Apri il menu principale
Prefettura apostolica di Ulaanbaatar
Praefectura Apostolica Ulaanbaatarensis
Chiesa latina
UlaanBaatarCathedral.jpg
Sede vacante
Sacerdoti 17 di cui 3 secolari e 14 regolari
54 battezzati per sacerdote
Religiosi 18 uomini, 43 donne
Abitanti 3.277.000
Battezzati 919
Parrocchie 6
Erezione 14 marzo 1922
Rito romano
Cattedrale Santi Pietro e Paolo
Indirizzo P.O. Box 694, Ulaan-Baatar, Mongolia
Dati dall'Annuario pontificio 2015 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Mongolia

La prefettura apostolica di Ulaanbaatar (in latino: Praefectura Apostolica Ulaanbaatarensis) è una sede della Chiesa cattolica in Mongolia immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2014 contava 919 battezzati su 3.227.000 abitanti. La sede è vacante.

Indice

TerritorioModifica

La prefettura apostolica si estende su tutto il territorio dello stato della Mongolia.

Sede prefettizia è la città di Ulan Bator, dove si trova la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo.

Il territorio è suddiviso in 6 parrocchie, di cui quattro a Ulan Bator (Santi Pietro e Paolo, Santa Maria, Santa Sofia e Buon Pastore), una a Darhan (Santa Maria del Soccorso) ed una a Arvajhėėr (Santa Maria Madre della Misericordia).

StoriaModifica

La missione sui iuris della Mongolia Esterna fu eretta il 14 marzo 1922 con il breve In catholicae Ecclesiae di papa Pio XI, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico della Mongolia centrale (oggi diocesi di Chongli-Xiwanzi); contestualmente la missione venne affidata agli stessi vicari apostolici.

Nel 1924 assume il nome di missione sui iuris di Urga.

In seguito all'avvento del comunismo e alla nascita della Repubblica Popolare Mongola il cristianesimo scomparve dal Paese.

Con la fine dell'epoca comunista e l'instaurarsi delle relazioni diplomatiche fra Santa Sede e governo mongolo (1992), i missionari cattolici ritornarono in Mongolia.

Il 30 aprile 2002 l'antica missione sui iuris è stata elevata al rango di prefettura apostolica con la bolla De universa catholica di papa Giovanni Paolo II.

In occasione del ventennale della riapertura della missione in Mongolia, nel corso del 2012 sono state erette due nuove parrocchie: quella di Santa Sofia a Ulan Bator, e quella di Maria Madre della Misericordia a Arvajhėėr. In questo stesso anno il numero dei fedeli cattolici è salito a 835.[1]

Il 28 agosto 2016 è stato ordinato il primo sacerdote nativo della Mongolia.[2]

Cronotassi degli ordinariModifica

StatisticheModifica

La diocesi al termine dell'anno 2014 su una popolazione di 3.227.000 persone contava 919 battezzati.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
2001 94 2.400.000 0,0 6 2 4 15 7 14 1
2002 114 2.400.000 0,0 9 2 7 12 17 17 1
2003 132 2.400.000 0,0 11 2 9 12 13 23 2
2004 168 2.400.000 0,0 14 2 12 12 14 27 3
2005 215 2.400.000 0,0 15 3 12 14 18 29 3
2010 656 2.955.800 0,0 20 5 15 32 20 45 4
2014 919 3.227.000 0,0 17 3 14 54 18 43 6

NoteModifica

  1. ^ Agenzia MepAsie, 29 ottobre 2012.
  2. ^ Agenzia Fides, 1º settembre 2016.

FontiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi