Apri il menu principale
Porta Sant'Isaia
Mura di Bologna
StatoItalia Italia
CittàBologna
Informazioni generali
Tipoporta cittadina
Costruzione1567-1568
Demolizione1903
Condizione attualeabbattuta
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Porta Sant'Isaia (pôrta Sant Iṡî in bolognese, un tempo conosciuta anche come Porta Pia) era una delle porte della terza cinta muraria di Bologna. Venne demolita insieme alle mura della terza cinta della città nei primi anni del Novecento.

StoriaModifica

La porta di Sant'Isaia si trovava all'incrocio tra i viali di circonvallazione, l'omonima via e l'inizio di via Andrea Costa. Rispetto alle altre porte ha avuto un'esistenza breve: fu infatti costruita nel 1568 per consolidare il varco principale sul lungo lato occidentale delle mura, dopo che la porta del Pratello, edificata nel XIII secolo, era stata chiusa nel 1445 in seguito ai disordini connessi all'uccisione di Annibale I Bentivoglio. Si apriva sull'importante arteria che portava alla Certosa e alla strada Porrettana verso Pistoia. Fu demolita nel 1903, anche a seguito di un recente e rovinoso crollo di un suo cornicione.[senza fonte]

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica