Apri il menu principale

Publio Cornelio Scipione Nasica

console romano nel 191 a.C.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cornelio Scipione Nasica.
Publio Cornelio Scipione Nasica
Nome originalePublius Cornelius Scipio Nasica
GensCornelia
PadreGneo Cornelio Scipione Calvo
Consolato191 a.C.

Publio Cornelio Scipione Nasica [1] (in latino Publius Cornelius Scipio Nasica; Roma, ... – ...) è stato un militare romano vissuto a cavallo tra III e II secolo a.C.

BiografiaModifica

Nato a Roma, figlio di Gneo Cornelio Scipione Calvo, cugino di Publio Cornelio Scipione Africano e fratello di Megulia Dotata, fu eletto console nel 191 a.C., inviato a fronteggiare i Lusitani e i Galli Boi in campagne militari che lo videro vittorioso in entrambe.

Plinio il vecchio lo ricorda nei suoi scritti quando nel 204 a.C. il Senato lo designa quale cittadino più virtuoso e adatto ad accogliere ad Ostia la statua di Cibele fatta giungere dal santuario di Pessinunte per trarne favori nella seconda guerra punica e introducendo così ufficialmente a Roma il primo culto straniero.

Nel 183 a.C. fu incaricato sempre dal Senato insieme ai consoli Lucio Manlio Acidino e Gaio Flaminio di fondare una colonia ai confini dell'Italia nord Orientale: nel 181 a.C. portò a termine l'incarico fondando la città di Aquileia.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Libri nove spettanti a diverse materie, cioè della religione, delli Dii, delli ordinamenti antichi, della testificanza, della moderazione etc, di Valerius Maximus, Cap. VI. p. XXXVII.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica