Apri il menu principale
Pilaf
Pilav.JPG
Riso pilaf
Origini
Altri nomipilâv, pullao, polo
Luogo d'origineTurchia Turchia
Creato daturchi
Dettagli
Categoriacontorno
Ingredienti principaliriso, brodo
 

Il pilaf è un sistema di cottura del riso attraverso cui si ottiene un composto con chicchi sgranati. Il termine "pílaf" (o "pilàf") è preso dal turco pilâv, a sua volta derivato dal persiano pilau[1], con il significato di "riso bollito".

La ricetta tradizionale prevede la cottura al forno del riso in casseruola coperta, mediante l'aggiunta di una quantità limitata di brodo e preventivamente insaporito con rosolatura in burro e cipolla tritata. Molti sono i modi di insaporire il riso nelle varie regioni in cui si cucina questo piatto, principalmente in Medio Oriente, come per esempio l'aggiunta di chiodi di garofano o di cannella.

Nei paesi arabi o turcofoni è generalmente servito come contorno o base a cui aggiungere pezzetti di carne o pesce. Nella cucina occidentale il riso pilaf viene utilizzato come piatto leggero, soprattutto in caso di dieta.

Indice

NoteModifica

  1. ^ Pilaf in Vocabolario, su treccani.it. URL consultato il 24 giugno 2014.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica