Apri il menu principale
Ponte Sanguinario
Spoleto, Ponte sanguinario. pilastro.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàSpoleto-Stemma.png Spoleto
Coordinate42°44′26.04″N 12°44′15.8″E / 42.740567°N 12.737721°E42.740567; 12.737721Coordinate: 42°44′26.04″N 12°44′15.8″E / 42.740567°N 12.737721°E42.740567; 12.737721
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
MaterialeTravertino
Lunghezza24 m
Larghezza4 47 m
Altezza8 07 m
Realizzazione
CostruzioneForse I secolo a.C.-Interrato intorno al 1300 e riscoperto nel 1817
Mappa di localizzazione

Il Ponte Sanguinario è un ponte, monumento storico, situato nel sottosuolo nell'area orientale di piazza della Vittoria a Spoleto, a pochi metri dalla Porta San Gregorio e dalla Basilica di San Gregorio Maggiore. L'accesso è reso possibile da una breve scala, delimitata da una balaustra in ferro, che s'interra sotto il piano stradale.

Descrizione e storiaModifica

Forse voluto da Augusto quando fece ricostruire i ponti della via Flaminia, da tempo trasandati, intorno al 27 a.C.[1]; o forse edificato molto prima, quando la via Flaminia fu aperta in queste zone, intorno al 500 a.C.[2]

Il possente ponte è costruito con grandi blocchi squadrati di travertino, presenta tre arcate semicircolari, di cui una ancora interrata; è lungo circa 24 metri, largo 4,47 e alto 8,07; l'arco centrale ha la corda di 6,85 metri, quello di destra di 6,26. Il pilone centrale contiene un cunicolo che serviva a favorire il deflusso dell'acqua, mentre i laterali sono costruiti a gradoni, difesi da scogliere artificiali o ruderi. Sopra l'arcata ancora nascosta dal terrapieno, poggia la porta di San Gregorio[3].

Consentiva alla via Flaminia di superare il torrente Tessino, a quei tempi un vero e proprio fiume; grazie ad esso uscivano dalla città due strade: il diverticulum della Flaminia[4], che girava subito a sinistra, e l'antichissima via Pedemontana, che univa Spoleto a Foligno.

 
Arcata

Nei secoli il fiume ha lentamente dislocato il suo letto verso nord, tanto che alla fine del XIII secolo dovette essere ricondotto sotto il ponte. Non avendo da allora più ricevuto alcun intervento, gradualmente cambiò ancora sede, pertanto il ponte venne a perdere pian piano la sua originaria funzione, rimanendo sepolto dalle frequenti inondazioni del fiume, i cui depositi alluvionali determinarono l'elevamento del piano stradale circostante. Rimase nascosto fino al 1817[5].

Venne rinvenuto durante gli ingenti lavori pubblici intrapresi dopo la restaurazione dello Stato Pontificio, quando si deliberò la costruzione di un ponte sul Tessino, da aggiungere a quello di Porta Ponzianina. I lavori si conclusero nel 1820, in tempo per il passaggio a Spoleto dell'Imperatore d'Austria Francesco II[6]. (29 dicembre 1820).

Nel 1896, dopo un improvviso sprofondamento del terreno, il Comune, per sicurezza, decise di chiudere con un muro di mattoni le luci degli archi; l'archeologo spoletino Giuseppe Sordini cercò di evitare questa soluzione, che di fatto avrebbe impedito un futuro recupero del monumento, chiedendo invano interventi economici adeguati al Ministero della Pubblica Istruzione. Solo nel 1906, il Ministero dispose un sussidio che consentì l'esecuzione dei lavori occorrenti[7].

La denominazione Ponte sanguinario, si ritiene sia stata adottata in tempi più recenti rispetto alla sua costruzione[8]; i racconti agiografici in tema di persecuzione cristiana, l'hanno messa in rapporto con le esecuzioni che avvenivano nei pressi del ponte: le teste mozzate dei martiri venivano poi gettate nel sottostante torrente. Altra ipotesi è che il nome derivi da una corruzione di "Sandapilarius", cioè dalla porta sandapilaria[9] del grandioso anfiteatro romano del I - II secolo i cui resti si trovano nel cortile del Complesso monumentale dell'Anfiteatro, distante solo 150 metri. Altra ipotesi ancora è che derivi dal nome di un altro torrente, il Sanguineto, che confluisce nel Tessino[3]. Come risulta dagli Statuti spoletini del 1296 il ponte ha avuto anche la denominazione di ponte San Gregorio[10].

 
Ingresso

Il ponte non è mai stato riportato completamente alla luce[5]; attualmente (dicembre 2014), grazie all'intervento di ripristino del vano d'accesso eseguito nel 1993, sono visibili solo due arcate.

LeggendeModifica

La leggenda su San Ponziano, patrono di Spoleto, racconta che egli sia stato decapitato sul ponte, appena fuori dall'anfiteatro romano, e che la testa mozzata abbia raggiunto in soli tre balzi il luogo dove poi è sorta la chiesa a lui dedicata, la chiesa di San Ponziano. Nel punto dove la testa toccò terra prese a zampillare una fonte di acqua purissima.

Un'altra leggenda narra che un cunicolo sotterraneo collegherebbe il ponte con la Rocca Albornoziana. Si dice che lo usasse Lucrezia Borgia per ricevere i suoi amanti alla fine del quattrocento, epoca in cui fu governatrice di Spoleto[11]. Nessuno però lo ha mai trovato, un itinerario ancora inesplorato.

NoteModifica

  1. ^ Liana Di Marco, Spoletium: topografia e urbanistica, Spoleto, Edizioni dell'Accademia spoletina, 1975., p. 96
  2. ^ Sulle diverse datazioni cfr. Achille Sansi, Degli edifici e dei frammenti storici delle antiche età di Spoleto, Sala bolognese, Arnaldo Forni Editore, 1993. Ristampa anastatica dell'edizione Folognano, Stab. tip. e lit. di P. Sgariglia, 1869 pp. 217 - 222
  3. ^ a b Di Marco, p. 95.
  4. ^ Via Flaminia e il diverticulum via Flaminia nova
  5. ^ a b Lamberto Gentili, Luciano Giacché, Bernardino Ragni e Bruno Toscano, L’Umbria, Manuali per il Territorio. Spoleto, Roma, Edindustria, 1978, pp. 120, 121.
  6. ^ My Spoleto. Ponte Sanguinario
  7. ^ Giovanna Giubbini, Il ponte sanguinario, in Giuseppe Sordini: luoghi e documenti di un archeologo spoletino. Catalogo della mostra 2 luglio - 30 settembre 1993. Sezione di Archivio di Stato di Spoleto, Assisi, Ministero per i Beni culturali e ambientali. Archivio di Stato di Perugia, 1994.
  8. ^ Sansi, p. 220.
  9. ^ Sandăpĭla,ae, f., bara, feretro dei poveri condannati a morte
  10. ^ Negli Statuti spoletini del 1296, conservati nella Sezione di Archivio di Stato di Spoleto, si legge la rubrica 84, la quale ordina: Quod acqua tiscini remictatur subter pontem Sancti Gregorii...
  11. ^ Regione Umbria, sito ufficiale Archiviato il 28 febbraio 2014 in Internet Archive.

BibliografiaModifica

  • Achille Sansi, Degli edifici e dei frammenti storici delle antiche età di Spoleto, Sala bolognese, Arnaldo Forni Editore, 1993. Ristampa anastatica dell'edizione Folognano, Stab. tip. e lit. di P. Sgariglia, 1869
  • Liana Di Marco, Spoletium: topografia e urbanistica, Spoleto, Edizioni dell'Accademia spoletina, 1975.
  • Lamberto Gentili, Luciano Giacché, Bernardino Ragni e Bruno Toscano, L’Umbria, Manuali per il Territorio. Spoleto, Roma, Edindustria, 1978.
  • Liana Di Marco, Il ponte Sanguinario a Spoleto, in Venticinque anni di Lionismo a Spoleto, Spoleto, 1994, pp. 259-268.
  • Giovanna Giubbini, Il ponte Sanguinario, in Sezione di Archivio di Stato di Spoleto (a cura di), Giuseppe Sordini: luoghi e documenti di un archeologo spoletino. Catalogo della mostra 2 luglio - 30 settembre 1993, Assisi, Ministero per i Beni culturali e ambientali. Archivio di Stato di Perugia, 1994, pp. 39-42.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica