Apri il menu principale

Powaqqatsi

film documentario del 1988 diretto da Godfrey Reggio
Powaqqatsi
Titolo originalePowaqqatsi: Life in Trasformation
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1988
Durata96 min
Generedocumentario
RegiaGodfrey Reggio
ProduttoreYoram Globus
FotografiaGraham Berry, Leonidas Zourdoumis
MontaggioIris Chan, Alton Walpole
MusichePhilip Glass

Powaqqatsi è un documentario del 1988 diretto da Godfrey Reggio. È il secondo episodio della Trilogia qatsi, che comprende inoltre Koyaanisqatsi (1982) e Naqoyqatsi (2002)

Powaqqatsi è un neologismo della lingua amerinda hopi, creato da Reggio, che significa "vita parassitica" oppure "vita in cambiamento". Più liberamente, può essere interpretata come "vita che consuma le forze vitali di altri esseri per promuovere la propria vita"[1]. Mentre il film precedente si focalizzava sullo stile di vita moderno nei paesi industrializzati, Powaqqatsi, nello stesso stile senza dialoghi, si concentra sul conflitto presente nei paesi del Terzo mondo fra gli stili di vita tradizionali e i nuovi stili di vita introdotti con l'industrializzazione. Così come tutti i film della trilogia, anche in quest'ultimo è molto forte la componente sonora, composta da Philip Glass. Le voci umani, specialmente quelle di bambini provenienti dal Sud America e dall'Africa, appaiono molto di più che negli altri film, in armonia con il messaggio e le immagini della pellicola.

Indice

TramaModifica

Il primo capitolo, "Serra Pelada", centinaia di uomini di Serra Pelada (una miniera d'oro brasiliana) sono ripresi mentre trasportano pesanti carichi di terreno a destinazione. Verso la fine, un paio di uomini strasportano un loro compagno che è stato colpito da una roccia, accompagnati da una processioni di lavoratori che continuano a trasportare sacchi. Dopo di che, vengono mostrate diverse esposizioni a strati discordanti dei portatori di terreno. La scena si dissolve per mostrare l'immagine di una testa, con esposizioni multiple della stessa testa che ruotano rapidamente e si sovrappongono per dare un aspetto caotico. Si tratta di un'apparente allusione a Giano, il dio degli inizi, delle finali e delle transizioni, in linea con i temi centrali del film: progresso e cambiamento. Dopo di che, il titolo del film è mostrato in rosso.

Nel capitolo Anthem: Part 1, il sole sorge sopra un villaggio africano. Più tardi, un uomo salpa con la sua barca. Il capitolo successivo, That Place, comincia allontandosi da una cascata. Si può sentire alcuni bambini ridere. Vengono mostrati villaggi, così come bambini, e i loro riflessi capovolti nell'acqua. Anthem: Part 2 ha numerose riprese di villaggi e isole.

Mosque and Temple mostrano varie inquadrature di scenari naturali e scene religiose. Alcune di queste scene includono l'interno di una chiesa con qualcuno che cammina, un uomo nero che prega, un monaco seduto mentre un uccello vola via dal suo bastone, lo stesso monaco che cammina lungo il fiume, un uccello che vola al tramonto, più bambini (simile alla scena finale in "That Place"), corvi che volano sopra un fiume, due uomini che remano la loro barca in quel fiume, una donna che prega nel fiume Gange, due uomini che praticano yoga, un altro monaco e un tempio in Nepal.

ProduzioneModifica

Il film è finanziato da Francis Ford Coppola e George Lucas.

DistribuzioneModifica

Colonna sonoraModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema