Pobeda (azienda)

compagnia aerea russa

Pobeda LCC, (in russo: Победа, lett. 'Vittoria', che si autodefinisce pobeda...), è una compagnia aerea a basso costo e una consociata interamente controllata di Aeroflot, la compagnia di bandiera e la più grande compagnia aerea della Russia.[1] Opera servizi di linea verso destinazioni nazionali e internazionali principalmente dai suoi hub di Mosca.[2]

Pobeda
Logo
Logo
Pobeda, VP-BPL, Boeing 737-8AL (38164282224).jpg
StatoRussia Russia
Fondazione16 settembre 2014
Sede principaleMosca
GruppoAeroflot
Persone chiaveAndrey Yurikov (Interim CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.pobeda.aero/
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATADP
Codice ICAOPBD
Indicativo di chiamataPOBEDA
Primo volo1° dicembre 2014
Hub
Flotta41 (nel 2022)
Destinazioni67 (nel 2022)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Da quando le operazioni sono iniziate alla fine del 2014, Pobeda è considerata una delle compagnie aeree in più rapida crescita in Russia e in Europa nel 2019[3][4], diventando la terza più grande compagnia aerea in Russia nel febbraio 2019[5], avendo trasportato 689.100 passeggeri nel gennaio 2019[6], in miglioramento del 43,7% rispetto al mese dell'anno precedente e con un valore dichiarato di 800 milioni di dollari.[7]

StoriaModifica

La società Budget Carrier, LLC è stata registrata il 16 settembre 2014 con Aeroflot come unico azionista. È il secondo tentativo di Aeroflot di formare un vettore low-cost, dopo Dobrolet, che ha cessato l'attività nell'agosto 2014. Pobeda ha ricevuto il certificato di operatore aereo l'11 novembre 2014 e ha effettuato il suo primo volo il 1° dicembre dello stesso anno, da Mosca-Vnukovo a Volgograd.[8] Il vettore ha superato i 2 milioni di passeggeri nel settembre 2015, dopo nove mesi di attività.[9]

La compagnia aerea sperava di introdurre un servizio da Mosca a Bratislava nell'ottobre 2015, ma l'Agenzia federale russa per il trasporto aereo ha rifiutato la domanda per operare voli internazionali poiché la compagnia aerea avrebbe dovuto operare internamente per almeno due anni. L'aeroporto di Bratislava e Pobeda, tuttavia, hanno annunciato il lancio del primo volo internazionale per Bratislava il 19 dicembre 2015. Pobeda ha commercializzato anche il proprio servizio da Mosca a Vienna, in Austria, tramite un programma fly-and-ride, con un viaggio in autobus da Bratislava a Vienna incluso come parte del servizio.[9]

Nel dicembre 2015, Pobeda ha annullato la rotta pianificata per Salisburgo dopo che erano stati venduti solo 34 biglietti.[10]

Nell'agosto 2018, Pobeda ha annunciato che per la registrazione dei passeggeri negli aeroporti stranieri sarebbe stata applicata una tariffa di 25 euro a persona.[11] Ciò ha causato un'ampia protesta pubblica e nel dicembre 2018 l'ufficio del procuratore interregionale dei trasporti di Mosca ha intentato una causa contro tale decisione della compagnia aerea.[12]

Nell'ottobre 2019, il tribunale ha stabilito che la compagnia aerea avrebbe dovuto annullare la tassa di registrazione per i passeggeri negli aeroporti stranieri.[13] In risposta, Pobeda ha annunciato un aumento del 40% dei prezzi dei biglietti dall'estero.[14]

Nell'agosto 2021, Andrey Kalmykov, CEO di Pobeda, ha espresso un punto di vista scettico sugli aiuti di Stato alle compagnie aeree russe, descrivendo eventuali cancellazioni e divieti di rotte e destinazioni aeree come rischi commerciali.[15] Dopo l'invasione russa dell'Ucraina nel 2022, Andrey Kalmykov ha lasciato l'azienda.[16]

FlottaModifica

A dicembre 2022 la flotta di Pobeda è così composta[17]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
Y
Boeing 737-800 41 189
Totale 41

NoteModifica

  1. ^ (EN) Russia’s Aeroflot to acquire Transaero Airlines, su atwonline.com, 1° settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2015).
  2. ^ (RU) Расписание полетов | Pobeda, su pobeda.aero (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2014).
  3. ^ (EN) Hugh Morris, Revealed: Europe's fastest growing airline (and you've probably never heard of it), in The Telegraph, 15 ottobre 2019. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  4. ^ (EN) The Moscow Times, Russia's Pobeda Named Europe’s Fastest-Growing Airline, su The Moscow Times, 16 ottobre 2019. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  5. ^ (EN) ES, Moscow’s Vnukovo demonstrated 11.6% traffic growth in January, su Russian Aviation Insider, 15 febbraio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  6. ^ (EN) ES, Aeroflot Group’s January passenger traffic up by 14.5 per cent, su Russian Aviation Insider, 27 febbraio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  7. ^ (EN) ES, The value of Russia LCC Pobeda is now US$800 million, Aeroflot boss claims, su Russian Aviation Insider, 21 novembre 2019. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  8. ^ (RU) Авиакомпания «Победа» запускает продажу авиабилетов по шести направлениям, su pobeda.aero, 11 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2014).
  9. ^ a b (RU) «Победа» открыла продажу билетов на первые международные рейсы, su pobeda.aero, 12 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2015).
  10. ^ SZG: solo 34 prenotazioni Pobeda, su austrianaviation.net, 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2015).
  11. ^ (RU) «Победа» будет брать 25 евро за регистрацию в зарубежных аэропортах, su Ведомости. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  12. ^ (RU) Вадим Палько, На авиакомпанию «Победа» подали в суд из-за платной регистрации на рейсы, su Сноб. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  13. ^ (RU) Прокуратура через суд добилась отмены платной регистрации для пассажиров "Победы", su Interfax.ru. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  14. ^ (RU) «Победа» поднимает в среднем на 40% цены на рейсы в Россию, su Ведомости. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  15. ^ (RU) Глава «Победы» выступил против господдержки авиакомпаний, su РБК. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  16. ^ (EN) Andrew Curran, Reputation Damage: Aeroflot's Unexpected Start To 2022, su Simple Flying, 2 giugno 2022. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  17. ^ (EN) Pobeda Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 19 gennaio 2023.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica