Apri il menu principale

Remember Me (film)

film del 2010 diretto da Allen Coulter
Remember Me
Remember Me Film.jpg
Robert Pattinson in una scena del film
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2010
Durata113 min
Generedrammatico, sentimentale
RegiaAllen Coulter
SceneggiaturaWill Fetters
ProduttoreUnderground Films and Management
Produttore esecutivoTrevor Engelson, Nick Osborne, Robert Pattinson
Casa di produzioneSummit Entertainment
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaJonathan Freeman
MontaggioAndrew Mondshein
ScenografiaScott P. Murphy
CostumiSusan Lyall
TruccoPatricia Regan, Suzy Mazzarese-Allison
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Remember Me è un film drammatico diretto da Allen Coulter sulla base di una sceneggiatura scritta da Will Fetters.

I protagonisti sono Robert Pattinson, Emilie de Ravin e Pierce Brosnan. Il film è uscito nelle sale americane il 12 marzo 2010, mentre è stato distribuito in quelle italiane il 26 marzo dello stesso anno.[1]

Indice

TramaModifica

New York, 2001. Tyler Keats Hawkins è un ragazzo di 21 anni che è rimasto profondamente sconvolto dal suicidio del fratello avvenuto alcuni anni prima, il giorno del suo ventiduesimo compleanno; questa tragedia ha anche sancito la fine del matrimonio dei suoi genitori, aumentando così il suo rancore nei confronti della vita. In occasione della ricorrenza della nascita di Michael, tutta la famiglia va al cimitero per salutarlo; il ragazzo si era impiccato poco dopo aver iniziato a lavorare per il padre in uno studio di avvocati, perché con il solo lavoro di musicista non era in grado di mantenersi, ed era stato proprio Tyler a trovarlo, dopo che avevano fatto colazione insieme nel solito bar, in cui Tyler va ancora per scrivergli. Per il dolore comincia a comportarsi come un ribelle, facendo infuriare il ricco padre. Dopo una rissa avvenuta per strada viene arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Portato in carcere, viene fatto uscire dal padre, che, per l'ennesima volta, lo accusa di avere un carattere troppo burrascoso. Un giorno, dopo una scommessa persa con il suo migliore amico, Tyler decide di conoscere Ally, la figlia ventunenne del poliziotto che lo aveva arrestato tempo prima. I due cominciano a parlare e Tyler viene a sapere che anche lei ha subìto una tragedia che l'ha segnata nel profondo quando era una bambina, dieci anni prima: ha infatti assistito all'omicidio della madre, avvenuto durante un tentativo di rapina da parte di due malintenzionati che le spararono al petto alla fermata della metropolitana, luogo dove non ha mai più messo piede. I due trovano conforto l'uno nell'altra e il loro sentimento si trasforma in una storia d'amore.

La relazione viene messa in crisi dal padre di lei, convinto che il ragazzo stia corteggiando la figlia soltanto per poi abbandonarla. Quando Tyler confessa alla ragazza che tutto era partito da una scommessa i due si lasciano, ma l'amore rinasce grazie alla visita di Ally a casa di sua madre per confortare la piccola sorella, di undici anni, alla quale lui è molto legato, a seguito di uno scherzo che le compagne di classe le fanno ad una festa di compleanno. Tyler viene successivamente arrestato per aver arrecato danni all'istituto dove studia la piccola, presa in giro da una compagna di classe per via del taglio di capelli, e il padre lo invita nel suo ufficio per parlare con i suoi avvocati in modo da sistemare le cose con la scuola. Il giorno dopo, l'11 settembre 2001, Tyler si reca nell'ufficio del padre, situato nelle Torri Gemelle, per poi scoprire che quella degli avvocati era una semplice scusa per passare un po' di tempo insieme. Scopre inoltre che il padre ha, come salvaschermo per il computer, le foto di quando Tyler, la sorellina ed il fratello maggiore erano piccoli e capisce che in fondo gli vuole bene. Purtroppo, però, il ragazzo rimane vittima degli attentati terroristici dell'11 settembre. Dopo la sua morte tutti i protagonisti vanno incontro ad un inevitabile cambiamento nelle loro vite: il padre di Tyler comincia a dedicare più attenzioni alla figlia, dopo il fallimento ottenuto con gli altri due, mentre Ally affronta le sue paure, ritornando nella metropolitana in cui anni prima avvenne il brutale omicidio di sua madre.

ProduzioneModifica

La produzione si è svolta interamente nella città di New York.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Andrea Francesco Berni, Una valanga di foto da Remember Me, su BadTaste.it, 11 febbraio 2010. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  2. ^ Razzie 2011: le nomination dei peggiori film dell’anno!, su badtaste.it.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema