Quinto Fabio Massimo Serviliano

politico romano
Quinto Fabio Massimo Serviliano
Nome originaleQuintus Fabius Maximus Servilianus
GensFabia
Consolato142 a.C.

Quinto Fabio Massimo Serviliano (in latino: Quintus Fabius Maximus Servilianus; ... – ...) è stato un politico romano durante l'epoca repubblicana.

BiografiaModifica

Quinto Fabio Massimo Serviliano nacque nella gens Servilia, prima di essere adottato da Quinto Fabio Massimo Emiliano[1]. Non si sa molto dei suoi primi anni di vita, ma si crede che nel 145 a.C. ricoprì la carica di pretore[2]. Nel 142 a.C. divenne console con Lucio Cecilio Metello Calvo, l'anno dopo assunse il comando nella guerra di Lusitania, con la carica di proconsole dell'Hispania Ulterior[3]. In questa campagna fu al comando di due legioni, oltre che di forze alleate, che ammontavano a 16.000 soldati e 1.600 cavalieri.

Con queste forze, combatté contro Viriato, che sconfisse in battaglia. Conquistò diverse città al nemico e ne fiaccò le forze, prima di seguire Viriato in Lusitania[4]. Ma nel 140 a.C. Massimo Serviliano fu sconfitto mentre i romani cercavano di prendere Erisane; in fuga con il suo esercito, fu intrappolato in un passo di montagna nei pressi della Sierra Morena. Serviliano si arrese senza condizioni e negoziò un trattato con Viriate, per il quale i Lusitani avrebbero mantenuto il territorio che già possedevano, e che riconosceva Viriate come un amico e alleato di Roma[5].

NoteModifica

  1. ^ Smith II, pg. 995
  2. ^ Broughton, pg. 469
  3. ^ Broughton, pg. 474
  4. ^ Broughton, pg. 477
  5. ^ Broughton, pg. 480; Smith III, pg. 1270

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24492370 · LCCN (ENnr95029285