Resistenza Siriana

Resistenza Siriana
المقاومة السورية
Syrian Resistance Flag.svg
Attiva2011
NazioneSiria Siria
ContestoGuerra civile siriana
IdeologiaComunismo
Marxismo-leninismo
Nazionalismo di sinistra
AlleanzeSyria Armed Forces Emblem.svg Forze armate siriane
National Defense Force SSI.svg Forza Nazionale di Difesa
DHKP.svg DHKP-C
Componenti
Componenti principaliMihraç Ural
Attività
Fonti citate nel corpo del testo

Resistenza Siriana (Al Muqāwamat al-Sūriyah, arabo: المقاومة السورية), noto in passato come Fronte Popolare per la Liberazione del Sangiaccato di Alessandretta (arabo: الجبهة الشعبية لتحرير لواء اســكندرون), è un gruppo armato siriano filo-governativo che opera nel nord-ovest della Siria. Si definisce marxista-leninista[1].

StoriaModifica

Il leader del movimento è Mihraç Ural, un turco alawita con cittadinanza siriana[2]. In passato Ural aveva guidato una cellula del Fronte Rivoluzionario di Liberazione del Popolo attiva nella provincia di Hatay, che istigava la cospicua minoranza alawita della regione alla lotta contro il governo turco e reclutava volontari per combattere in Siria a sostegno del governo[3]. Il gruppo dichiara di avere sostenitori anche nelle comunità sunnite e cristiane del paese[4].

La Resistenza Siriana rivendica un programma politico patriottico, secolare e di sinistra[senza fonte]. Secondo alcuni analisti, invece, sarebbe attiva soprattutto nella difesa delle minoranze alawite e duodecimani in Siria[4]. È stata accusata dall'Opposizione siriana di essere una milizia alawita settaria e di aver organizzato attacchi terroristici in Turchia e in alcuni villaggi siriani. Secondo Muwaffaq al-Ghazal, membro del Concilio Islamico Alawita, la Resistenza Siriana proporrebbe una politica più inclusiva in materia religiosa e razziale[5].

NoteModifica

  1. ^ al-Tamimi, Aymenn Jawad, A Case Study of 'The Syrian Resistance,' a Pro-Assad Militia Force, Syria Comment.
  2. ^ Mihraç Ural, a man with a long history of terrorism, su todayszaman.com. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  3. ^ Group tries to recruit Hatay Alevis into Assad army, Today's Zaman, 3 settembre 2012. URL consultato il 28 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2014).
  4. ^ a b Aymenn Jawad al-Tamimi, A Case Study of "The Syrian Resistance," a Pro-Assad Militia Force, in Syria Comment. URL consultato il 24 settembre 2013.
  5. ^ Syria: Secularism Takes a Backseat in Latakia, su english.al-akhbar.com, Al Akhbar English, 11 maggio 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2013).