Apri il menu principale

Poker Faces

film del 1926 diretto da Harry A. Pollard
Poker Faces
Titolo originalePoker Faces
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1926
Durata80 min

2.380 metri (USA)

2.370 metri (UK)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.33 : 1
film muto
Generecommedia
RegiaHarry A. Pollard
SoggettoEdgar Franklin
SceneggiaturaMelville W. Brown
Casa di produzioneUniversal Jewel (Universal Pictures)
Interpreti e personaggi

Poker Faces è un film muto del 1926 diretto da Harry A. Pollard. La sceneggiatura si basa su Poker Faces di Edgar Franklin, storia seriale pubblicata a puntate su Argosy All-Story Weekly dal 18 agosto al 15 settembre 1923[1].

Indice

TramaModifica

Jimmy Whitmore è un impiegato sempre alle prese con le difficoltà della vita. Curlew, il suo capo, gli affida un importante incarico, quello di firmare un contratto con George Dixon, un cliente difficile. Scoprendo che sua moglie è assente perché si è trovata un lavoro, porta con sé una sostituta, la moglie di un pugile. Alla cena organizzata per Dixon, Curlew si presenta con la sua nuova segretaria, ovvero Betty, la moglie di Jimmy. Curlew offre al cliente, che ha bisogno di qualcuno a cui dettare alcune lettere, la sua segretaria e i due si chiudono nella stanza dell'uomo, mentre in quella vicina si trovano Jimmy e la sua falsa moglie. Quando il pugile cerca di riprendersi la moglie, la situazione si complica: Jimmy smaschera Dixon, che si rivela essere un truffatore e che viene arrestato, mentre Curlow - per premiarlo - promuove Jimmy come socio giovane.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dall'Universal Jewel (come Universal Pictures).

DistribuzioneModifica

Il copyright del film, richiesto dalla Universal Pictures Corp., fu registrato il 22 maggio 1926 con il numero LP22756[1].

Distribuito dall'Universal Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 5 settembre 1926.

Copia della pellicola viene conservata negli archivi della George Eastman House e in quelli dell'UCLA Film and Television Archive[2].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Clive Hirschhorn, The Universal Story, Londra, Octopus Book Limited, 1983, ISBN 0-7064-1873-5.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema