Prionolepis

genere di animale della famiglia Prionolepididae
(Reindirizzamento da Prionolepididae)

Il prionolepide (gen. Prionolepis) è un pesce estinto, appartenente agli alepisauriformi. Visse nel Cretaceo superiore (Cenomaniano - Turoniano, circa 95-90 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Libano e in Inghilterra.

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Prionolepis
Alepisauriformes - Prionolepis cataphractus.JPG
Prionolepis cataphractus
Intervallo geologico
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Actinopterygii
Ordine Alepisauriformes
Famiglia Prionolepididae
Genere Prionolepis

DescrizioneModifica

Il corpo di Prionolepis era lungo e affusolato, ma piuttosto forte e robusto. Rispetto ad altri pesci simili (come Eurypholis), Prionolepis è facilmente riconoscibile a causa di una fila laterale di scaglie molto alte dal bordo posteriore seghettato (da qui il nome Prionolepis, dal greco "scaglia a sega") e ricoperte di ganoina. Il muso era appuntito e molto allungato, e la mandibola era leggermente prognata. La lunghezza totale poteva raggiungere i 25 centimetri.

ClassificazioneModifica

Questo pesce è noto per due specie: P. angustus (proveniente dall'Inghilterra) e P. cataphractus, della quale sono stati ritrovati numerosi resti fossili completi, ritrovati nei giacimenti di Haqel e di Hgula (Libano). Prionolepis è considerato un rappresentante degli alepisauriformi, un gruppo di pesci predatori attualmente rappresentato da alcune specie, ma che nel Cretaceo era notevolmente più diffuso. Prionolepis è stato ascritto a una famiglia a sé stante, probabilmente imparentata con i Dercetidae, dal corpo ancora più allungato.

 
Fossile di Prionolepis cataphractus con all'interno del ventre una preda. Nell'angolo in alto a destra un fossile di Pseudosculda, affine all'attuale canocchia.

PaleoecologiaModifica

Prionolepis era un pesce predatore, che spesso inghiottiva le sue prede intere: alcuni fossili provenienti dal Libano contengono, nella regione ventrale, resti di pesci più piccoli, ancora non del tutto digeriti. Prionolepis doveva essere un predatore nectonico molto vorace: ingeriva grandi prede (lunghe anche 1/3 della propria lunghezza), e a volte era proprio la grande dimensione delle prede a causare la morte del predatore.

BibliografiaModifica

  • Dixon, F., 1850, The Geology and Fossils of the Tertiary and Cretaceous Formations of Sussex, p. 360-377.
  • Gallo, V., H. M. A. d. Silva, & F. J. d. Figueiredo. 2005. The interrelationships of †Dercetidae (Neoteleostei, Aulopifromes). pp. 101–104. IN: Poyato-Ariza, F. J. (ed.) Extended Abstracts. Fourth International Meeting on Mesozoic Fishes - Systematics, Homology, and Nomenclature. Ediciones Universidad Autónoma de Madrid, Miraflores de la Sierra, Madrid, Spain August 8th-14th, 2005, 310 pp.
  • Goody, P. C. 1969. The relationships of certain Upper Cretaceous teleosts with special reference to the myctophoids. 7:1-255. Age: Cretaceous-Cretaceous Late; Cretaceous-Cretaceous Late-Senonian; Cretaceous-Cretaceous Late-Turonian; Cretaceous-Cretaceous Late-Cenomanian middle;.
  • Hay, O. P. 1903. On a collection of Upper Cretaceous fishes from Mount Lebanon, Syria, with descriptions of four new genera and nineteen new species. American Museum of Natural History, Bulletin 19:395-452.
  • Larson, P. L. 1988. Famous fossil fish faunas. Mid-America Paleontology Society Digest 11:1-10.
  • Peter L. Forey, Lu Yi, Colin Patterson and Cliff E. Davies, 2003. Fossil fishes from the Cenomanian (Upper Cretaceous) of Namoura, Lebanon. Journal of Systematic Palaeontology (2003), 1:4:227-330 Cambridge University Press The Natural History Museum

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica