Apri il menu principale
Effetto della riforma: la «via del congresso», Kongressstraße, viene ora scritta con tre s consecutive.

La riforma ortografica (in tedesco Rechtschreibreform), entrata in vigore a partire dal 1º agosto 1996, è il risultato del lavoro di un gruppo misto di ricercatori, comprendente rappresentanti di tutti i paesi di lingua tedesca, che hanno proposto una riforma che semplificasse le regole già esistenti senza introdurre modifiche radicali: sono state quindi ridotte le eccezioni e a chi scrive è stata data la libertà di scegliere la forma ortografica che preferisce. La riforma nasce dalla necessità di fissare delle regole per dare omogeneità all'ortografia della lingua tedesca ed è stata oggetto di severe critiche.

Indice

Storia della riformaModifica

La prima conferenza in cui fu affrontato il problema dell'ortografia tedesca si tenne a Berlino nel 1875 e le conclusioni raggiunte vennero respinte dai paesi che vi avevano preso parte. Dopo questo insuccesso si tennero molte altre conferenze in cui furono presentate proposte di riforma. Le più interessanti si tennero a Vienna nel 1986, nel 1990 e nel 1994: nel corso di quest'ultima conferenza fu proposta la riforma definitiva.

È stato stabilito che nel periodo dalla data di entrata in vigore al 31 luglio 2005 fosse ancora accettata la vecchia variante ortografica, pur essendo la nuova normativa materia di insegnamento nelle scuole già dal 1996.

I sei punti della riformaModifica

La riforma entrata in vigore nel 1996 è suddivisa in sei punti:

Corrispondenza tra suoni e lettereModifica

Per corrispondenza tra suoni e lettere si intende la relazione tra fonema e grafema. Ad esempio: Karamel > Karamell*, Tip > Tipp*, Ballettänzer > Balletttänzer*

Si osserva un raddoppio di consonante ("l" nel primo esempio, "p" nel secondo e "t" in Ballett nel terzo) perché la vocale precedente è pronunciata breve e la doppia consonante serve appunto a indicare la brevità della vocale.

Le parole straniere vengono integrate graficamente, ciò significa che la loro ortografia viene resa uguale alla relazione fonema-grafema delle parole autoctone. Ad esempio: Delphin > Delfin, Joghurt > Jogurt. Questo accade anche per i plurali inglesi: Parties > Partys.

La "ß" appare dopo i dittonghi e le vocali lunghe accentate, come ad esempio grüßen.

La doppia "ss" appare invece dopo le vocali corte accentate, come ad esempio Kuss.

La "e" viene resa con il grafema "ä" se la parola in questione deriva da una forma base con "a", ad esempio: si scrive ‘behände' invece di behende*, perché l'aggettivo deriva dalla parola Hand e quindi Hand è la forma base. Questa regola rispetta il cosiddetto Stammprinzip, cioè il principio della derivazione delle parola per facilitare il riconoscimento della parola base (radice) in una parola.

Questo principio non riguarda solo le vocali, ma anche le consonanti; ad esempio si scrive nummerieren e non numerieren*, in quanto il verbo deriva dalla parola Nummer.

Uso di maiuscole e minuscoleModifica

Devono essere scritti con lettera maiuscola:

  • i sostantivi, come ad esempio Hund
  • i sostantivi inseriti in costruzioni preposizionali o verbali come in Bezug auf, Rad fahren
  • gli aggettivi e i participi sostantivati in costruzioni fisse, come im Allgemeinen, aufs Neue
  • i riferimenti a parti del giorno dopo gestern, heute, morgen: gestern Abend
  • i sostantivi stranieri come Nouvelle Cuisine
  • i nomi delle lingue preceduti da preposizione: auf Deutsch

Uso di grafie separate e uniteModifica

Le costruzioni verbali di due elementi vanno separate, come ad esempio: spazieren gehen, verloren gehen, Rad fahren, kurz treten, nahe stehen.
Anche le costruzioni con il verbo essere (sein) vanno separate: da sein, fertig sein, beisammen sein.
Anche gli avverbi indefiniti, come ad esempio so viel e wie viel vanno separati (soviel*, wieviel*).
Le uniche eccezioni sono: irgendwer, irgendwo, irgendwann, irgendetwas, irgendjemand, irgendwie ecc.

Uso dei trattiniModifica

L'uso dei trattini è consentito:

  1. nelle costruzioni con cifre, come:17-jährig
  2. nelle frasi infinitive sostantivate come das Auf-die-leichte-Schulter Nehmen
  3. eventuali usi dove coesistono 3 vocali consecutive come Kaffee-Ersatz
  4. eventuali usi derivanti da anglicismi come Job-Sharing

PunteggiaturaModifica

Le frasi con und e oder non devono essere separate da virgola: Der Schnee schmolz dahin und bald ließen sich die ersten Blumen sehen (Der Schnee schmolz dahin, und bald ließen sich die ersten Blumen sehen*).
Le costruzioni composte da verbi pronominali più gruppi infinitivi devono essere separate da virgola: Darüber, bald zu einem Erfolg zu kommen, dachte sie schon lange nach.
Le costruzioni formate da gruppi infinitivi e correlati vanno separate da virgola: Die Freunde endlich wieder zu treffen, das war ihr größter Wunsch.
I gruppi infinitivi tra soggetto e verbo devono essere separati da virgola: Sie, ohne lange zu zögern, ergriff gleich das Wort.

Divisione sillabica di fine rigaModifica

Il fonema [-st] viene separato nell'andare a capo, per cui si ha ad esempio Wes-te, Fas-ten.
Le vocali all'inizio di parola possono essere separate: U-fer, A-typisch.
Il grafema complesso <ck> non viene separato nell'andare a capo, ma va per intero nella nuova riga, ad esempio Zu-cker, Pa-cken.
Più consonanti vengono separate, come ad esempio furcht-bar, Karp-fen.
Per ciò che concerne le parole straniere ci sono due possibilità: o la divisione viene effettuata adattandosi alla lingua originale, oppure adattando la divisione alla regola tedesca. Per cui ad esempio per la parola Signal sono accettate sia la divisione Si-gnal sia la divisione Sig-nal, dove la prima si adatta alla lingua originale e la seconda alla lingua tedesca.

Vantaggi e svantaggi della riformaModifica

Vantaggi Svantaggi
Stammprinzip rispettato Meno economico
Meno eccezioni Più difficoltà nella lettura in quanto tre consonanti possono stare una accanto all'altra
Grafia più vicina alla pronuncia
Più facilità da imparare come lingua straniera

BibliografiaModifica

  • Nerius, Dieter (2007), Deutsche Ortographie, Georg Olms-Verlag, Hildesheim/Zürig/New York (fonte)

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica