, venne sottoposta ecclesiasticamente alla chiesa di Monza, ove si trovava anche la corte regia. L'esistenza di una pieve in loco, è invece testimoniata a partire dal XIII secolo quando Goffredo da Bussero, autore del "Liber notitiae sanctorum Mediolanensis" la cita come avente sei chiese, tra le quali però non compare ancora la chiesa plebana di San Giorgio di Varenna, la quale venne ultimata solo sul finire del secolo ed al 1280 si trovava ancora in fase di costruzione. Testimonianza di questa chiesa l'abbiamo in un documento del 1313.[1] Oggi il suo antico territorio ricade sotto il decanato di Varenna e comprende 42 parrocchie.

Cambiamenti interni alla diocesi si ebbero a partire dal 1169 quando nel territorio plebano si rifugiarono gli esuli dell'isola Comacina, i quali imposero l'uso del rito patriarchino per contrastare gli usi correnti presso le altre parrocchie lombarde. Varenna decadde così presto nella sua breve storia, venendo già dal 1398 sottoposta al governo della pieve di san Martino in Perledo, e ridotta a semplice rettori, poi vicariato nel Cinquecento. La chiesa plebana di San Giorgio venne quindi dichiarata ufficialmente "nullius plebis". [1]

Diversa sorte ebbe invece la correlata pieve secolare e laica nella quella si articolava la provincia del Ducato di Milano: se però la pieve ecclesiastica aveva esercito i suoi poteri anche su Perledo, la pieve civile limitò sempre la sua giurisdizione sulla sola Varenna, costituendo così un singolare caso di pieve monocomunale. Nel Settecento la pieve amministrativa fu oggetto di un esperimento riformatore di stampo illuminista da parte dell'imperatore Giuseppe II, che nel 1786 la incluse nella provincia di Como, provvedimento però cancellato dopo soli cinque anni dal fratello Leopoldo II, imperatore ben più conservatore. La pieve fu poi soppressa nel 1797 in seguito all'invasione di Napoleone e alla conseguente introduzione di nuovi e più moderni distretti.

TerritorioModifica

Nella seconda metà del XVIII secolo, il territorio della pieve era così suddiviso:

Pieve civile
Comune di Varenna

Dal punto di vista ecclesiastico, il territorio varennese era a quel tempo dichiarato esente da pievi, e sottoposto al vicariato di San Martino di Perledo.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Liber notitiae sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero. Manoscritto della Biblioteca Capitolare di Milano, a cura di M. Magistretti, U. Monneret de Villard, Milano, 1917.
  • Diocesi di Milano. Sinodo 46°, Milano, 1972, Pubblicazione curata dall'ufficio stampa della Curia arcivescovile di Milano.
  • G. Vigotti, La diocesi di Milano alla fine del secolo XIII. Chiese cittadine e forensi nel “Liber Sanctorum” di Goffredo da Bussero, Roma, 1974.
  • Istituzione dei nuovi vicariati urbani e foranei, 11 marzo 1971, Giovanni Colombo, arcivescovo di Milano, Rivista Diocesana Milanese, 1971.

Voci correlateModifica