Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Retto
Retto(anatomia).png
Schema dell'intestino crasso, in rosso è evidenziato il retto.
Digestive appareil-it.svg
Apparato digerente umano
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1183
SistemaSistema digerente
Localizzazione anatomicacavità pelvica
ArteriaArteria emorroidaria superiore (primi due terzi del retto), Arteria emorroidaria media (ultimo terzo del retto)
Venavena emorroidaria superiore , vena emorroidaria media
Linfaticilinfonodi mesenterici inferiori
Identificatori
MeSHA03.556.124.526.767 e A03.556.249.249.767
TAA05.7.04.001
FMA14544

Il retto (lat. rectum) è la parte terminale dell'intestino crasso, ed è compreso tra la porzione terminale del colon discendente o sigma e l'ano. Il retto, come altre parti dell'intestino, anch'esso si suddivide in ampolla rettale, retto perineale ed infine canale rettale.

StrutturaModifica

Il retto è una parte del tratto gastrointestinale inferiore. Il retto è una continuazione del colon sigmoideo e termina con l'ano. Segue la forma dell'osso sacro e termina in una sezione espansa chiamata ampolla rettale, dove le feci vengono immagazzinate prima del loro rilascio attraverso il canale anale.

A differenza di altre porzioni del colon, il retto non ha distinte taeniae coli.[1] Le taeniae si fondono l'una con l'altra nel colon sigmoideo a cinque centimetri sopra il retto, dando origine a uno strato di muscolo longitudinale che circonda il retto su tutti i lati e per tutta la sua lunghezza.[2]

Il retto si collega con il colon sigmoideo a livello dell'osso sacro (precisamente su S3) e dopo aver attraversato i muscoli del pavimento pelvico si congiunge con il canale anale.[1]

Il retto viene supportato da:

  • Pavimento pelvico
  • Fascia di Waldeyer
  • Legamenti laterali del retto che si formano dalla fascia pelvica
  • Fascia rettale di Denonvillers, che si estende dal retto alle vescicole seminali e alla prostata.
  • Peritoneo pelvico
  • Corpo perineale

IstologiaModifica

La microanatomia della parete del retto è simile al resto del tratto gastrointestinaleː[3] possiede una mucosa con un rivestimento a singolo strato di cellule colonnari e cellule mucipare caliciformi intervallate, che poggiano su una lamina propria, e con uno strato di muscolatura liscia chiamato muscularis mucosa. Sotto si trova una tonaca sottomucosa, circondata da due fasce muscolari, una fascia circolare interna e una fascia longitudinale esterna.[4] Rispetto alle altre parti del tratto gastrointestinale, la mucosa rettale possiede una concentrazione più elevata di cellule caliciformi.[3] Il rivestimento del retto cambia bruscamente nel punto in cui il retto incontra l'ano. Qui, il rivestimento cambia da cellule a colonnari a cellule piatte disposte su più strati.

FunzioneModifica

Il retto funge da sito di deposito temporaneo per le feci. Dopo che le pareti rettali si espandono a causa del materiale che lo riempie dall'interno, i recettori del sistema nervoso situati nelle pareti rettali stimolano lo svuotamento. Se l'impulso non viene attuato, il materiale nel retto viene spesso restituito al colon dove viene assorbita più acqua dalle feci. Se la defecazione viene ritardata per un periodo prolungato, si ottengono costipazione e feci indurite.

Quando il retto si riempie l'aumento della pressione intrarettale costringe le pareti del canale anale a separarsi, permettendo alla materia fecale di entrare nel canale. Il retto si accorcia quando il materiale viene forzato nel canale anale. Sebbene la peristalsi nel colon fornisca materiale al retto, i lassativi come bisacodile o senna, che inducono la peristalsi nell'intestino crasso, non sembrano iniziare la peristalsi nel retto. Inducono una sensazione di pienezza e contrazione rettale che spesso porta alla defecazione, ma senza le distinte ondate di attività caratteristiche della peristalsi. Anche il muscolo longitudinale anale partecipa alla defecazione.[5]

PatologiaModifica

Esame rettaleModifica

Per la diagnosi di alcuni disturbi, può essere fatto un'esplorazione rettale, per esempio nella coprostasi, il carcinoma prostatico, l'ipertrofia prostatica benigna, l'incontinenza fecale e le emorroidi interne.[6]

La colonscopia e la sigmoidoscopia sono tipi di endoscopia che utilizzano una telecamera guidata per visualizzare il retto. Se necessario, questi strumenti sono in grado di eseguire biopsie per la diagnosi di malattie come il cancro. Un altro strumento usato per visualizzare il retto è il proctoscopio.

Temperatura corporeaModifica

La temperatura corporea può essere misurata nel retto. La temperatura rettale si misura inserendo un termometro medico di non più di 25 mm nel retto, attraverso l'ano. Si possono usare sia termometri a mercurio che digitali. La normale temperatura rettale generalmente varia da 36 a 38 °C ed è circa 0,5 °C sopra la temperatura orale e circa 1 °C sopra l' ascella. La disponibilità di metodi di misurazione della temperatura meno invasivi, inclusi i termometri timpanici e per la fronte, ha ridotto l'uso di questo metodo.

Via di somministrazioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Supposta e clistere.

Alcuni farmaci vengono somministrati attraverso il retto.[7] Attraverso il retto possono essere inserite delle supposte e iniettati clisteri. Entrambi possono essere utilizzati perla somministrazione di farmaci o per alleviare costipazione; i clisteri possono essere usati anche per altri scopi, medici e non.

StipsiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: stipsi.

Una delle cause della costipazione è la formazione di feci secche e dure. Nella costipazione acuta viene utilizzata l'evacuazione manuale dopo l'applicazione di emollienti per le feci.[8] È utilizzata anche nella gestione a lungo termine dell'intestino dei pazienti con una lesione del midollo spinale o sclerosi multipla. La stimolazione rettale digitale può essere utilizzata per indurre la peristalsi in pazienti il ​​cui riflesso peristaltico è inadeguato per svuotare completamente il retto.

MalattieModifica

La patologia del retto comprende:

Occorre considerare, infine, anche le malformazioni congenite nella costituzione del segmento intestinale.

StoriaModifica

EtimologiaModifica

Il retto è derivato dall'espressione latina intestinum rectum.[9] Questa espressione è una traduzione[10] del greco antico ἀπευθυσμένον ἔντερον, derivato da ἀπευθύνειν, per retto, e ἔντερον, intestino, attestato negli scritti del medico greco Galeno.[11] Durante le sue indagini anatomiche sugli animali, Galeno osservò che il retto era dritto invece che curvo come nell'uomo. Le espressioni ἀπευθυσμένον ἔντερον non sono quindi descrizioni appropriate del retto nell'uomo.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Drake, Richard L. (Richard Lee), 1950-, Mitchell, Adam W. M. e Gray, Henry, 1825-1861., Gray's anatomy for students, Elsevier/Churchill Livingstone, 2005, ISBN 0443066124, OCLC 55139039. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Brij B. Agarwal, Chintamani e Sneh Agarwal, Fast Track Surgery—Minimizing Side Effects of Surgery, in Indian Journal of Surgery, vol. 77, nº 3, 1º dicembre 2015, pp. 753–758, DOI:10.1007/s12262-016-1451-8. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  3. ^ a b Young, Barbara (Pathologist), e Woodford, Phillip,, Wheater's functional histology : a text and colour atlas., Sixth edition, ISBN 9780702054884, OCLC 861650889. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  4. ^ Young, Barbara (Pathologist), e Woodford, Phillip,, Wheater's functional histology : a text and colour atlas., Sixth edition, ISBN 9780702054884, OCLC 861650889. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  5. ^ P. J. Lunniss e R. K. S. Phillips, Anatomy and function of the anal longitudinal muscle, in British Journal of Surgery, vol. 79, nº 9, 1992-09, pp. 882–884, DOI:10.1002/bjs.1800790908. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  6. ^ Talley, Nicholas Joseph., Clinical examination : a systematic guide to physical diagnosis, 6th ed, Elsevier Australia, 2009, ISBN 9780729539050, OCLC 430486695. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  7. ^ Ralston, Stuart,, Penman, Ian D., e Strachan, Mark W. J.,, Davidson's principles and practice of medicine, 23rd edition, ISBN 9780702070266, OCLC 1041853327. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  8. ^ Colledge, Nicki R., Walker, Brian R. e Ralston, Stuart., Davidson's principles and practice of medicine., 21st ed., Churchill Livingstone/Elsevier, 2010, ISBN 9780702030857, OCLC 455157186. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  9. ^ E. A. (Ethan Allen) Andrews, William Freund e Charlton Thomas Lewis, A Latin dictionary : founded on Andrews' edition of Freund's Latin dictionary, Oxford : Clarendon Press ; New York : Oxford University Press, 1879. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  10. ^ (DE) Hermann Triepel, Die anatomischen Namen, ihre Ableitung und Aussprache: Anhang: Biographische Notizen, 11ª ed., J.F. Bergmann-Verlag München, 1927, ISBN 9783662298770. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  11. ^ Joseph Hyrtl, Onomatologia Anatomica. Geschichte und Kritik der anatomischen Sprache der Gegenwart, mit besonderer Berücksichtigung ihrer Barbarismen, Widersinnigkeiten, Tropen und grammatikalischen Fehler., W. Braumüller, 1880. URL consultato il 7 ottobre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica