Apri il menu principale

Primati climatologici mondiali

(Reindirizzamento da Record del clima nel mondo)

Sono stati registrati vari primati (o record) climatologici mondiali, da uffici meteorologici affiliati all'Organizzazione mondiale della meteorologia e talvolta da enti indipendenti. In tutti questi casi il problema è capire se le procedure con cui sono state effettuate le misurazioni è corretto o è comunque variato nel tempo: Non sono rari i casi in cui un primato viene corretto perché la misurazione non era corretta (errore di misurazione, misurazione non conforme alle norme dell'Organizzazione stessa, ecc.).

TemperaturaModifica

MinimaModifica

Il 4 luglio 2013 alcuni scienziati dell'Università del Colorado misurarono una temperatura di −98,7 °C lungo il crinale tra il Dome Argus e il Dome Fuji alla quota di 3 900 m.[1] Il risultato fu presentato al 46º meeting annuale dell'American Geophysical Union tenutosi a San Francisco nel dicembre 2013.[2] Il valore non può però essere registrato come record di temperatura minima in quanto è stato ottenuto con una rilevazione da remoto e non con una misura diretta sul terreno.[3] Il valore riportato infatti corrisponde a quello della superficie del ghiaccio, mentre quello registrato alla base Vostok è misurato nell'aria a circa un paio di metri al di sopra del ghiaccio e pertanto i due valori non sono confrontabili.[2]

Per quanto riguarda i centri abitati, già il 21 gennaio 1838 il mercante russo Neverov aveva registrato a Jakutsk una temperatura di −60 °C.[4] Il 15 gennaio 1885, H. Wild riferì che a Verchojansk erano stati registrati −68 °C.[4] Una nuova misura effettuata nella stessa località nel febbraio 1892 riportò −67,8 °C. I ricercatori sovietici successivamente annunciarono il record di temperatura minima di −67,8 °C registrata il 6 febbraio 1933 nel villaggio siberiano di Ojmjakon (allora Unione Sovietica, ora Russia) situato circa 400 km a sud-est di Verchojansk, mentre la precedente temperatura di quest'ultimo paesino fu corretta in −67,8 °C.[5]

In Italia la temperatura più bassa è di −49,6 °C, registrata il 10 febbraio 2013 a quota 2.607 in una dolina di Busa Fradusta nel complesso delle Pale di San Martino. Fino a quel giorno la stessa località deteneva il precedente record dal 27 dicembre 2010, quando la colonnina scese a −48,3 °C. In località di pianura il primato spetta ad Anzola dell'Emilia (BO), dove il 15 febbraio 1956 sono stati registrati −26,2 °C[6], mentre l'11 gennaio 1985 la stazione meteorologica di San Pietro Capofiume, nel comune di Molinella (sempre in provincia di Bologna) fece registrare il proprio record assoluto di −24,8 °C[7].

MassimaModifica

La temperatura massima di 57,7 °C, registrata ad Al-'Aziziyah in Libia, il 13 settembre 1922, è stata invalidata dalla Commissione OMM dell'Archivio Climatologico Mondiale di estremi Meteorologici e Climatici, poiché ritenuta una misurazione imprecisa. Di conseguenza, l'OMM ha ufficializzato che la temperatura massima sulla superficie terrestre è stata 56,7 °C, misurata il 10 luglio 1913 a Greenland Ranch (Death Valley), California, USA, nell'attesa di verificare la correttezza del suddetto valore[8] (Il valore di 70,7 °C registrato nel deserto di Lut, in Iran, da misurazioni satellitari, si riferisce alla temperatura della superficie stessa e non dell'atmosfera sopra di esso).

In Italia, il valore più elevato è stato registrato a Catenanuova, in provincia di Enna, con 48,5 °C il 1º agosto 1999: si tratta della temperatura più elevata mai registrata in Europa. La temperatura più elevata mai registrata in Italia da una stazione meteorologica ufficiale è quella di 47,0 °C toccati dalla stazione meteorologica di Foggia Amendola il 25 giugno 2007.

PrecipitazioniModifica

  • Il valore più basso di precipitazioni piovose annue sembra appartenere a Quillagua, nella regione di Antofagasta, in Cile con meno di 0,2 mm/anno.[9]

Per quanto riguarda invece la piovosità più elevata sono stati registrati:

Due località della Colombia, López de Micay[12] e Lloró[13], che hanno precipitazioni abbondanti e costanti tutto l'anno, affermano di essere più piovose di Mawsynram e Cherrapunji, ciò nonostante l'Organizzazione mondiale della meteorologia non ha ufficializzato il primato.

A Bahia Felix (Cile) si sono avuti 325 giorni di pioggia in un anno, record mondiale di precipitazioni annuali.

NoteModifica

  1. ^ NASA-USGS Landsat 8 Satellite Pinpoints Coldest Spots on Earth, NASA, 9 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  2. ^ a b Coldest spot on Earth identified by satellite, BBC, 9 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  3. ^ World Record Cold in Antarctica?, USA Today, 9 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  4. ^ a b Nina Stepanova, On the lowest temperatures on Earth (PDF), NOAA, 30 gennaio 1958. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  5. ^ The coldest place on earth, in Polar Record, vol. 6, nº 46, 1953, pp. 821-822, DOI:10.1017/S0032247400048592.
  6. ^ Ministero dei Lavori Pubblici - Servizio Idrografico - Sezione autonoma del Genio Civile con sede in Bologna. Annali Idrologici 1956 Parte Prima, pag. 35: Valori medi ed estremi della temperatura. Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1958.
  7. ^ Pag. 16 - Tabella 4.11: Nucciotti e Simonini, Valori minimi assoluti raggiunti dalle temperature minime e massime in alcune stazioni dell'Emilia-Romagna nel gennaio 1985, 1995.
  8. ^ Speciale "El Azizia" sul sito del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare
  9. ^ Christopher C. Burt, Time to Update World’s Driest and Wettest Locations?, Weather Underground. URL consultato il 10 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2013).
  10. ^ Service Hydrologique de 1’O.R.S.T.O.M: Intensité extraordinaire de la précipitation du 26 novembre 1970 dans la région des Grands-Fonds de Guadeloupe (PDF), su horizon.documentation.ird.fr. URL consultato il 4 giugno 2013.
  11. ^ a b c d e f g h Global Weather & Climate Extremes, World Meteorological Organisation.
  12. ^ Christopher C. Burt, New Wettest Place on Earth Discovered?, Weather Underground, 18 marzo 2013.
  13. ^ Seymour Simon, Seymour Simon's Extreme Earth Records, San Francisco, Chronicle Books, 2012, ISBN 978-1-4521-1857-4.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica