Rinaldo d'Asti

Rinaldo d'Asti
Lingua originaleitaliano
Generedramma buffo
MusicaCarlo Coccia
LibrettoJacopo Ferretti

(libretto online)

Fonti letterarieRenaud d'Ast di Jean-Baptiste Radet e Pierre-Yvon Barré
Attidue
Prima rappr.17 febbraio 1816
TeatroTeatro Valle di Roma
Personaggi
  • Rinaldo d'Asti, ufficiale, amante di Adelaide (tenore)
  • Adelaide, pupilla del Maggior D. Tempesta (soprano)
  • Maggior D. Tempesta, militare vanaglorioso ma timido (basso)
  • Gillotto, sergente e cameriere del maggiore (basso)
  • Carolina, cameriera di Adelaide (contralto)
  • Sparabombe, sergente (basso)
  • Soldati invalidi, tamburro

Rinaldo d'Asti è un'opera in due atti di Carlo Coccia, su libretto di Jacopo Ferretti. La prima rappresentazione ebbe luogo al Teatro Valle di Roma il 17 febbraio 1816.[1]

Gli interpreti della prima rappresentazione furono:[2]

Personaggio Interprete
Rinaldo Domenico Donzelli
Adelaide Adelaide Sala
Maggior D. Tempesta Raniero Remorini
Gillotto Filippo Galli
Carolina Agnese Loiselet
Sparabombe Cristoforo Bastianelli

TramaModifica

La scena è in Ripaverde nel casino del maggiore, e nella campagna vicina.

L'azione comprende lo spazio di una notte, e di qualche ora del giorno appresso.

Atto IModifica

Il Maggiore, un militare vanaglorioso ma in realtà assai pauroso, vuole sposare Adelaide, di cui è tutore, ma la ragazza è innamorata di Rinaldo, un ufficiale che da alcuni mesi è lontano.

In una notte tempestosa il Maggiore, il suo assistente Gillotto e i loro uomini escono alla ricerca di presunti assassini. Il maltempo costringe il Maggiore e Gillotto a rifugiarsi in una grotta, nella quale ha trovato riparo anche Rinaldo, che sta facendo ritorno per rivedere Adelaide. Nell'oscurità non si riconoscono ma si spaventano a vicenda e fuggono in diverse direzioni.

Rinaldo giunge alla casa di Adelaide, dove la giovane, con l'aiuto della cameriera Carolina, lo nasconde. Poco dopo arriva anche il Maggiore, mortificato per essersi dato alla fuga. In breve giunge anche Gillotto, che ha trovato per strada l'uniforme e il portafogli persi da Rinaldo, che così viene creduto morto.

Atto IIModifica

Rinaldo riesce a ricuperare l'uniforme e si mette a girare per la casa facendosi credere un fantasma dal terrorizzato Gillotto. Adelaide fa credere al Maggiore che esista un patto tra lei e Rinaldo, secondo il quale se uno di loro fosse morto prima del matrimonio, lo sposalizio si sarebbe dovuto celebrare ugualmente, per poi seppellire la scrittura col defunto. Il Maggiore, per tema di venire perseguitato, accetta di sottoscrivere il matrimonio tra Adelaide e Rinaldo; poi compare lo stesso Rinaldo per apporre la propria firma sul contratto: il Maggiore furioso lo strappa e viene sfidato a duello, con spasso di Gillotto che immagina una sfida tra un vivo e un morto.

Il Maggiore convince Gillotto a sostituirsi a lui nel duello, ma Rinaldo ha la meglio e minaccia i due rivali terrorizzati. Il Maggiore, riluttante, è così costretto ad acconsentire al matrimonio tra Adelaide e Rinaldo, Gillotto si offre come testimone ed annuncia i festeggiamenti.

Struttura musicaleModifica

  • Sinfonia

Atto IModifica

  • N. 1 - Introduzione e Cavatina di Gillotto Su coraggio: all'occasione - Piano, piano, piano, piano (Sparabombe, Coro, Carolina, Gillotto)
  • N. 2 - Duetto fra Adelaide ed il Maggiore Ah! Signor, deh, non partite
  • N. 3 - Coro e Cavatina di Rinaldo Presto... marciamo... di là di qua - Ma tra il fragor del turbine (Coro, Rinaldo)
  • N. 4 - Terzetto fra Rinaldo, il Maggiore e Gillotto Ah! perché, perché t'involi?
  • N. 5 - Aria di Sparabombe Ah! si resti: m'invita, mi alletta
  • N. 6 - Duettino fra Rinaldo ed Adelaide Ah! si cangiò la sorte
  • N. 7 - Aria del Maggiore e Finale I Ombre degli Avi, uditemi - Sottovoce, piano piano (Maggiore, Carolina, Adelaide, Rinaldo, Coro, Tempesta, Gillotto, Sparabombe)

Atto IIModifica

  • N. 8 - Coro ed Aria di Rinaldo Voi dormite come Ghiri - Vorrei ferir l'audace (Carolina, Coro, Rinaldo)
  • N. 9 - Aria di Gillotto È la morte un duro passo (Gillotto, Rinaldo, Coro)
  • N. 10 - Quartetto Ombra carissima, ombra adorata (Adelaide, Rinaldo, Gillotto, Maggiore)
  • N. 11 - Aria di Carolina Son Cameriera
  • N. 12 - Aria di Adelaide Non millantar coraggio (Adelaide, Maggiore, Gillotto)
  • N. 13 - Duetto fra il Maggiore e Gillotto Ho la spada ereditata
  • N. 14 - Finale II Voi soverchiarmi osate? (Rinaldo, Gillotto, Maggiore, Adelaide, Carlotta, Sparabombe, Coro)

NoteModifica

  1. ^ almanacco di amadeusonline Archiviato il 15 marzo 2016 in Internet Archive. (consultato il 10 marzo 2012)
  2. ^ Elenco dalla scheda del libretto, sul sito Libretti d'Opera dell'Università di Padova (consultato il 10 marzo 2012)
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica