Apri il menu principale
Quinto Labieno
Project Rome logo Clear.png
Militare della Repubblica romana
Cremona, museo civico, busto di quinto labieno partico, primi decenni del ii secolo d.c. 01.JPG
Busto di Quinto Labieno (Museo civico di Cremona).
Nome originaleQuintus Labienus
Morte39 a.C.
Oriente
PadreTito Labieno

Quinto Labieno (... – 39 a.C.) è stato un militare romano repubblicano, figlio di Tito Labieno, che era stato legatus di Gaio Giulio Cesare durante la conquista della Gallia.

BiografiaModifica

Quinto Labieno: denario[1]
 
Busto di Labieno verso destra, reca le scritte Q • LABIENVS PARTHICVSIMP; Un cavallo verso destra, sopra la linea di esergo, con sella, faretra e briglie
(19 mm, 3,58 g, 5h), coniato agli inizi del 40 a.C.; zecca incerta della Siria o dell'Asia Minore meridionale orientale.
Zeus: Æ[2]
 
Testa laureata di Zeus a destra. Zeus seduto sin., che tiene Nike e scettro; cap avanti cap sotto trono, BO[Σ] (data) in esergo.
24mm (13.51 g), coniato nel 41/40 a.C.[3]

In seguito all'assassinio di Giulio Cesare nel 44 a.C., Labieno si schierò dalla parte di Bruto e Cassio (i cesaricidi). Venne inviato in Partia per cercare aiuti da parte di Orode I, il re dei Parti.

Dopo che Bruto e Cassio vennero sconfitti nella battaglia di Filippi, Labieno, avendo paura di venire catturato e condannato a morte dagli eredi di Cesare, Marco Antonio e Ottaviano (poi Augusto), decise di allearsi con i Parti.

Quando i Parti invasero i territori orientali della Repubblica romana nel 40 a.C. vennero condotti dal loro re Pacoro e da Labieno. L'esercito partico attraversò l'Eufrate e attaccò Apamea. L'attacco di Apamea fallì ma Labieno riuscì a convincere le guarnigioni romane in Siria a passare dalla sua parte. L'esercito romano-partico riuscì a sconfiggere in battaglia l'esercito di Lucio Decidio Saxa, governatore di Marco Antonio, conquistò Apamea e costrinse Antiochia a scendere a patti passando dalla sua parte.[4] Dopo la sconfitta Romana ad Apamea, i Parti suddivisero il loro esercito. Pacoro si diresse a sud e conquistò il Levante e la Palestina. Labieno si diresse a nord a inseguire Saxa, che venne sconfitto e ucciso in Cilicia. Labieno poi conquistò tutta l'Asia Minore. Sotto Labieno e Pacoro, i Parti avevano raggiunto più o meno l'estensione dell'antico impero achemenide e controllavano tutta l'Asia Minore, tranne alcune città, ma i successi Partici furono effimeri. Nel 39 a.C., in Asia Minore, i Romani condotti da Publio Ventidio sconfissero e uccisero Labieno. Un anno dopo anche Pacoro venne ucciso in Siria nella Battaglia del Monte Gindaro.

NoteModifica

  1. ^ Crawford 524/2; Hersh 15 (dies F/13); CRI 341; RSC 2; Sydenham 1357; Kestner –; BMCRR East 132.
  2. ^ RPC I 4223; SNG Copenhagen 81.
  3. ^ Questa moneta fu coniata quando Antiochia fu occupata dalle truppe dell'espatriato romano Quinto Labieno e dal comandante/re partico Pacoro I. Per questo motivo l'emissione usa nuovamente il sistema di datazione dell'era seleucica anziché di quella cesarica. Questa è l'ultima volta che un'emissione di Antiochia reca questo tipo di datazione.
  4. ^ Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, XLVIII, 25-26.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica