Apri il menu principale
Quartiere Campo dei Fiori
Circle at Via delle Querce.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaMilano Milano
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
CircoscrizioneMunicipio 8
Altri quartieriPorta Volta · Sarpi · Sempione · Bullona · Ghisolfa · Portello · Cagnola · Quartiere Campo dei Fiori · Villapizzone · Quartiere Varesina · Boldinasco · Garegnano · Musocco · Quarto Oggiaro · Vialba · Roserio · Cassina Triulza · QT8 · Lampugnano · Quartiere Comina · Gallaratese · San Leonardo · Trenno · Cascina Merlata
Mappa di localizzazione: Milano
Quartiere Campo dei Fiori
Quartiere Campo dei Fiori
Quartiere Campo dei Fiori (Milano)

Coordinate: 45°29′57″N 9°09′15″E / 45.499167°N 9.154167°E45.499167; 9.154167

Il quartiere Campo dei Fiori è un quartiere di Milano, posto nella periferia nord-occidentale della città, appartenente al Municipio 8.

Il nome deriva dal villaggio che è sorto agli inizi del Novecento nella zona incolta tra Villapizzone e la Ghisolfa. A est il quartiere è delimitato dalla tratto di ferrovia Milano Porta Garibaldi - Milano Certosa e segna il confine con la Bovisa e rappresenta la linea di divisione tra il Municipio 8 e il Municipio 9.

L'estensione del quartiere è piuttosto modesta, con una lunghezza di circa 400 metri e una larghezza di 300.

Indice

Cenni storiciModifica

 
Il villaggio visto da via Mac Mahon nel 1921

Il villaggio Campo dei Fiori fu costruito nel 1919 dall'Istituto Autonomo Case Popolari[1] per rispondere alla necessità abitativa della crescente popolazione milanese.

L'IACP decise di costruire un villaggio di villette monofamiliari attraversato da strade che portavano ciascuna il nome diverso di un albero, e che proprio quella specie ne caratterizzasse l'arredo floreale. Le villette avevano caratteristiche tecniche modeste, alte un piano e con un piccolo giardino, e furono destinate a reduci di guerra e mutilati; più avanti ospitarono pensionati delle ferrovie dello stato.

Il villaggio aveva un asse centrale, viale dei Sicomori, che collegava via Mac Mahon alla stazione Bovisa FS. Dalla stazione Bovisa FS era possibile accedere verso Milano alla stazione Varesine e verso l'esterno a Novara e Varese. Un passaggio a livello permetteva l'accesso al quartiere Bovisa.

Dopo la guerra, mutate le condizioni socio-economiche del paese, si ritennero inadeguate le villette costruite. Si decise un nuovo piano urbanistico, non senza l'opposizione degli abitanti, con la demolizione delle villette e la costruzioni di edifici residenziali di piccola e media dimensione ai lati del quartiere, messi in vendita a privati.

Demolizione e occupazione caseModifica

 
1971: Occupazione di un appartamento da parte di una famiglia

La demolizione delle villette popolari per far posto alla costruzione di condomini destinati alla vendita privata provocò molte proteste da parte degli abitanti, che dovettero rilocarsi altrove. I primi condomini costruiti, e non ancora venduti e abitati, furono soggetti ad una delle prime occupazioni politiche di case vuote in Italia, nel gennaio 1971, promossa da Lotta continua, Sinistra Proletaria ed altre organizzazioni della sinistra extraparlamentare del tempo[2], nell'ambito delle lotte per la casa. L'occupazione venne legittimata da una sentenza della magistratura emessa nello stesso gennaio[3] e poco dopo ricordata in un volantino delle Brigate Rosse lasciato sul luogo di un attentato incendiario.[4]

L'area più interna dell'ex villaggio e non edificata, rimase abbandonata e solo dopo una decina di anni venne deciso di ripulire l'area e trasformarla in un parco, chiamato parco Campo dei Fiori, diventato ora parco Giovanni Testori in ricordo dello scrittore che ha ambientato alcuni suoi scritti vicino a quest'area.

Il quartiere oraModifica

 
Parco Giovanni Testori da viale dei Pioppi in autunno

Il quartiere nel suo nuovo assetto è un tipico quartiere residenziale ben ordinato con una serie di piccole palazzine condominiali ai lati del parco e gli edifici più alti affacciati in via Mac Mahon.

La stazione Bovisa FS, con la costruzione del passante ferroviario di Milano è stata smantellata e sostituita dalla stazione di Milano Villapizzone distante pochi metri dal quartiere. Anche la viabilità è stata cambiata: per accedere alla Bovisa è stato costruito in via degli Ailanti un sottopasso alla ferrovia che si trova a Villapizzone.

Via Mac Mahon divide il quartiere dalla Cagnola, lungo la quale c'è l'asse tranviario con:

  • Linea 19 (piazza Pompeo Castelli - Stazione di Lambrate)
  • Linea 12 (Roserio - viale Molise)

La chiesa di riferimento è quella di Gesù Maria Giuseppe, appartenente al Decanato Cagnola, in via Mac Mahon 113 dal lato della via non appartenente al quartiere.

Le scuole si trovano poco distante, nel quartiere Ghisolfa, con l'istituto comprensivo rinnovata[5].

NoteModifica

  1. ^ La legge della Regione Lombardia n. 13 del 1996 ha trasformato l'Istituto autonomo case popolari (IACP) in Azienda lombarda edilizia residenziale (ALER Archiviato il 24 febbraio 2013 in Internet Archive.)
  2. ^ Vedi Soccorso Rosso, Brigate Rosse Che cosa hanno fatto, che cosa hanno detto, che cosa se ne è detto, Feltrinelli, 1976, Milano Cap 4 Dalla fabbrica al sociale: Sinistra Proletaria Cap 4, su bibliotecamarxista.org. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  3. ^ Lotta continua lotta-continua, su ricordare.wordpress.com. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  4. ^ Si trattò di un incendio di 8 autocisterne, nello stabilimento milanese della Pirelli, il volantino conteneva la scritta: Della Torre-contratto-tagli della paga-Mac Mahon-Brigate Rosse vedi
  5. ^ Istituto Comprensivo Rinnovata, su scuolarinnovata.it. URL consultato il 31 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2013).
  Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano