Rinascimento spagnolo

aspetti dell'arte e della cultura rinascimentali in Spagna

Il Rinascimento spagnolo è l'insieme delle manifestazioni culturali e artistiche sorte in Spagna, soprattutto nel corso del XVI secolo, per l'influenza del Rinascimento italiano. Si trattò di un'adesione lenta, condizionata dalle tradizioni locali e dotata di caratteri propri.

Il palazzo di Carlo V a Granada

Quattrocento modifica

 
Facciata del palazzo di Cogolludo a Guadalajara

Nonostante la scarsità di fonti documentarie e le modifiche nei secoli successivi, sono stati individuati alcuni edifici che si possono considerare il principio dell'architettura rinascimentale in Spagna,[1] Tutti tali monumenti, databili alla fine del XV secolo, sono legati alla figura di Lorenzo Vázquez e alla committenza della famiglia Mendoza. Le opere che gli sono attribuite sono:

  • Il Colegio Mayor de Santa Cruz a Valladolid (1486-1491), per il cardinale Pedro González de Mendoza, col portale con a timpano a tutto sesto, nello stile del Quattrocento italiano.[2] Probabilmente Vázquez intervenne in corso d'opera per introdurre elementi rinascimentali su una costruzione che non soddisfaceva il committente. L'edificio fu tuttavia molto modificato nei secoli successivi.
  • Il palazzo di Cogolludo a Guadalajara (1492-95 circa) per incarico della famiglia Mendoza, con esuberanti finestre ancora tardo-gotiche, ma portale di forma rinascimentale.[2]
  • Il castello de La Calahorra (1509-12) per il quale tuttavia risulta presente in cantiere anche il genovese Michele Carlone.[2]

Da notare come fin da questo esordio l'architettura del rinascimento spagnolo manifesta uno dei suoi caratteri originali e cioè la convivenza di forme classicheggianti con un'esuberante decorazione proveniente dalla tradizione gotica.

Lo stile plataresco modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Plateresco.
 
Particolare della facciata del Hostal de San Marcos

Tale tendenza a unire forme rinascimentali con fitte decorazioni, portò l'architettura spagnola, tra il XV secolo e il XVI secolo, a uno stile definito plateresco in cui le superfici decorate sono confrontabili con i lavori di argenteria (in spagnolo plata), da cui proviene il nome.

Questo stile fu presto adottato nelle colonie spagnole in America del Sud e in molti edifici religiosi in Messico e secondo alcuni autori, ha a sua volta, influenzato il barocco dell'Italia meridionale.

Importanti esempi di stile plateresco si trovano nel Palazzo Monterrey a Salamanca, di Rodrigo Gil de Hontañón; la facciata del Municipio di Siviglia, di Diego de Riaño; l'Università di Salamanca e l'Università di Alcalà de Henares vicino a Madrid.

Il Cinquecento modifica

Scambi culturali con l'Italia modifica

Nei primi decenni del XVI secolo cominciarono a giungere in Spagna artisti italiani, all'inizio erano principalmente scultori, chiamati dalla committenza aristocratica per il prestigio ormai riconosciuto all'arte rinascimentale, specialmente toscana; contemporaneamente artisti iberici si spostarono nella penisola venendo ad aggiornarsi e a formarsi.

Tra gli artisti provenienti dall'Italia occorre ricordare Jacopo Torni detto l'Indaco (in Spagna dal 1519), Pietro Torrigiano (1521-22) che lasciò in Spagna sculture policrome di grande realismo e Domenico Fancelli di cui rimangono numerose e prestigiose sepolture tra cui quella dei "Re cattolici".

Tra gli spagnoli presenti in Italia a cavallo tra XV e XVI secolo il più conosciuto è Bartolomé Ordóñez, di cui rimangono opere anche a Napoli oltre che in Spagna.

L'architettura manierista modifica

Accanto allo stile plateresco, non mancarono, nel Cinquecento, esempi di piena adesione all'arte rinascimentale e all'architettura rinascimentale, prevalentemente rivolti verso le forme del manierismo, uno stile intento a favorire l'espressività degli artisti. Nella prima metà del XVI secolo, infatti, non mancarono numerosi artisti spagnoli che si formarono in Italia, come Pedro Machuca, Diego de Siloé e Damiàn Forment, e neppure artisti italiani che si recarono in Spagna.

Nell'architettura i due esempi più compiuti ed esemplari furono il Palazzo di Carlo V di Granada (1526) di Pedro Machuca, e il Monastero dell'Escorial di Madrid di Juan Bautista de Toledo e Juan de Herrera.

Note modifica

  1. ^ Nikolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, Dizionario di architettura, voce Vázquez, Lorenzo, Einaudi, 1981, ISBN 8806519611
  2. ^ a b c Nikolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, op. cit. 1981

Altri progetti modifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2010110741