Programma dei dodici passi

Il programma dei dodici passi è un insieme di principi guida che delinea un corso di azione per il recupero da dipendenza, compulsione o altri problemi comportamentali. Originariamente proposto da Alcolisti Anonimi (AA) come metodo di recupero dall'alcolismo[1], i dodici passi furono pubblicati per la prima volta nel libro "Alcoholics Anonymous: The Story of How Many Thousands of Men and Women Have Recovered from Alcoholism" nel 1939[2]. Il metodo è stato adattato ed è diventato il fondamento di altri programmi in dodici passi.

Come riassunto dall'American Psychological Association, il processo prevede quanto segue[1]:

  • ammettere che non si può controllare il proprio alcolismo, dipendenza o compulsione;
  • riconoscere che un potere superiore può dare forza;
  • esaminare gli errori passati con l'aiuto di uno sponsor (membro con esperienza);
  • fare ammenda per questi errori;
  • imparare a vivere una nuova vita con un nuovo codice di comportamento;
  • aiutare gli altri che soffrono dello stesso alcolismo, dipendenza o compulsione.

PanoramicaModifica

Il metodo in dodici passi è stato adattato per affrontare un'ampia gamma di problemi di alcolismo, abuso di sostanze e dipendenza. Oltre 200 organizzazioni di auto-aiuto - spesso conosciute come "fratellanze" - con un'adesione mondiale di milioni di persone - ora impiegano principi in dodici passi per il recupero. Ad esempio, Narcotici Anonimi è formata da tossicodipendenti che non fanno riferimento ai dettagli della dipendenza da alcol[3].

Le preferenze legate alla specifica droga scelta dai tossicodipendenti hanno portato alla creazione di "Cocaine Anonymous", "Crystal Meth Anonymous" e "Marijuana Anonymous". Questioni comportamentali come la compulsione e/o la dipendenza da gioco d'azzardo, criminalità, cibo, sesso, accumulo, indebitamento e lavoro sono affrontate in associazioni come "Gamblers Anonymous", "Overeaters Anonymous", "Sexaholics Anonymous" e "Debtors Anonymous".

Gruppi ausiliari come Al-Anon e Nar-Anon, rispettivamente per amici e familiari di alcolisti e tossicodipendenti, fanno parte di una risposta al trattamento della dipendenza come una malattia abilitata dai sistemi familiari[4]. I bambini adulti di alcolisti (ACA o ACOA) affrontano gli effetti del crescere in una famiglia di alcolisti o altrimenti disfunzionale. Co-dipendenti Anonimi (CoDA) affronta le compulsioni legate alle relazioni, indicate come codipendenza.

I dodici passiModifica

Di seguito sono riportati i dodici passi originali pubblicati da Alcolisti Anonimi[5]:

  1. Abbiamo ammesso di essere impotenti per l'alcol, e che le nostre vite erano diventate ingestibili.
  2. Siamo giunti a credere che un potere più grande di noi stessi potesse riportarci alla sanità mentale.
  3. Abbiamo preso la decisione di affidare la nostra volontà e la nostra vita alla cura di Dio quando l'abbiamo compreso.
  4. Abbiamo cercato e realizzato un inventario morale senza paura di noi stessi.
  5. Abbiamo ammesso a Dio, a noi stessi e ad un altro essere umano l'esatta natura dei nostri torti.
  6. Siamo completamente pronti a far rimuovere da Dio tutti questi difetti di carattere.
  7. Gli abbiamo chiesto umilmente di eliminare le nostre mancanze.
  8. Abbiamo fatto un elenco di tutte le persone che avevamo danneggiato e siamo diventati disposti a rimediare a tutte.
  9. Abbiamo fatto ammenda a tali persone ovunque possibile, tranne quando farlo avrebbe danneggiato loro o altri.
  10. Abbiamo continuato a fare un inventario personale e, quando ci siamo sbagliati, lo abbiamo ammesso prontamente.
  11. Abbiamo cercato, attraverso la preghiera e la meditazione, di migliorare il nostro contatto cosciente con Dio mentre lo comprendevamo, pregando solo per la conoscenza della sua volontà per noi e il potere di realizzarla.
  12. Abbiamo avuto un risveglio spirituale come risultato di questi passi, abbiamo cercato di portare questo messaggio agli alcolisti e di praticare questi principi in tutti i nostri affari.

In alcuni casi, in cui altri gruppi in dodici passi hanno adattato i passaggi AA come principi guida, il passo 1 è diverso in modo univoco per ciascuna organizzazione, ad esempio in Overeaters Anonymous, il primo passo recita: "Abbiamo ammesso di essere impotenti rispetto a un eccesso di cibo compulsivo - che le nostre vite erano diventate ingestibili ". Il primo passo viene talvolta modificato per enfatizzare i principi importanti per ogni particolare fratellanza, o per rimuovere dal linguaggio i pronomi specifici di genere[6][7][8][9].

Le dodici tradizioniModifica

Le dodici tradizioni accompagnano i dodici passi. Le tradizioni forniscono linee guida per la governance di gruppo. Sono stati sviluppati da AA al fine di aiutare a risolvere i conflitti nei settori della pubblicità, della politica, della religione e delle finanze[10]. Le dodici tradizioni degli alcolisti anonimi sono[11]:

  1. Il nostro benessere comune dovrebbe essere la priorità; il recupero personale dipende dall'unità AA.
  2. Ai fini del nostro gruppo esiste solo un'autorità suprema: un Dio amorevole come può esprimersi nella coscienza di gruppo. I nostri leader sono servitori di fiducia; non governano.
  3. L'unico requisito per l'adesione all'AA è il desiderio di smettere di bere.
  4. Ogni gruppo dovrebbe essere autonomo, tranne nelle questioni che riguardano altri gruppi o AA nel suo insieme.
  5. Ogni gruppo ha un solo scopo primario: portare il suo messaggio all'alcolista che ancora soffre.
  6. Un gruppo AA non dovrebbe mai avallare, finanziare o prestare il nome AA a nessuna struttura correlata o impresa esterna, per timore che problemi di denaro, proprietà e prestigio ci allontanino dal nostro scopo principale.
  7. Ogni gruppo AA dovrebbe essere completamente autosufficiente, diminuendo i contributi esterni.
  8. Gli alcolisti anonimi dovrebbero rimanere per sempre non professionisti, ma i nostri centri di assistenza possono impiegare operatori specializzati.
  9. AA, come tale, non dovrebbe mai essere organizzata; ma possiamo creare consigli o commissioni di servizio direttamente responsabili di coloro che servono.
  10. Gli alcolisti anonimi non hanno opinioni su questioni esterne; quindi il nome AA non dovrebbe mai essere coinvolto in polemiche pubbliche.
  11. La nostra politica di pubbliche relazioni si basa sull'attrazione piuttosto che sulla promozione; dobbiamo sempre mantenere l'anonimato personale a livello di stampa, radio e film.
  12. L'anonimato è il fondamento spirituale di tutte le nostre tradizioni, ricordandoci sempre di porre i principi davanti alle personalità.

Il processoModifica

Nel programma dei dodici passi, la struttura umana è rappresentata simbolicamente in tre dimensioni: fisica, mentale e spirituale. I problemi che i gruppi affrontano sono considerati manifestarsi in ogni dimensione. Per i tossicodipendenti e gli alcolisti, la dimensione fisica è meglio descritta dalla reazione corporea, simile all'allergia, che porta alla coazione a continuare a usare sostanze dopo l'uso iniziale[12][13]. L'affermazione del primo passo secondo cui l'individuo è "impotente" sul comportamento relativo all'abuso di sostanze in questione si riferisce alla mancanza di controllo su questa compulsione, che persiste nonostante le conseguenze negative che possono essere sopportate di conseguenza[14].

L'ossessione mentale è descritta come i processi cognitivi che inducono l'individuo a ripetere il comportamento compulsivo dopo un certo periodo di astinenza, sapendo che il risultato sarà un'incapacità di fermarsi o operando sotto l'illusione che il risultato sarà diverso. La descrizione nel primo passo della vita dell'alcolista o del tossicodipendente come "ingestibile" si riferisce alla mancanza di scelta che la mente del tossicodipendente o alcolista offre riguardo al fatto se bere o riutilizzare le sostanze.

La malattia della dimensione spirituale, o "malattia spirituale", è considerata in tutti i gruppi in dodici passi come egocentrica[12][13]. Il processo di seguire i passi ha lo scopo di sostituire l'egocentrismo con una crescente coscienza morale e una volontà di sacrificio di sé e un'azione altruistica costruttiva[13]. Nei gruppi dei dodici passi, questo è noto come "risveglio spirituale"[15]. Ciò non deve essere confuso con l'abreazione, che produce cambiamenti drammatici, ma effimeri[16], né con un'esperienza religiosa. Nelle "fratellanze" dei dodici passi, si ritiene che il risveglio spirituale si sviluppi più lentamente nell'arco di tempo[17].

In conformità con il primo passo, i gruppi dei dodici passi sottolineano l'ammissione di sé da parte dei membri del problema da cui si stanno riprendendo. È in questo spirito che i membri spesso si identificano insieme a un'ammissione del loro problema, spesso come "Ciao, sono [solo il nome di battesimo] e sono un alcolista"[18].

Lo sponsorModifica

Nel contesto dei gruppi dei dodici passi, uno sponsor è una persona con più esperienza nel recupero che guida l'aspirante meno esperto (detto sponsee) attraverso i dodici passaggi del programma. I nuovi membri sono incoraggiati a garantire una relazione con almeno uno sponsor che ha compiuto i dodici passi stessi[19]. Le pubblicazioni delle associazioni sottolineano che la sponsorizzazione è una relazione non gerarchica "uno a uno" di esperienze condivise incentrate sul lavoro dei dodici passi.[20][21][22]. Secondo Narcotici Anonimi:

«Gli sponsor condividono la loro esperienza, forza e speranza con le loro risposte ... Il ruolo di uno sponsor non è quello di un consulente legale, un banchiere, un genitore, un consulente matrimoniale o un assistente sociale. Né uno sponsor è un terapista che offre una sorta di consulenza professionale. Uno sponsor è semplicemente un altro tossicodipendente in ripresa che è disposto a condividere il suo viaggio attraverso i Dodici Passi.[23]»

Sponsor e sponsee partecipano ad attività che portano alla crescita spirituale. Le esperienze nel programma sono spesso condivise dai membri in uscita con i membri in arrivo. Questa rotazione di esperienza è spesso considerata una grande ricompensa spirituale[24]. Ciò può includere pratiche come la discussione e lo studio della letteratura, la meditazione e la scrittura. Il completamento del programma di solito implica la competenza per guidare i nuovi arrivati, fatto che è spesso incoraggiato[25]. Gli sponsee fanno generalmente il loro quinto passo, e riesaminano il loro inventario morale per iscritto come parte del quarto passo, con il loro sponsor. Il quinto passo, così come il nono passo, sono stati paragonati alla confessione e alla penitenza[26]. Michel Foucault, un filosofo francese, ha osservato che tali pratiche producono intrinseche modifiche nella persona: esonerandole, riscattandole e purificandole; le allevia del loro peso per il torto, liberandoli e promettendo loro la salvezza[26].

La natura personale delle problematiche comportamentali che portano alla ricerca di aiuto nelle fratellanze dei dodici passi si traduce in una forte relazione tra sponsor e sponsee. Poiché la relazione si basa su principi spirituali, è unica e generalmente non è definita "amicizia". Fondamentalmente, lo sponsor ha il solo scopo di aiutare lo sponsee a recuperare dal problema comportamentale che lo ha portato a lavorare sui dodici passi, il che aiuta di riflesso lo sponsor a guarire[19].

Uno studio sugli sponsor effettuato in Alcolisti Anonimi e Narcotici Anonimi ha scoperto che fornire orientamento e supporto ad altri alcolisti e tossicodipendenti è associato a un'astinenza prolungata per lo sponsor, ma ha suggerito che c'erano pochi benefici a breve termine in termini di astinenza per lo sponsee[27][28].

CriticheModifica

Le critiche ai gruppi in dodici passi sono variegate quanto le patologie che affrontano. Il loro variabile tasso di successo e la convinzione in un potere superiore suggerito in essi, sono critiche comuni alla loro applicabilità ed efficacia universali[29].

RiservatezzaModifica

Le dodici tradizioni incoraggiano i membri a praticare il principio spirituale dell'anonimato nei media pubblici e ai membri viene anche chiesto di rispettare la riservatezza reciproca[30]. Questa è una norma di gruppo[30] , tuttavia, e non obbligatoria per legge; non vi sono conseguenze legali per scoraggiare coloro che partecipano a gruppi in dodici passi dalla rivelazione delle informazioni divulgate durante le riunioni[31]. Gli statuti sulla terapia di gruppo non comprendono quelle associazioni che mancano di un terapeuta professionista o di un sacerdote a cui si potrebbero applicare riservatezza e privilegi. Professionisti e paraprofessionisti che indirizzano i pazienti a questi gruppi, al fine di evitare problemi di responsabilità civile e di licenza, sono stati avvisati di dover informare i loro pazienti che, in qualsiasi momento, le loro dichiarazioni rese durante le riunioni possono essere divulgate[31] .

Identità culturaleModifica

Una review ha messo in guardia dagli effetti iatrogeni dannosi della filosofia in dodici fasi e ha etichettato le organizzazioni come culti[32], mentre un'altra afferma che questi programmi presentavano poca somiglianza con i culti religiosi e che le tecniche utilizzate appaiono utili per alcuni[33]. Un altro studio ha scoperto che il focus di un programma in dodici fasi sull'auto-ammissione di avere un problema aumenta lo stigma deviante e spoglia i membri della loro precedente identità culturale, sostituendola con l'identità deviante[34]. Un altro studio afferma che l'identità culturale precedente potrebbe non essere completamente sostituita, ma piuttosto i membri trovano un'identità biculturale adattata[35].

NoteModifica

  1. ^ a b Gary R. VandenBos, APA dictionary of psychology, 1st, Washington, DC, American Psychological Association, 2007, ISBN 1-59147-380-2, OCLC 65407150.
  2. ^ Bill W., Alcoholics Anonymous, 4th, Alcoholics Anonymous World Services, June 2001, ISBN 1-893007-16-2, OCLC 32014950.
  3. ^ Narcotics Anonymous, Chapter 8: We Do Recover, in Narcotics Anonymous, 4th, Van Nuys, CA, Narcotics Anonymous World Service Office, 1987, ISBN 0-912075-02-3, OCLC 14377415.
  4. ^ A. Elaine Crnkovic e Robert L. DelCampo, A Systems Approach to the Treatment of Chemical Addiction, in Contemporary Family Therapy, vol. 20, n. 1, Springer Science + Business Media, March 1998, pp. 25–36, DOI:10.1023/A:1025084516633, ISSN 1573-3335 (WC · ACNP).
  5. ^ Bill W., Chapter 5: How It Works (PDF), in Alcoholics Anonymous, 4th, Alcoholics Anonymous World Services, June 2001, ISBN 1-893007-16-2, OCLC 32014950.
  6. ^ World Service Board of Trustees Bulletin #13: Some thoughts regarding our relationship to Alcoholics Anonymous, Narcotics Anonymous World Services, 23 febbraio 2007. URL consultato il 7 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2007).
  7. ^ NA History Chronology, su na-history.org, 13 gennaio 2006. URL consultato il 7 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2009).
  8. ^ The 12 Steps of Recovery, su crystalmeth.org. URL consultato il 28 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  9. ^ The Twelve Steps of Marijuana Anonymous, su marijuana-anonymous.org. URL consultato il 28 settembre 2012.
  10. ^ Bill W., Our A.A. Experience Has Taught Us That:, in The A.A. Grapevine, vol. 2, n. 11, Alcoholics Anonymous, April 1946, ISSN 0362-2584 (WC · ACNP), OCLC 50379271.
  11. ^ The Twelve Traditions, in The A.A. Grapevine, vol. 6, n. 6, Alcoholics Anonymous, November 1949, ISSN 0362-2584 (WC · ACNP), OCLC 50379271.
  12. ^ a b Kurtz LF, Chambon A, Comparison of self-help groups for mental health, in Health & Social Work, vol. 12, n. 4, 1987, pp. 275–83, PMID 3679015.
  13. ^ a b c Natti Ronel, From Self-Help to Professional Care: An Enhanced Application of the 12-Step Program, in The Journal of Applied Behavioral Science, vol. 36, n. 1, 2000, pp. 108–122, DOI:10.1177/0021886300361006, ISSN 1552-6879 (WC · ACNP), OCLC 1783135.
  14. ^ Alcoholics Anonymous, Chapter 2: There Is a Solution (PDF), in Alcoholics Anonymous, 4th, Alcoholics Anonymous World Services, 1º giugno 2001, p. 21, ISBN 1-893007-16-2, OCLC 32014950.
  15. ^ (PT) Marcelo V. Roehe, Religious Experience in Self-Help Groups: the neurotics anonymous example, in Psicologia em Estudo, vol. 9, n. 3, 2004, pp. 399–407, DOI:10.1590/S1413-73722004000300008, ISSN 1413-7372 (WC · ACNP). URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2018).
  16. ^ Marmor J, Recent trends in psychotherapy, in The American Journal of Psychiatry, vol. 137, n. 4, 1º aprile 1980, pp. 409–16, DOI:10.1176/ajp.137.4.409, PMID 6987904.
  17. ^ Alcoholics Anonymous, Appendix II. Spiritual Experience, in Alcoholics Anonymous, Alcoholics Anonymous World Services, 1º giugno 1976, ISBN 0-916856-59-3, OCLC 32014950 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2008).
  18. ^ Terrell Hayes, Stigmatizing Indebtedness: Implications for Labeling Theory, in Symbolic Interaction, vol. 23, n. 1, February 2000, pp. 29–46, DOI:10.1525/si.2000.23.1.29.
  19. ^ a b Sponsorship Q&A (pamphlet) (PDF), New York, Alcoholics Anonymous World Services.
  20. ^ NYCMA: What is a Sponsor?, New York Crystal Meth Anonymous Intergroup. URL consultato l'8 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  21. ^ #SLAA Online Group of Sex and Love Addicts Anonymous: Sponsorship Online, su slaaonline.org, 5 febbraio 2007. URL consultato il 19 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2015).
  22. ^ Overeaters Anonymous Unity Intergroup Website: Sponsorship, su overeaters.org, 19 settembre 2007. URL consultato l'8 ottobre 2007.
  23. ^ Narcotics Anonymous, Sponsorship, Revised (pamphlet): What does a sponsor do? (PDF), Van Nuys, CA, Narcotics Anonymous, 2004 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2009).
  24. ^ The A.A. Group…Where it all begins How a group Functions How to get started (PDF), su P-16 The A.A. Group ... where it all begins, Alcoholics Anonymous World Services, Inc.. URL consultato il 26 settembre 2016.
  25. ^ Questions & Answers on Sponsorship (PDF), su P-15 Questions & Answers on Sponsorship, Alcoholics Anonymous World Services, Inc. URL consultato il 26 settembre 2016.
  26. ^ a b Kerri-Lynn Murphy Kriz, The Efficacy of Overeaters Anonymous in Fostering Abstinence in Binge-Easting Disorder and Bulimia Nervosa, Virginia Polytechnic Institute and State University, May 2002.
  27. ^ Byron L. Crape, Carl A. Latkin, Alexandra S. Laris e Amy R. Knowlton, The effects of sponsorship in 12-step treatment of injection drug users, in Drug and Alcohol Dependence, vol. 65, n. 3, February 2002, pp. 291–301, DOI:10.1016/S0376-8716(01)00175-2, PMID 11841900.
  28. ^ NCJRS Abstract: National Criminal Justice Reference Service, Ncjrs.gov, 1º febbraio 2002. URL consultato il 5 marzo 2009.
  29. ^ Jeffrey M. Brandsma e M Dicarli, Toward a More Rational Alcoholics Anonymous, in Rational Living, vol. 11, n. 1, 1976, pp. 35–37, DOI:10.1016/j.nuclcard.2007.06.118, ISSN 0034-0049 (WC · ACNP), OCLC 1763461, PMID 17826317.
  30. ^ a b Levine, Betsy; Kellen, Bonnie, Chapter 18: Debtors Anonymous and Psychotherapy, in Benson, April Lane (a cura di), I shop, therefore I am: compulsive buying and search for shelf, 2000, pp. 431–454, ISBN 0-7657-0242-8, OCLC 301650820.
  31. ^ a b Coleman P, Privilege and confidentiality in 12-step self-help programs. Believing the promises could be hazardous to an addict's freedom, in The Journal of Legal Medicine, vol. 26, n. 4, 1º dicembre 2005, pp. 435–74, DOI:10.1080/01947640500364713, PMID 16303734.
  32. ^ F. Alexander e Rollins, M., Alcoholics Anonymous: the unseen cult, in California Sociologist, vol. 17, n. 1, Los Angeles, California State University, 1985, pp. 33–48, ISSN 0162-8712 (WC · ACNP), OCLC 4025459.
  33. ^ Kevin B. Wright, Shared ideology in Alcoholics Anonymous: a grounded theory approach, in Journal of Health Communication, vol. 2, n. 2, 1997, pp. 83–99, DOI:10.1080/108107397127806, PMID 10977242.
  34. ^ David Levinson, Current status of the field: an anthropological perspective on the behavior modification treatment of alcoholism, in Recent Developments in Alcoholism, Recent Developments in Alcoholism, vol. 1, 1983, pp. 255–61, DOI:10.1007/978-1-4613-3617-4_14, ISBN 978-1-4613-3619-8, PMID 6680227.
  35. ^ D.M. Wilcox, Chapter 7: Language, Culture, and Belief, in Alcoholic thinking: Language, culture, and belief in Alcoholics Anonymous, Westport, CT, Greenwood Publishing Group, 1998, pp. 109–124, ISBN 0-275-96049-8.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh90000761